Francesca Pattaro Campionessa Italiana Derny

Francesca Pattaro Campionessa Italiana Derny

Francesca Pattaro della BePink ha conquistato il titolo di  Campionessa Italiana Derny 2019  insieme al driver Cordiano Dagnoni

Francesca Pattaro con la Maglia Tricolore

Francesca Pattaro con la Maglia Tricolore

 

Francesca Pattaro è la Campionessa Italiana Derny 2019. Nella sfida Tricolore andata in scena al Velodromo di Busto Garolfo (Mi) la padovana classe 1995, già medaglia d’oro nel 2017, è tornata sul gradino più alto del podio nella specialità dietro moto leggere insieme al driver Cordiano Dagnoni.

Pattaro e Dagnoni, in grande sintonia, hanno aspettato la seconda metà di corsa per  sferrare l’acuto decisivo e, dopo aver resistito e risposto agli attacchi degli avversari, hanno conquistato il titolo.

Buona anche la performance di Silvia Valsecchi che, con Christian Dagnoni, ha vissuto in avanscoperta le prime fasi della corsa aprendo le “ostilità” della serata.

“Quella del Derny è sempre una gara moto tecnica, dove l’affiatamento tra pilota e corridore è fondamentale. Pattaro e Dagnoni hanno trovato subito un ottimo feeling e il risultato è stato impeccabile. Siamo felicissimi di questo titolo e molto contenti di essere riusciti, ancora una volta, a conquistare una Maglia Tricolore” ha detto il Team Manager Walter Zini.

Venerdi BePink tornerà a gareggiare a bordo delle bici tradizionali al 3° Trofeo Rancilio Ladies, che si svolgerà in notturna a Parabiago (Mi).

LEM Helmets e BePink insieme nel 2019

LEM Helmets e BePink assieme nel 2019

LEM Helmets, azienda nata nel 1972 leader nella produzione di caschi da ciclismo, affianca il Team BePink

LEM Helmets e BiPink (comunicato stampa)

LEM Helmets e BiPink (comunicato stampa)

BePink è lieta di annunciare ufficialmente un nuovo sponsor tecnico, LEM Helmets, azienda nata nel 1972 leader nella produzione di caschi da ciclismo sicuri, eleganti e performanti per strada, mountain bike, pendolari e bambini.

La formazione lombarda nel 2019 correrà con i modelli da strada Gavia e Volata, due prodotti superiori che combinano in un perfetto mix sicurezza, confort, ventilazione, aerodinamicità e leggerezza.

Entrambi i caschi a disposizione di BePink sono in un’edizione limitata “pink colorways”.

Gavia è stato progettato e disegnato in base a una tecnologia che garantisce il massimo della sicurezza e delle prestazioni e prende il nome dall’iconico Passo Gavia, nelle Alpi, una delle più famose e affascinanti salite del Giro d’Italia.

Volata è stato ispirato dal termine italiano che indica lo “sprint finale” ed è progettato per migliorare l’esperienza di pedalata grazie a una vestibilità confortevole e leggera, contribuendo a ottimizzare al meglio le prestazioni dell’atleta durante la corsa.

“Siamo entusiasti di collaborare con BePink e supportare questa talentuosa squadra nel corso della stagione 2019 e nelle corse che verranno affrontate in tutto il mondo. Essendo BePink un team italiano, e visto che LEM fonda le sue radici proprio in Italia, possiamo dire che le stelle si siano allineate per creare un ottimo incontro,” ha commentato Keith Cozzens, Global Brand Marketing Director di LEM. “La professionalità e la dedizione all’organizzazione sono senza pari e siamo ansiosi di coltivare una duratura e proficua partnership, con l’obiettivo di fornire alle atlete la massima protezione e performabilità.”
“Siamo orgogliosi di essere un team italiano e che l’Italia rappresenti un ‘fil rouge’ con la storia di LEM. Siamo certi che insieme faremo grandi cose,” ha spiegato il Team Manager di BePink Walter Zini.“La squadra trarrà, sicuramente, un grande beneficio da questa partnership e saremo in grado di lavorare con questa azienda su molteplici livelli – inclusi i prodotti – nel corso di questa stagione e nei prossimi anni.”

