Tour de France 2012, Wiggins fermò Chris Froome

Tour de France 2012: “Chris aspettami!”

Tour de France 2012 a Peyragudes il giorno in cui Bradley Wiggins fermò Chris Froome per farsi aiutare a vincere la Grande Boucle davanti proprio al kenyano

Tour de France 2012: Froome e Wiggins

Tour de France 2012: Froome e Wiggins

Tour de France 2012 tappa con arrivo a Peyragudes, mancano poco più di due chilometri all’arrivo dell’ultima tappa pirenaica. Davanti a tutti uno scatenato Alejandro Valverde vuole portare a casa l’alloro di giornata. Alle spalle dell’iberico arrancano un po’ tutti, manca poco alla completa definizione di quelli che saranno i distacchi definitivi sui Campi Elisi, la classifica no, quella è già delineata in modo definitivo. Ai meno due dall’arrivo se ne vanno in due, hanno la stessa maglio o, meglio, lo stesso sponsor perché uno indossa la maglia gialla di leader della generale. I due uomini in fuga sono, appunto, Bradley Wiggins (in maglia gialla) e Chris Froome il secondo della generale. L’attacco dei due uomini Sky sfianca la resistenza del nostro Vincenzo Nibali, il suo terzo posto in generale non è in pericolo ma gli uomini del team britannico hanno un altro passo.

Domenica sugli Champs Elysées, saranno i basettoni di Wiggins a caratterizzare il look del vincitore mentre gli occhi chiari e la carnagione diafana di Froome saranno un gradino più sotto.
Le danze le comanda l’emergente “kenyano bianco” Froome che tira su per i tornanti il capitano ma che succede? Wiggins arranca, si stacca e Froome prende qualche metro. Il kenyano potrebbe allungare, fors’anche mettere un distacco tale tra i due da invertire l’ordine Parigino.

Ed ecco l’ordine dall’ammiraglia: “fermati!” E’ normale nel ciclismo ed in altri sport (vedi la formula uno), non è l’unica volta che accade. Basti rammentare ciò che accadde a Jan Ullrich con Bjarne Riis o a Greg LeMond con Bernard Hinault. A volte il gregario è più forte del capitano ma le gerarchie sono determinate a tavolino e vanno rispettate, un patto di onore tra ciclisti.

Certo non è facile accettare di arrivare secondo quando puoi essere il primo, ancor più arduo è farlo comprendere a tifosi ed amici che meno conoscono le regole non scritte dello sport del pedale.

Insomma la classifica del Tour de France 2012 è questione di onore tra compagni di team più che di gambe.

L’afrikaner di Nairobi sente l’urlo nell’auricolare del direttore sportivo e il grido di Wiggins: aspettami! Se avesse avuto carta bianca sarebbe ripiombato su Valverde che invece può gongolare a due anni dalla squalifica per doping

I rimpianti non fanno la storia ma se Froome non fosse caduto nella prima tappa, con un ritardo di 1’ e 25″, magari avrebbe recuperato i 44″ persi nelle prime due cronometro e quelli che cederà il giorno dopo a Chartres. A cronometro va forte Bradley ma in montagna il “califfo” è Chris, lo ha dimostrato anche a Les Belles Filles qualche giorno prima.

All’arrivo sono inevitabili le domande dei cronisti, rivolte al Team manager di Sky, David Brailsford, che da sapiente volpone mette tutto a tacere: “Sono fiero dei miei ragazzi”, stop non una parola sull’ardine di scuderia “incriminato”.

Sulla stessa lunghezza d’onda Bradley Wiggins che però si espone un po’: “Voleva vincere la tappa, me l’ha chiesto e ho risposto di sì. Ma poi ho perso la concentrazione, lui mi stava portando su al limite, e con la testa ero in un altro mondo”.

Tutto risolto nella tranquillità del possente motorhome di casa Sky? Apparentemente si ma, lo dicevano, le regole non scritte sono facilmente interpretabili dai protagonisti, meno da chi sta vicino agli atleti.
Michelle Cound, fidanzata di Chris Froome, manda un paio di flash al vetriolo su Twitter: “All’improvviso non sono più nell’umore per andare a Parigi. Che presa in giro” e, ancora: “So quanto Chris voleva vincere, e siate in disaccordo con me quanto volete”.

Quasi contemporaneamente la stampa incalza il Kenyano bianco sulla surreale situazione (naturalmente Chris non sa cei “cinguettii” della compagna): “volete sapere se mi sono sacrificato per Wiggo? Certo, tutti ci siamo sacrificati per la Maglia Gialla, era nei piani di corsa. Sono felice di essere sul podio, due anni fa cercavo un contratto senza esito ed ora sono qui! Ho 27 anni e un giorno sarò io a trionfare al Tour de France”.

