World Tour 2019 alle porte la nuova stagione del ciclismo

World Tour 2019 ecco tutti i team

World Tour 2019 ecco l’elenco di tutte le formazioni che si daranno battaglia per 365 giorni lungo le strade di tutto il mondo

World Tour 2019

World Tour 2019

World Tour 2019 rombano i motori delle ammiraglie, si lucidano le biciclette e si scaldano le gambe per il sempre più imminente avvio della stagione ciclistica ormai alle porte.

Il ciclomercato ha imperversato in questi mesi che hanno visto l’uscita di scena di un team storico come la BMC (orfana di Andy Rihs) il cui posto è stato preso dalla CCC. Il nuovo team ha letteralmente rivoluzionato l’organico inserendo il velocista italiano Jakub Mareczko e attingendo a piene mani dai team professional.

Tra le novità più “golose” della prossima stagione ci sarà la presenza dell’astro nascente del ciclismo mondiale  Remco Evenepeol  che ha firmato per la Deceuninck-Quick Step che però deve salutare Fernando Gaviria accasatosi alla UAE-Team Emirates. Mercato all’insegna della continuità per i “top team” Movistar, Sunweb e Team Sky così come per AG2R La Mondiale, Groupama-FDJ,

Richie Porte si è accasato alla Trek-Segafredo che si è dunque assicurata un leader vero per le corse a tappe. Tony Martin e Enrico Battaglin si sono “scambiati” il posto passando dalla Katusha-Alpecin alla Jumbo.

 

Ecco l’elenco completo dei teat World Tour 2019

 

AG2R La Mondiale

Gediminas Bagdonas, Romain Bardet, François Bidard, Geoffrey Bouchard, Mikael Cherel, Clément Chevrier, Benoit Cosnefroy, Nico Denz, Silvan Dillier, Axel Domont, Samuel Dumoulin, Hubert Dupont, Julien Duval, Mathias Frank, Tony Gallopin, Ben Gastauer, Alexandre Geniez, Damien Godon, Alexis Gougeard, Jaakko Hänninen(21) Quentin Jauregui, Pierre-Roger Latour, Olivier Naesen, Aurélien Paret-Peintre. Nans Peters, Stijn Vandenbergh, Clement Venturini, Alexis Vuillermoz, Larry Warbasse

Astana Pro Team

Zhandos Bizhigtov, Davide Ballerini, Pello Bilbao, Manuele Boaro, Hernando Bohórquez, Dario Cataldo, Rodrigo Contreras, Magnus Cort Nielsen, Laurens De Vreese, Daniil Fominykh, Omar Fraile, Jakob Fugslang, Yevgeniy Gidich, Jonas Gregaard, Dmitriy Gruzdev, Jan Hirt, Hugo Houle, Ion Izagirre, Gorka Izagirre, Bakhtiyar Kozhatayev, Merhawi Kudus, Miguel Angel Lopez, Alexey Lutsenko, Yuri Natarov, Luis Leon Sanchez,  Nikita Stalnov, Davide Villella, Artyom Zakharov, Andrei Zeits

Bahrain Merida Pro Cycling Team

Valerio Agnoli, Yukiya Arashiro, Phil Bauhaus, Grega Bole, Damiano Caruso, Rohan Dennis, Sonny Colbrelli, Ivan Garcia Cortina, Chun Kai Feng, Andrea Garosio, Heinrich Haussler, Kristijan Koren, Matej Mohoric, Antonio Nibali, Vincenzo Nibali, Domen Novak, Mark Padun, Hermann Pernsteiner, Luka Pibernik, Domenico Pozzovivo, Marcel Sieberg, Dylan Teuns, Jan Tratnik, Meiyin Wang, Stephen Williams