Per maggiori informazioni su LEM Helmets: https://lemhelmets.com/

FONTE COMUNICATO STAMPA

Danilith Nokere Koerse voor Dames per la BePink

Danilith Nokere Koerse voor Dames per la BePink

Danilith Nokere Koerse voor Dames impegno infrasettimanale per Katia Ragusa e le ragazze della BePink

Le ragazze BiPink (fonte comunicato stampa)

Le ragazze BiPink (fonte comunicato stampa)

Impegno infrasettimanale per BePink che, prima di tornare a gareggiare in Italia e nel World Tour al Trofeo Binda-Comune di Cittiglio (domenica 24 marzo), domani si schiererà al via della Danilith Nokere Koerse voor Dames (1.1-UCI).

In Belgio la selezione della formazione lombarda sarà composta da Rachele Barbieri, Tatiana Guderzo, Nicole Steigenga, Chiara Perini, Vania Canvelli e Katia Ragusa, fresca vincitrice in Francia del 17° Grand Prix Féminin de Chambéry.

La prova fiamminga, per il primo anno declinata anche al femminile, partirà da Deinze e si concluderà a Nokere dopo 121,6 km, con il Nokereberg (côte al 6 %) che verrà affrontato sette volte: due nel tratto iniziale, cinque in altrettanti giri del circuito che animerà la seconda parte di corsa.

Line-Up 1^ Danilith Nokere Koerse voor Dames (BEL, 20 marzo, 1.1):
Rachele Barbieri, Italia, 21/02/1997 U23
Vania Canvelli, Italia, 21/10/1997 U23
Tatiana Guderzo, Italia, 22/08/1984
Chiara Perini, Italia, 09/12/1997 U23
Katia Ragusa, Italia, 19/05/1997 U23
Nicole Steigenga, Olanda, 27/01/1998 U23

FONTE COMUNICATO STAMPA

Domenica francese per BePink

Domenica francese per BePink

Domenica francese per BePink  che domenica sarà al via della 17esima edizione del Grand Prix Féminin de Chambéry

Domenica francese per BePink

Domenica francese per BePink

Dopo i buoni riscontri arrivati nelle sfide toscane dello scorso weekend, con il dodicesimo posto di Guderzo alla Strade Bianche (Siena) e il terzo di Magri al Trofeo Oro in Euro di Montignoso (Ms), il mese di marzo di BePink riparte dalla Francia e dalla regione Alvernia-Rodano-Alpi.

Domenica 17 marzo la formazione lombarda parteciperà alla 17^ edizione del Grand Prix Féminin de Chambéry, che si correrà a Chambéry-le-Vieux sulla distanza di 96 km.

Nella prova interregionale transalpina la carovana dovrà affrontare per 12 volte un circuito selettivo e vallonato, della lunghezza di 8 km, comprensivo di una côte di 800 metri in cima alla quale è posta la linea bianca dell’arrivo.

Al Grand Prix Féminin de Chambéry la selezione BePink sarà composta da Silvia Valsecchi, Silvia Magri, Silvia Zanardi, Chiara Perini, Katia Ragusa e Vania Canvelli.

Mercoledi 20 marzo la squadra continuerà a gareggiare oltre confine e in Belgio – alla Danilith Nokere Koerse voor Dames (1.1) – prima di tornare in Italia, domenica 24 marzo, per il tradizionale appuntamento varesino del Trofeo Alfredo Binda – Comune di Cittiglio (1.WWT).

Line-up 17° Grand Prix Féminin de Chambéry (FRA, 1.15, 17 marzo):
Vania Canvelli, Italia, 21/10/1997 U23
Silvia Magri, Italia, 17/10/2000 U23
Chiara Perini, Italia, 09/12/1997 U23
Katia Ragusa, Italia, 19/05/1997 U23
Silvia Valsecchi, Italia, 19/07/1982
Silvia Zanardi, Italia, 03/03/2000 U23

FONTE COMUNICATO STAMPA

Trasferta in Belgio per BePink

Trasferta alla Omloop Het per la BePink

Trasferta alla Omloop Het Nieuwsblad-vrouwen elite per il Team BePink di Tatiana Guderzo, Rachele Barbieri e Katia Ragusa

Trasferta per la BePink (fonte comunicato stampa)

Trasferta per la BePink (fonte comunicato stampa)

Dopo il debutto europeo in Spagna, BePink prosegue la prima parte di stagione ciclistica sulle iconiche strade del Belgio, con un tris di gare che vedrà impegnate Tatiana Guderzo, Rachele Barbieri, Katia Ragusa, Tereza Medvedova, Nicole Steigenga, Chiara Perini e Silvia Zanardi.