In serata girano voci di un possibile addio del Kenyano al Team Sky, le sirene della BMC sono forti e il budget del Team del magnate svizzero Andy Rihs è inarrivabile ai tempi del Tour de France 2012.

Il resto della storia la conoscete tutti, Chris Froome, dopo il Tour de France 2012, non solo non se ne andrà dalla Sky ma ne diventerà il capitano vincendo la Grande Boucle dell’anno successivo davanti al favorito Nairo Quintana con oltre 4 minuti di vantaggio. Sarà il primo alloro francese per il kenyano bianco che ne inanellerà altri negli anni successivi fino alla torbida vicenda della positività al salbutamolo che farà aleggiare sulla sua testa tante ombre e che scatenerà la lotta a colpi di social tra Michelle Cound (nel frattempo convolata a nozze con Froome) e Catherine Wiggins.

Abdoujaparov e la lattina di Coca-Cola indigesta

Abdoujaparov: il terrore di  Tashkent e quella Coca-Cola “indigesta”

Abdoujaparov

Abdoujaparov impatta conto la Coca-Cola

Abdoujaparov, all’anagrafe Džamolidin Abdužaparov, fu uno sprinter di primissimo piano negli anni ’90. Soprannominato “Abdou” dai telecronisti internazionali, che più che volentieri si evitavano quella sorta di scioglilingua fatto di tante consonanti tra vocali messe a caso, era invece definito Tashkent Terror dai colleghi del gruppo.
Se la ragione del soprannome televisivo era puramente funzionale al lavoro di cronista, quello affibbiatogli dal gruppo era frutto dell’incontro tra la città natale del velocista, appunto Tashkent e il termine Terror. Perché proprio terror? Beh anche qui è presto detto, il buon (ma non troppo) Abdoujaparov era arcinoto fin dalle sue prime apparizioni tra i pro per il suo modo di correre a dir poco spregiudicato.

Abdoujaparov, unico musulmano del gruppo, passò professionista nel 1990 nel team Sanmarinese della Alfa Lum ma la sua prima stagione non fu molto fortunata. Il passaggio alla Carrera segnò un salto di qualità per il corridore Uzbeko che cominciò a conquistare vittorie di prestigio ma che in poco tempo divenne un vero e proprio spauracchio per i colleghi velocisti: spinte, cambi di direzione improvvise, gomitate erano all’ordine del giorno quando a giocarsi la volata c’era Abdou.

Il 1991 fu l’anno dell’esplosione di Abdou che conquisto la Gand-Wevelgem e due tappe al Tour de France (la Lione-Lione, tappa di esordio di quella Grand Boucle e la Digione-Reims) battendo atleti del calibro di Mario Cipollini e Erik Zabel.

E proprio il suo meglio o, più correttamente, peggio lo fece vedere all’arrivo dell’ultima tappa di quel Tour de France. Abdoujaparov, in forza alla Carrera, indossa la maglia verde e si appresta a festeggiare la conquista della maglia del leader della classifica a punti ma prima vuole giocarsi la volata finale sugli Champs-Élysées, alloro eterno per uno sprinter. Abdou è probabilmente il più forte in corsa tra le ruote veloci e sicuramente è quello più in forma.

Nell’impostare una volata di pura rabbia e potenza l’Uzbeko si sposta sulla destra della carreggiata, spinge sui pedali, si sposta ancora, quasi a sfiorare le transenne e proprio nell’avvicinarsi troppo al limite della strada investa una lattina di Coca-Cola (in gomma) della pubblicità. Il volo è spaventoso, l’impatto con l’asfalto stenderebbe un leone: clavicola rotta, escoriazioni in più punti e un forte trauma cranico. La tappa viene vinta da Dmitrij Konyšev in maglia TVM.

Quella Coca-Cola per Abdoujaparov è assolutamente indigesta, tanto indigesta da costargli un insolito primato: dopo la caduta viene portato in ospedale per accertamenti ed è l’unico vincitore della maglia verde a non essere stato presente alla premiazione di Parigi. Naturalmente, prima di essere portato in ospedale, il Tashkent Terror deve tagliare la linea dell’arrivo zoppicando in quando è necessario tagliare il traguardo per conquistare la competizione.

Subito dopo la linea dell’arrivo viene caricato su di una lettiga e portato al più vicino ospedale. Su youtube è presente un video che testimonia una della cadute più drammatiche della storia del ciclismo.

La carriera di Abdoujaparov proseguì sempre con l’ombra delle sue scorrettezze ad aleggiare sulle sue vittorie e terminò nel 1997 quando venne trovato positivo al Bromantane- Clenbuterol proprio durante una tappa del Tour de France. Quella positività venne confermata da altri controlli antidoping che evidenziarono l’uso della medesima sostanza in altre occasioni. La squalifica non fu nemmeno troppo severa (una anno) ma, visto anche l’età avanzata, l’Uzbeko decise di porre fine alla sua carriera.