BORA – hansgrohe

Pascal Ackerman, Erik Baška, Cesare Benedetti, Sam Bennett, Maciej Bodnar, Emanuel Buchmann, Marcus Burghardt, Jempy Drucker, Davide Formolo, Oscar Gatto, Felix Grossschartner, Peter Kennaugh, Leopold König, Patrick Konrad, Rafal Majka, Jay McCarthy, Gregor Muhlberger,  Daniel Oss, Christoph Pfingsten, Pawel Poljanski, Lukas Postlberger, Peter Sagan, Juraj Sagan, Andreas Schillinger, Maximilian Schachmann, Michael Schwarzmann, Rudiger Selig

CCC Team

Amaro Antunes, William Barta, Pawel Bernas, Patrick Bevin, Josef Černý, Victor de la Parte, Alessandro De Marchi, Stefan Denifl, Simon Geschke, Kamil Gradek, Jakub Mareczko, Lukasz Owsian Serge Pauwels, Joey Rosskopf, Szymon Sajnok, Michael Schär, Laurens Ten Dam, Greg Van Avermaet, Gijs van Hoecke, Nathan van Hooydonck, Guillaume Van Keirsbulck, Francisco Ventoso, Lukasz Wisniowski

Deceuninck – Quick Step

Julian Alaphilippe, Kasper Asgreen, Tim Declercq, Dries Devenyns, Remco Evenepoel, Philippe Gilbert, Álvaro Hodeg, Mikkel Honoré, Fabio Jakobsen, Bob Jungels, Iljo Keisse, James Knox, Yves Lampaert, Davide Martinelli, Enric Mas, Michael Morkov, Maxi Richeze, Fabio Sabatini, Florian Senechal, Pieter Serry, Zenek Stybar, Petr Vakoc, Elia Viviani

Groupama – FDJ

Bruno Armirail, William Bonnet, Mickael Delage Arnaud Démare, Antoine Duchesne, Kilian Frankiny, David Gaudu, Jacopo Guarnieri, Daniel Hoelgaard, Ignatas Konovalovas, Stefan Kung, Mathieu Ladagnous, Olivier Le Gac, Tobias Ludvigsson, Valentin Madouas, Rudy Molard, Steve Morabito, Thibaut Pinot,  Georg Preidler, Sébastien Reichenbach, Anthony Roux,  Marc Sarreau, Miles Scotson, Romain Seigle, Ramon Sinkeldam, Benjamin Thomas, Benoit Vaugrenard, Léo Vincent

Lotto Soudal

Adam Blythe, Sander Armee,  Tiesj Benoot, Victor Campenaerts, Jasper De Buyst, Thomas De Gendt, Stan Dewulf, Caleb Ewan, Frederik Frison, Carl Frederik Hagen, Adam Hansen, Rasmus Byriel Iversen, Jens Keukeleire, Roger Kluge, Bjorg Lambrecht, Tomasz Marczysnki, Nikolas Maes, Rémy Mertz, Maxime Monfort, Lawrence Naesen, Tosh van der Sande, Jelle Vanendert, Harm Vanhoucke, Brian Van Goethem, Jelle Wallays, Tim Wellens, Enzo Wouters

Mitchelton-Scott

Edoardo Affini, Michael Albasini, Jack Bauer, Sam Bewley, Brent Bookwalter, Esteban Chaves, Luke Durbridge, Alexander Edmondson, Jack Haig, Lucas Hamilton, Michael Hepburn, Damien Howson, Daryl Impey, Chris Juul-Jensen, Cameron Meyer, Luka Mezgec, Mikel Nieve, Nick Schultz, Callum Scotson, Dion Smith, Robert Stannard, Matteo Trentin, Adam Yates, Simon Yates

Movistar Team

Andrey Amador, Winner Anacona, Jorge Arcas, Carlos Barbero, Daniele Bennati, Carlos Betancur, Jaime Castrillo, Richard Carapaz, Hector Carretero, Imanol Erviti, Ruben Fernandez, Mikel Landa, Lluis Guillermo Mas, Nelson Oliveira, Antonio Pedrero, Eduard Prades, Nairo Quintana, Jurgen Roelandts, José Joaquin Rojas, Jaime Roson, Eduardo Sepulveda, Marc Soler, Jasha Sütterlin, Rafael Valls, Alejandro Valverde, Carlos Verona