Per la formazione lombarda la prima trasferta al Nord targata 2019 si aprirà sabato 2 marzo con i muri e il pavè della Omloop Het Nieuwsblad-vrouwen elite / Circuit Het Nieuwsblad-Femmes Elite (1-1.UCI): 122,9 km da Gent a Ninove inaspriti da 10 cotes (Leberg, Wolvenberg, Molenberg, Rekelberg, Berendries, Elverenberg-Vossenhol, Tenbosse, Eikenmolen, Muur – Kapelmuur e Bosberg).

Domenica 3 marzo, poi, la selezione blu-magenta si schiererà al via della Spar – Omloop van het Hageland – Tielt-Winge (1.1-UCI), 132,6 km con partenza da Tienen e arrivo a Tielt – Winge.

Il 5 marzo sarà, invece, la volta de Le Samyn des Dames (1.2-UCI). La sfida femminile dell’Hainaut – che nella denominazione ricorda il suo primo vincitore, José Samyn – scatterà da Quaregnon per approdare a Dour dopo 101,1 km non privi di difficoltà altimetriche.

Line-Up Omloop Het Nieuwsblad-vrouwen elite (2 marzo, BEL, 1.1), Spar – Omloop van het Hageland – Tielt-Winge (3 marzo, BEL, 1.1), Le Samyn des Dames (5 marzo, BEL, 1.2):
Tatiana Guderzo, Italia, 22/08/1984
Rachele Barbieri, Italia, 21/02/1997 U23
Katia Ragusa, Italia, 19/05/1997 U23
Tereza Medvedova, Slovacchia, 27/03/1996
Nicole Steigenga, Olanda, 27/01/1998 U23
Chiara Perini, Italia, 09/12/1997 U23
Silvia Zanardi, Italia, 03/03/2000 U23

Trasferta in Spagna per BePink

Trasferta iberica per le ragazze della BePink

La formazione lombarda parteciperà alla Vuelta a la Comunitat Valenciana Feminas, poi ritiro a Calpe

Trasferta spagnola per la BePink (fonte comunicato stampa)

Trasferta spagnola per la BePink (fonte comunicato stampa)

Dopo i buoni risultati conseguiti nelle gare d’inizio anno in Australia, BePink torna a pedalare sulle strade europee.

Domenica 10 febbraio la carovana rosa sbarcherà nel Vecchio Continente e in Spagna alla Vuelta a la Comunitat Valenciana Feminas, prova 1.2-UCI con partenza da Paterna e traguardo a Valencia: 88,5 km privi di particolari difficoltà altimetriche che ricalcheranno la tappa di chiusura della corsa maschile.

La prima edizione della gara iberica segnerà il debutto in gruppo stagionale su strada di Tatiana Guderzo, che avrà al proprio fianco una selezione competitiva, forte di Rachele Barbieri, Katia Ragusa, Francesca Pattaro, Tereza Medvedova e l’esordiente in maglia blu-magenta Chiara Perini.

“Visti gli ottimi riscontri in Oceania, non possiamo che essere fiduciosi!,” ha spiegato il Team Manager Walter Zini.“Il percorso si presenta pianeggiante, adatto alle caratteristiche di Barbieri, che già nelle prove precedenti ha dimostrato di avere una gamba eccellente e, quindi, auspichiamo di riuscire a fare bene. La Vuelta a la Comunitat Valenciana Feminas, inoltre, sarà la prima gara dell’anno di Guderzo, che già da qualche giorno si sta allenando in Liguria e la prima in assoluto con i nostri colori della giovane Chiara Perini, una delle new-entry del 2019 alla quale va il nostro più grande in bocca al lupo, certi che saprà farsi valere!”

 

In seguito alla Vuelta a la Comunitat Valenciana Feminas BePink resterà in Spagna per un training camp di affinamento della preparazione.

La squadra al completo – fatta eccezione per Silvia Valsecchi, impegnata con la Nazionale, e Gloria Scarsi, che dovrà restare in patria per impegni scolastici – fino al 21 febbraio soggiornerà, sotto la supervisione del Ds Sigrid Corneo, come da tradizione presso l’Hotel AR Diamante Beach di Calpe, rinomato quattro stelle prediletto sia dai ciclisti professionisti che dagli appassionati frequentatori della Costa Blanca dove, grazie al clima particolarmente mite offerto da questa suggestiva località, sarà possibile effettuare sessioni di allenamento mirate.

