Chloé Dygert Owen affronta le sue paure

Chloé Dygert Owen tra gioia e paura

Chloé Dygert Owen è tornata all’Amgen Tour of California un anno dopo lo spaventoso incidente che ha condizionato la sua stagione scorsa

Chloé Dygert Owen (fonte pagina twitter)

Chloé Dygert Owen (fonte pagina twitter)

Chloé Dygert Owen, vittima di un bruttissimo incidente lo scorso anno ha fatto il suo ritorno in gara all’Amgen Tour of California.

La medaglia d’argento olimpica in carica ha spiegato a VeloNews il suo stato d’animo: “non è facile superare lo shock dell’incidente, sto lottando per uscirne”. Proprio un anno fa, durante gli ultimi chilometri della tappa di apertura della Amgen Tour of California Race del 2018 la Dygert Owen venne coinvolta in una caduta durante la preparazione della volata. La conseguenza, oltre a grandi botte, fu un trauma cranico che ha compromesso l’intera seconda parte della stagione.

Dygert Owen ha perso il controllo il controllo della sua bicicletta deviando la traiettoria e andando a sbattere sull’asfalto pestando violentemente il capo sull’asfalto. Ad un anno esatto dall’incidente, il rientro alle corse con la Sho Air-Twenty20 non può che far riaffiorare i brutti ricordi.

“Il primo giorno ero davvero e preoccupata e scarica, questo mi ha tolto molte energie mentali. Il secondo giorno ho avuto problemi ad anca e schiena e non ero per nulla in forma ma fortunatamente le mie compagne Emma Grant e Jasmine Duehring hanno pedalato davvero alla grande!

Non è difficile comprendere lo stato d’animo della atleta in quanto i postumi del trauma cranico sono stati assolutamente importanti tanto da non riuscire a tornare a correre per buona parte della stagione perdendo anche la prova nazionale su strada, prima di tornare in competizione a luglio per gareggiare nel Kristin Armstrong Chrono Classic.

I sintomi della ferita alla testa si sono protratti fino ad agosto e, dopo aver preso parte ad un training camp a Colorado Springs la Dygert Owen si è di nuovo presa una pausa dalle corse e dall’allenamento.

 

Chloé a marzo ha vinto tre tappe e la generale al Chico Stage Race in California, e poi si è ripetuta in due frazioni e nella classifica generale al Joe Martin Stage Race ad aprile. Dygert Owen ha dimostrato anche di aver aver ripreso il feeling con le salite durante il Tour of the Gila a maggio, dove ha vinto due tappe e si è classificata al secondo posto nella classifica generale.

Questi risultati sono un incoraggiante trampolino verso le Olimpiadi del 2020 a Tokyo ma prima il suo obiettivo saranno i campionati nazionali su strada e a cronometro per poi puntare a ben figurare ai mondiali nello Yorkshire.