Team Dimension Data

Lars Bak, Edvald Boasson Hagen, Mark Cavendish, Steve Cummings, Scott Davies, Stefan de Bod, Nicholas Dlamini, Bernhard Eisel, Enrico Gasparotto, Amanuel Gebreigzabhier, Ryan Gibbons, Reinardt Janse van Rensburg, Jacques Janse van Rensburg,  Ben King,  Roman Kreuziger, Gino Mäder, Louis Meintjes, Giacomo Nizzolo, Ben O’Connor, Mark Renshaw, Tom – Jelte Slagter, Rasmus Fosser Tiller, Jay Thomson, Michael Valgren, Jaco Venter, Julien Vermote, Danilo Wyss

Team EF Education First-Drapac p/b Cannondale

Sean Bennett, Alberto Bettiol, Matti Breschel, Nathan Brown, Jonathan Caicedo, Julián Cardona, Hugh Carthy, Simon Clarke, Lawson Craddock, Mitchell Docker, Joe Dombrowski, Moreno Hofland, Alex Howes, Tanel Kangert,  Sebastian Langeveld, Kim Magnusson, Daniel Martinez, Daniel McLay, Sacha Modolo, Daniel Moreno, Lachlan Morton, Logan Owen, Taylor Phinney, Rigoberto Uran, Sep Vanmarcke, Julius van den Berg, Tejay Van Garderen, Luis Villalobos, James Whelan, Michael Woods

Team Jumbo

George Bennett, Koen Bouwman, Laurens De Plus, Floris De Tier, Pascal Eenkhoorn, Robert Gesink, Dylan Groenewegen, Jonas Vingegaard, Lennard Hofstede, Amund Grondahl Jansen, Steven Kruijswijk, Sepp Kuss, Tom Leezer, Bert Jan Lindeman, Paul Martens, Tony Martin, Daan Olivier, Neilson Powless, Primoz Roglic, Timo Roosen, Mike Teunissen Antwan Tolhoek, Taco van der Hoorn, Jos van Emden, Danny Van Poppel,  Jonas Vingegaard, Maarten Wynants

Team Katusha – Alpecin

Enrico Battaglin, Jenthe Biermans, Ian Boswell, Steff Cras, Jens Debusschere, Alex Dowsett, Matteo Fabbro, José Gonçalves, Ruben Guerreiro, Marco Haller, Nathan Haas, Reto Hollestein, Marcel Kittel, Pavel Kochetkov, Viacheslav Kuznetsov, Dani Navarro, Nils Politt,  Mads Würtz Schmidt, Willie Smit, Simon Spilak, Dmitry Strakhov, Harry Tanfield, Rick Zabel, Ilnur Zakarin

Team Sky

Leonardo Basso, Egan Bernal, Jonathan Castroviejo, David De La Cruz, Owain Doull, Eddie Dunbar, Kenny Elissonde, Chris Froome, Filippo Ganna, Tao Geoghegan Hart, Kristoffer Halvorsen, Sebastian Henao, Christian Kness, Michal Kwiatkowski, Christopher Lawless, Gianni Moscon, Jhonatan Narvaez, Wout Poels, Salvatore Puccio, Diego Rosa, Luke Rowe, Pavel Sivakov, Ian Stannard, Ben Swift, Geraint Thomas, Dylan Van Baarle

Team Sunweb

Nikias Arndt, Jan Bakelants, Cees Bol, Roy Curvers, Tom Dumoulin, Johannes Fröhlinger, Chad Haga, Chris Hamilton, Jai Hindlei, Marc Hirschi, Lennard Kämna, Max Kanter,  Wilco Keldermann, Asbjørn Kragh Andersen, Søren Kragh Andersen, Michael Matthews, Joris Nieuwenhuis, Sam Oomen, Casper Pedersen, Robert Power, Nicolas Roche, Michael Storer, Martijn Tusveld, Louis Vervaeke, Max Walscheid