“Anche quest’anno sarà un enorme piacere tornare a Calpe e all’Hotel AR Diamante Beach” ha aggiunto Zini. “E’ da diverse stagioni che tutto lo staff di questa splendida struttura mette a disposizione delle nostre atlete la propria professionalità e cortesia, permettendoci di sentirci come a casa e di preparaci al meglio in vista degli importanti impegni che ci attendono.”

Line-up Vuelta a la Comunitat Valenciana Feminas (10/02, Esp, 1.2-UCI):
Rachele Barbieri, Italia, 21/02/1997 U23
Tatiana Guderzo, Italia, 22/08/1984
Tereza Medvedova, Slovacchia, 27/03/1996
Francesca Pattaro, Italia, 12/03/1995
Chiara Perini, Italia, 09/12/1997 U23
Katia Ragusa, Italia, 19/05/1997 U23

 

FONTE COMUNICATO STAMPA

BePink correrà con biciclette De Rosa

BePink correrà con le biciclette De Rosa

BePink è lieta di annunciare che, nel 2019, pedalerà con biciclette De Rosa coi  modelli PROTOS e TT-03 per tutta la stagione.

 

BePink: Cristiano De Rosa e Walter Zini

BePink: Cristiano De Rosa e Walter Zini

La tecnologia e lo stile racing dei modelli PROTOS e TT-03 accompagneranno la formazione lombarda in tutti i prossimi impegni della stagione
In questa nuova stagione ad accompagnare le ragazze della formazione lombarda, diretta dal Team Manager Walter Zini, nei principali appuntamenti del calendario internazionale e nazionale femminile sarà lo storico marchio di Cusano Milanino (Mi), che metterà a disposizione del team la tecnologia e lo stile racing dei modelli PROTOS e, per le prove a cronometro, TT-03.

MODELLI E COMPONENTISTICA
L’eleganza intramontabile del nero, impreziosita da inserti blu elettrico e bianco, caratterizzerà la livrea della PROTOS De Rosa per BePink, aggiungendo una nota graffiante al confermato look blu-magenta delle #pinkladies. Tonalità nero mat, invece, per la TT-03 da time trial.

Ciascuna De Rosa PROTOS sarà equipaggiata con gruppi Shimano, selle Repente, attacchi e manubri Deda 35 di Deda Elementi, ruote Deda Elementi – nelle versioni SL45, SL30 -, gomme Schwalbe e portaborracce Elite. Inoltre, le TT-03 monteranno ruote Deda Elementi SL88 ed SL Hero e manubri Tribar e Fast Black 2, sempre di Deda Elementi.

 

LE DICHIARAZIONI DEI PROTAGONISTI

“Siamo veramente entusiasti di iniziare questa stagione con nuovi partner di assoluto valore,” ha detto il Team Manager Walter Zini. “Come siamo orgogliosi di presentare ufficialmente la nuova bici che accompagnerà BePink in tutti i prossimi appuntamenti del 2019. De Rosa è una delle aziende più rinomate del settore e un marchio che ha contribuito a scrivere pagine indelebili della storia del ciclismo. La pluricinquantennale esperienza, la passione e la continua ricerca hanno dato origine a prodotti di qualità superiore e siamo felici che abbiano deciso di mettere a disposizione di BePink il modello PROTOS, un telaio top di gamma che ci renderà maggiormente orgogliosi di calcare tutte le più prestigiose strade italiane e straniere!”

Cristiano De Rosa, Amministratore del brand di Cusano Milanino, commenta con entusiasmo la nuova partnership:  “Il ciclismo femminile ha un suo status ed ha raggiunto la sua dimensione. Il circuito world tour permette una grande visibilità , non esiste più il mondo legato agli uomini e alle donne, esistono le persone che praticano il ciclismo… a livello professionistico o granfondistico. De Rosa segue il ciclismo , De Rosa vive il ciclismo , De Rosa ama il ciclismo , De Rosa è ciclismo . Walter Zini General manager del team è il ciclismo, lo conosco da 35 anni e sono orgoglioso di intraprendere questa nuova avventura a fianco del suo Team”.

 

FONTE COMUNICATO STAMPA

Rachele Barbieri terza nell’ultima tappa del WTDU

Rachele Barbieri terza nell’ultima tappa del Tour Down Under

Rachele Barbieri della BePink regala soddisfazioni al team nell’ultima tappa del Santos Women’s Tour Down Under. Katia Ragusa 15esima in classifica generale

Rachele Barbieri (fonte comunicato stampa)

Rachele Barbieri (fonte comunicato stampa)

Al Santos Women’s Tour Down Under (2.1-UCI) è arrivato il primo podio stagionale per Rachele Barbieri e per BePink.

La veloce atleta modenese, già quinta nella frazione d’apertura della gara australiana, nella tappa di congedo con partenza e arrivo ad Adelaide (42,5 km) ha centrato una splendida terza piazza, confermando di essere in crescendo di condizione.

Le soddisfazioni per la formazione lombarda, guidata nella trasferta oceanica dal Ds Sigrid Corneo, non sono mancate nemmeno in classifica generale dove Katia Ragusa si è posizionata quindicesima, risultando la migliore delle atlete italiane ed europee in gruppo.

“Siamo veramente felici di questi risultati,” ha detto il Team Manager Walter Zini. “Il nuovo anno è iniziato, decisamente, con il piede giusto e, ora, possiamo guardare con maggior entusiasmo ai prossimi impegni, dando come sempre il massimo per toglierci altre belle soddisfazioni.”

Il trittico oceanico proseguirà con la Cadel Evans Great Ocean Road Race (1.1-UCI) il 26 gennaio e si concluderà con il Womens Herald Sun Tour (2.2-UCI), in programma il 30 e 31 gennaio.

FONTE UFFICIO STAMPA BEPINK

Giochi del Mediterraneo 2018 brilla l’Italia

Giochi del Mediterraneo 2018 oro Longo Borghini e Duranti

Giochi del Mediterraneo 2018 l’Italia splende grazie all’oro di Elisa Longo Borghini della Wiggle-High5 e di Jalel Duranti

Giochi del Mediterraneo 2018: Longo Borghini

Giochi del Mediterraneo 2018: Longo Borghini

Giochi del Mediterraneo 2018 è grande Italia nel ciclismo con Elisa Longo Borghini della Wiggle-High5 che si prepara all’imminente Giro d’Italia Femminile dominando sul circuito di Tarragona (Spagna) e lasciando solo le briciole alle avversarie.

La starting list della gara non era assolutamente di altissimo livello ma la nazionale Italiana ha letteralmente annichilito le avversarie.
La vittoria di Elisa è arrivata grazie ad una fuga solitaria e all’aver perfettamente sfruttato il lavoro da “stopper” delle compagne di squadra. La campionessa di Ornavasso ha chiuso addirittura con 3’18” di margine sulla prima delle inseguitrici, la spagnola Ane Santesteban della Alé Cipollini.

Il terzo posto è andato ad un’altra ragazza azzurra, Erica Magnaldi: della BePink che nella volata finale si è dovuta accontentare del bronzo

Nella top-10 dei Giochi del Mediterraneo, anche Elena Cecchini e Maria Giulia Confalonieri, nona e decima.

Giochi del Mediterraneo 2018: vince Jalel Duranti

Nella prova maschile svoltasi nel mattino erano parecchi gli uomini di Marino Amadori in grado di poter competere per la vittoria finale lungo il movimentato percorso che ha portato comunque il gruppo a giocarsi la vittoria in volata.

Ad imporsi è stato Jalel Duranti, cremonese di Genivolta classe 1994 che ha ottenuto sicuramente la vittoria di maggior prestigio della sua giovane carriera. Dopo tanti tentativi sfortunati, il giovane corridore della Petroli Firenze Hopplà (in carriera ha corso anche per Overall Cycling Team e  Viris Maserati) coglie l’attimo propizio con il suo spunto veloce.

Alle spalle di Duranti si è piazzato Filippo Tagliani che, sul traguardo di Vila-Seca, ha preceduto il portoghese Rafael Silva.

I nostri atleti hanno impostato una corsa intelligente mantenendo alta la concentrazione e restando nel gruppo di testa (composto da circa 20 unità) che ha  poi finito per giocarsi la vittoria finale allo sprint.

 

Lisa Morzenti intervista esclusiva per ciclonews

Lisa Morzenti intervista in esclusiva per la nostra redazione

Lisa Morzenti intervista  di ciclonews ad uno degli astri nascendo del ciclismo rosa italiano che ci racconta la sua passione per le due ruote e per Marco Pantani.