Trek – Segafredo

Fumiyuki Beppu, Julien Bernard, Gianluca Brambilla, Giulio Ciccone, Will Clarke, Nicola Conci, John Degenkolb, Koen De Kort, Niklas Eg, Fabio Felline, Alex Frame, Michael Gogl, Tsgabu Grmay, Markel Irizar, Alex Kirsch, Bauke Mollema, Matteo Moschetti, Ryan Mullen, Jarlinson Pantano, Mads Pedersen, Richie Porte, Kiel Reijnen, Toms Skujins, Peter Stetina, Jasper Stuyven, Edward Theuns.

UAE-Team Emirates

Fabio Aru, Tom Bohli, Sven Erik Bystrom, Simone Consonni, Valerio Conti, Rui Costa, Kristijan Durasek, Roberto Ferrari, Fernando Gaviria, Sergio Henao, Alexander Kristoff, Vegard Stake Laengen, Marco Marcato, Daniel Martin, Yousif Mirza, Manuele Mori, Jasper Philipsen, Juan Sebastián Molano, Christian Muñoz, Ivo Oliveira, Rui Oliveira, Simone Petilli, Tadej Pogacar, Jan Polanc, Edward Ravasi, Aleksandr Riabushenko, Rory Sutherland, Oliviero Troia, Diego Ulissi

Elenchi pubblicati su: SpazioCiclismo (cyclingpro.net)

 

Valverde vince tappe e generale dell’Abu Dhabi Tour

Valverde vince a Jebel Hafeet e conquista l’Abu Dhabi Tour

Valverde vince la tappa regina dell’Abu Dhabi Tour con arrivo in salita a Jebel Hafeet e conquista la corsa degli emiri

Valverde Vince

Valverde Vince

Valverde vince la frazione conclusiva della corsa a tappe araba battendo in una volata a due Miguel Angel Lopez sul traguardo di Jebel Hafeet. La tappa regina della breve corsa a tappe negli emirati si anima, naturalmente,  fin dai primi chilometri. Diversi corridori provano infatti ad allungare fin dalla partenza per portar via la fuga di giornata.

Riescono a sganciarsi in nove: Rudy Barbier (AG2R La Mondiale), Niccolò Bonifazio (Bahrain – Merida), Matthias Brandle (Trek – Segafredo),Michael Bresciani (Bardiani – CSF), Lawson Craddock (EF Education First-Drapac p/b Cannondale),Nikolay Trusov (Gazprom – Rusvelo), Joonas Henttala (Novo Nordisk), Frederik Frison ed André Greipel(Lotto Soudal). Il gruppo lascia fare e i fuggitivi arrivano ad un vantaggio massimo di oltre 10 minuti

Il ritmo sale inevitabilmente, dietro i big scalpitano per giocarsi la tappa regina, le squadre lavorano a fondo e ai piedi dell’ascesa il vantaggio è di 2 soli minuti, tra i fuggitivi restano in testa i soli  Craddock, Bonifazio e Greipel che staccano tutti gli altri avversari.

L’Astana Pro Team prende il controllo delle operazioni e il gap continua a calare. Dal plotone perde contatto uno dei favoriti: Ion Izagirre (Bahrain – Merida), è costretto a fermarsi per una foratura. Davide Formolo (Bora – Hansgrohe) e  Alejandro Valverde (Movistar)  raggiungono e staccano prima Greipel e poi Craddock mentre il Rohan Dennis (BMC) perde contatto.

Julian Alaphilippe (QuickStep – Floors) e Miguel Angel Lopez (Astana)  si riportano subito sul duo al comando e dopo poco Formolo alza bandiera bianca. Dietro lavorano duro Dumoulin e Kelderman. Il vincitore dell’ultimo Giro d’Italia impone un ritmo elevatissimo sfilandosi a 5 chilometri dalla conclusione, ma consentendo a Kelderman, Rafal Majka(Bora – Hansgrohe), Formolo e Niklas Eg (Trek – Segafredo) di riportarsi in testa poco dopo.

Lopez prova ad allungare e ci riesce ma quando il vantaggio è troppo elevato Valverde decide di rompere gli indugi a 3 chilometri dalla conclusione riportandosi nel giro di pochi secondi su Lopez. A giocarsi la vittoria sono quindi i due con lo spagnolo che si aggiudica lo sprint e la classifica generale.  Julian Alaphilippe, Rafal Majka e Wilco Kelderman hanno chiuso a 15″ di distanza; bravo anche Davide Formolo, sesto a 37″, mentre Diego Ulissi ha chiuso nono a 55″.

In classifica generale trionfa come detto Alejandro Valverde, Wilco Kelderman è secondo a 17″, Miguel Angel López terzo a 29″: i migliori italiani sono Davide Formolo e Diego Ulissi, rispettivamente sesto a 1’13” e settimo a 1’18”.

Michael Valgren vince la Omloop Het Nieuwsblad.

Michael Valgren ha vinto oggi a Ninove la Omloop Het Nieuwsblad

Michael Valgren ha vinto oggi a Ninove la Omloop Het Nieuwsblad grazie ad un ottimo lavoro dell’Astana. Una bella vittoria per il team di Vinokourov

Michael Valgren

Michael Valgren

Michael Valgren ha vinto la Omloop Het Nieuwsblad. Il corridore danese ha sfruttato la folta presenza si corridori dell’Astana nel gruppetto ristretto che è  andato a giocarsi la vittoria. Valgren ha messo a segno un gran colpo ai meno due chilometri, una vera sparata da campione che ha messo tutti a scacco consentendogli di andare a conquistare in solitaria la corsa belga.

Alle spalle del danese i soli Lukasz Wisniowski del Team Sky e il solito  Sep Vanmarcke della EF Education First sono riusciti a prendere vantaggio sul plotone ma il loro tentativo di riportarsi sul corridore dell’Astana non è andato a buon fine e sono stati ripresi proprio sulla linea dell’arrivo venendo cronometrati a 6″ da Valgren. Il quarto posto è andato a Jasper Stuyven, poi Philippe Gilbert, Edward Theuns, Bert Van Lerberghe, Sonny Colbrelli (ottavo), Arnaud Démare e Marcus Burghardt.

La corsa ha avuto la sua svolta, come da previsioni, sul mitico Muur che a 15 km dal traguardo ha scremato i corridori. Il primo ad attaccare è stato Sep Vanmarcke. Grazie alla sua azione si è formato il gruppetto buono, composto da una decina di unità: con il corridore della EF, c’erano Greg Van Avermaet, Oliver Naesen, Wout Van Aert, Zdenek Stybar, i tre Astana (Valgren, Alexey Lutsenko e Oscar Gatto) e ancora tanta Italia, con Sonny Colbrelli, Matteo Trentin e Daniel Oss. Poco dopo è riuscito a rientrare anche Wisniowski.

Michael Valgren ha approfitatto anche del marcamento serrato tra i rivali è andato a regalare una importante vittoria al suo team a poco ore dal grido di allarme del DS Alexander Vinokourov che ha sottolineato i problemi economici dell’Astana Pro Team.

Crisi economica in casa Astana? attività a rischio

Crisi economica per il team si Alexander Vinokourov?

Crisi economica per l’Astana? Le parole del DS Alexander Vinokourov mettono un dubbio sulla prosecuzione dell’attività del team

Crisi Economica in casa Astana

Crisi Economica in casa Astana

Crisi economica in casa Astana Pro Team? La squadra kazaka ha iniziato decisamente bene la stagione 2018 e negli ultimi 13 anni di attività è sempre stata una delle formazioni più competitive sia nei grandi giri che nelle corse di un giorno. Le parole del direttore sportivo Alexander Vinokourov rilasciate a un noto portale kazako (Vesti.kz) hanno pero messo qualche dubbio sulla prosecuzione del sodalizio sportivo celeste.