Lisa Morzenti intervista

Lisa Morzenti intervista

Lisa Morzenti intervista alla bergamasca classe 1998 attualmente in forza alla BePink, già atleta dell’Astana Women’s Team: campionessa europea e vicecampionessa del mondo a cronometro tra le juniores nel 2016.
Lo scorzo anno ha preso parte ai Mondiali di Bergen conquistando il 24esimo posto nella prova a cronometro individuale.

Ciao Lisa, anzitutto grazie per aver accettato la nostra intervista. Ci racconti come è nata la tua passione per il ciclismo.

Ciao ragazzi e grazie a voi per lo spazio che mi dedicata. Ho iniziato con il ciclismo quasi per caso anche se in famiglia il ciclismo era una passione. Mio padre, infatti, prendeva parte a corse ciclistiche amatoriali ed è stato lui ha trasmettermi questa passione che mi sta regalando tante soddisfazioni.

Il ciclismo è uno sport di fatica che richiede dedizione e impegno. Quanto ha influenzato la tua adolescenza ?

In molti nel mondo dello sport si lamentano un po’ dei sacrifici che l’attività agonistica comporta. Personalmente non credo che il ciclismo che abbia influenzato la mia adolescenza. Ho iniziato con il ciclismo a nove anni nella Fulgor Seriate, la squadra della mia città e per me la routine scuola-allenamento-corsa è sempre stata la normalità. Ho affrontato il ciclismo con passione e amore e se il prendere parte ad una gara mi comportava la rinuncia all’uscita del sabato sera non me ne sono mai lamentata anzi. Insomma il mio piacere è la bicicletta, la vera rinuncia sarebbe non andarci

Quali valori ti ha trasmesso il ciclismo che applichi anche nella vita e perché lo suggeriresti a una ragazza che vuole iniziare?

Il ciclismo mi ha insegnato cos’è la fatica, l’impegno e la voglia di raggiungere gli obiettivi che mi pongo quotidianamente. Ammetto che non ero una grande amante dello studio ma ho vincolato i miei successi scolastici all’andare in bicicletta e di conseguenza posso dire che le due ruote mi hanno fatto completare gli studi.
Questo sport mi ha insegnato ad organizzare al meglio il mio tempo, ottimizzare ogni minuto e mi ha fatto capire quanto sia bello tornare a casa dopo essere stata via per un periodo a correre. Credo che possano essere dei validi spunti per spingere una ragazza a provare questo sport.

C’è una corsa che Lisa Morzenti  ricorda con particolare piacere?

Sinceramente non ho una corsa che ricordo più delle altre ma se devo essere sincera ho un aneddoto meraviglioso che non dimenticherò mai. E’ legato ad una compagna di squadra: Sara Calissi. Eravamo nella categoria allieve durante la Coppa Rosa, io ho forato e lei pur di farmi terminare la corsa mi ha lasciato la sua ruota rinunciando di fatto a completare una corsa a cui teneva molto. Credo che questo gesto sia il paradigma di questo sport, non potrò mai dimenticare la bellezza e la profondità di quel momento.

C’è un ciclista o una ciclista che ammiri particolarmente o ti ha ispirato?

Mi ha ispirato molto Marco Pantani, un vero mito del ciclismo, una persona che è stata molto brava in sella quanto sfortunata fuori dalle corse. In famiglia mi hanno sempre parlato molto di Marco e devo dire che anche se non ho le sue caratteristiche per me è e sarà sempre un punto di riferimento, il Pirata sarà per sempre unico.

Cosa ti piace fare nel tempo libero?

Il tempo libero lo passo con il mio ragazzo, con la mia famiglia e con gli amici. Ho una sorella più piccola e un fratello maggiore con cui adoro passare il mio tempo. Ammetto di non avere degli hobby particolari ma amo godere gli attimi liberi facendo cose magari semplici ma umanamente molto appaganti

Come ti trovi nel nuovo team?

Devo dire che mi trovo molto bene, sono veramente soddisfatta della scelta fatta, credo che in questa squadra potrò continuare nel mio percorso di crescita umana e professionale.

Quali sono i prossimi obiettivi professionali per il 2018?

Ora sono in Australia per le prime gare di stagione e per fare esperienza. Quest’anno mi piacerebbe ottenere un buon risultato al campionato italiano a cronometro e partecipare ai Campionati Europei e ai Mondiali in Austria a cronometro. Poi ho ancora molto da imparare e voglio essere da aiuto alla squadra.