“La situazione è semplicemente critica! Ad oggi la squadra rischia di chiudere i battenti, non abbiamo ricevuto ancora la quota di finanziamento per la stagione 2018” ha dichiarato Vino. La crisi economica del team, quindi, non è solamente futura ma anche attuale: “stiamo andando alle corse coi risparmi, i ragazzi non stanno ricevendo gli stipendi, si impegnano ma è difficile”.

Insomma un team apparentemente solido e strutturato come quello celeste sta attraversando una vera e propria crisi economica che potrebbe toccare non solo i corridori e lo staff ma anche la partecipazione alle corse dei prossimi mesi: “abbiamo da affrontare delle spese urgenti e se l’arrivo dei fondi sarà ulteriormente posticipato, il rischio è quello di fermare l’attività già prima del Giro d’Italia, è un rischio davvero serio” ha spiegato il DS che ha aggiunto “si potrebbe dover chiudere l’attività del team“.

 

 

Gallium Pro 2018 di Argon 18: la bicicletta dell’Astana

Gallium Pro 2018 di Argon 18: bici ufficiale del Team Astana 2018

Gallium Pro 2018 di Argon 18 il nuovo modello della casa Canadese con cui il Team Astana di Vinokourov affronterà la stagione 2018

Gallium Pro 2018

Gallium Pro 2018

Gallium Pro 2018, bicicletta ufficiale del Team Astana per questa stagione, è basata sul telaio Argon 18 Gallium Pro che abbiamo già visto all’opera lo scorso anno in alcune imprese di Fabio Aru. La nuova versione del telaio è super leggero, il suo peso è, nella misura M, inferiore agli 800 grammi (per la precisione pesa 794 grammi).

La Gallium Pro 2018 si basa su di una geometria sviluppata taglia per taglia per assicurare la stabilità in sella a qualsiasi corridore indipendentemente dalla sua posizione in sella.

La sezione del tubo obliquo e del tubo superiore è maggiorata mentre i pendenti posteriori sono sottili per incrementare la capacità di assorbimento delle vibrazioni.

Il reggisella da 27,2 millimetri di diametro aumenta il confort del mezzo meccanico e la possibilità di montare coperture fino a 28 millimetri di sezione fa sì che la bicicletta sia adatta, se opportunamente accessoriata, ad ogni tipo di gara.

La Gallium Pro 2018 messa a disposizione del Team Astana monta il gruppo Shimano Dura Ace in versione Di2 completato da guarnitura FSA (K-Force Light con misuratore di potenza). Le ruote per il modello da gara vengono fornite da Corima.

Gallium Pro 2018 prezzo di vendita

Per chi fosse interessato a possedere questo gioiello segnaliamo i prezzi per il solo telaio offerto da un noto marchio di e-commerce:

Per il telaio su www.bikesupermarket.it 2 799,20 €

Matrah Corniche, Kristoff vince al Tour of Oman

Matrah Corniche, Kristoff fa sua l’ultima tappa del Tour of Oman

Matrah Corniche per la terza volta in carriera il campione d’Europa Alexander Kristoff ha vinto la frazione conclusiva del Tour of Oman.

Matrah Corniche: tripletta per Kristoff

Matrah Corniche: tripletta per Kristoff

Matrah Corniche, il campione d’Europa Alexander Kristoff ha vinto la frazione conclusiva del Tour of Oman davanti al Francese della Vital Concept Brian Coquard e il nostro Giacono Nizzolo della Trek-Segafredo.

Alexander Kristoff (UAE Team Emirates) può finalmente alzare le mani per la prima volta con la divisa della sua nuova squadra e lo fa nella corsa che già in passato gli ha consegnato numerose vittorie

Alexey Lutsenko della Astana Pro Team conquista, invece la classifica finale del Tour of Oman con 11″ sul compagno di team Miguel Angel Lopez e 28″ su Gorka Izagirre dellaBahrain-Merida. López conquista la maglia bianca di miglior giovane, Loïc Chetout vince quella oro di corridore più combattivo.e  Nathan Haas (Katusha-Alpecin) vince la classifica a punti e veste la maglia verde.

L’ultima tappa del Tour of Oman con partenza da Al Mouj Muscat e arrivo a Matrah Corniche si snoda su 135 km ma l’ultimo GPM di giornata dista 35 km dal traguardo. La frazione è stata caratterizzata dalla fuga di 5 corridori che hanno raggiunto un vantaggio superiore ai 4 minuti mentre il gruppo, guidato dalla  Dimension Data e della Vital Concept  hanno controllato il gap.

Il gruppo accelera sulla salita di Al Jissah in quanto BMC e Katusha provano a tagliare fuori gli sprinter. Davanti ci prova Rémi Cavagna che resta in avanti fino ai meno 3 chilometri dall’arrivo quando il forcing del gruppo compatta il plotone.

Dopo tanti piazzamenti è dunque Alexander Kristoff a spuntarla, conquistando il traguardo di Matrah Corniche per la terza volta consecutiva.

ORDINE D’ARRIVO

1 Alexander Kristoff (Nor) UAE Team Emirates 3:11:29
2 Bryan Coquard (Fra) Vital Concept Cycling Club 0:00:00
3 Giacomo Nizzolo (Ita) Trek – Segafredo 0:00:00
4 Magnus Cort Nielsen (Den) Astana Pro Team 0:00:00
5 Nathan Haas (Aus) Team Katusha – Alpecin    0:00:00
6 Davide Martinelli (Ita) Quick Step Floors 0:00:00
7 Amaury Capiot (Bel) Sport Vlaanderen – Baloise 0:00:00
8 Greg Van Avermaet (Bel) BMC Racing Team 0:00:00
9 Benjamin Declercq (Bel) Sport Vlaanderen – Baloise 0:00:00
10 Floris Gerts (Ned) Roompot – Nederlandse Loterij 0:00:00

UCI World Tour Team 2018 guida completa

UCI World Tour Team 2018: ecco l’elenco completo

UCI World Tour Team 2018 ciclonews presenta l’elenco completo dei team ammessi con il link per scoprire tutti i dettagli sui roster

UCI World Tour Team 2018

UCI World Tour Team 2018

UCI World Tour Team 2018 L’Unione Ciclista Internazionale ha pubblicato da qualche settimana la lista delle squadre che hannoottenuto una licenza World Tour per la stagione 2018. Ecco l’elenco completo dei team con il link per scoprire la nostra guida squadra per squadra.

Il 2018 sarà un anno importante per il ciclismo che è stato messo in difficoltà dal caso #Froomegate, si spera che questa vicenda venga risolta il prima possibile lasciando spazio solo alle corse.

Cliccando su ogni nome del team troverete una analisi dettagliata della squadra con l’indicazione dei principali uomini che potranno lottare per: grandi giri, corse di una settimana, corse di un giorno, classiche e classiche del pavé.

UCI WORLD TEAM (prima divisione)
AG2R LA MONDIALE (ALM – FRA)
ASTANA PRO TEAM (AST – KAZ)
BMC RACING TEAM (BMC – USA)
BORA – HANSGROHE (BOH – GER)
TEAM DIMENSION DATA (DDD – RSA)
FDJ (FDJ – FRA)
MOVISTAR TEAM (MOV – ESP)
Mitchelton-Scott  (ORS – AUS)
BAHRAIN – MERIDA (TBM – BRN)
TEAM KATUSHA ALPECIN (TKA – SUI)
TEAM LOTTO NL – JUMBO (TLJ – NED)
TEAM SKY (SKY – GBR)
TEAM SUNWEB (SUN – GER)
TREK – SEGAFREDO (TFS – USA)
TEAM EF EDUCATION FIRST – DRAPAC P/B CANNONDALE (EFD – USA)
LOTTO SOUDAL (LTS – BEL)
QUICK – STEP FLOORS (QST – BEL)
UAE TEAM EMIRATES (UAD – UAE)

Astana Pro Team 2018: presentazione team

Astana Pro Team 2018: ecco la squadra

Astana Pro Team 2018: dopo l’addio ad Aru i capitani saranno Fuglsang e López. Cort Nielsen sarà lo sprinter e attenzione a Valgren

Astana Pro Team 2018

Astana Pro Team 2018

Astana Pro Team 2018: la formazione kazaka di Vinokourov esce con le ossa rotte dalla vicenda dell’addio Fabio Aru ma resta comunque una compagine di primo livello per le gare a tappe grazie alla prestazioni di Fuglsang e López che saranno chiamati a non far ripiangere il sardo. Saranno sei i volti nuovi che rendono la squadra abbastanza completa.

Il danese Fuglsang si presenterà al Al prossimo Tour de France con i gradi di capitano unico forte della top 5 conquistata. I dubbi principali su Jakob sono legati alla affidabilità. L’Astana si farà forte del giovane talento Miguel Ángel López che, dopo le due tappe conquistate alla scorsa Vuelta Espana sarà il capitano al Giro d’Italia.

Le spalle dei due capitani saranno guardate dagli storici Dario CataldoTanel KangertPello Bilbao, Omar Fraile e dal neoacquisto Jan Hir

Astana Pro Team non è mai stata votata alle volate ma l’ingaggio del venticinquenne Magnus potrebbe portare a un cambiamento di rotta. Altro velocista interessante è il nostro Riccardo Minali che andrà a caccia della prima vittoria dopo aver ottenuto diversi piazzamenti nella sua prima stagione da professionista

L’addio di Breschel può offrire più spazio per Oscar Gatto nelle classiche delle pietre dal momento che già lo scorso anno aveva ben figurato alla Omloop Het Nieuwsblad. Valida alternativa sarà il belga Laurens De Vreese che ha fatto 15° alla Roubaix l’anno scorso.

Il ventiseienne danese Michael Valgren Andersen sarà da tenero d’occhio in primavera sui muri fiamminghi e sulle colline del Limburgo e delle Ardenne. Molto ci attendiamo da Davide Villella che è chiamato a risplendere dopo i fasti delle categorie giovanili.

Luis León Sánchez le cui vere classiche sono le tappe dei GT, mentre si continuano ad attendere (come sempre meno speranza) segnali di ripresa da Moreno Moser.

Astana Pro Team 2018: La Rosa

Pello Bilbao (Spa, 1990), Zhandos Bizhigitov (Kaz, 1991), Dario Cataldo (Ita, 1985), Sergey Chernetckii (Rus, 1990), Magnus Cort Nielsen (Dan, 1993), Laurens De Vreese (Bel, 1988), Daniil Fominykh (Kaz, 1991), Omar Fraile (Spa, 1990), Jakob Fuglsang (Dan, 1985), Oscar Gatto (Ita, 1985), Yevgeniy Gidich (Kaz, 1996), Andriy Grivko (Ukr, 1983), Dmitriy Gruzdev (Kaz, 1986), Jesper Hansen (Dan, 1990), Jan Hirt (Cze, 1991), Hugo Houle (Can, 1990), Tanel Kangert (Est, 1987), Truls Engen Korsæth (Nor, 1993), Bakhtiyar Kozhatayev (Kaz, 1992), Miguel Ángel López (Col, 1994), Alexey Lutsenko (Kaz, 1992), Riccardo Minali (Ita, 1995), Moreno Moser (Ita, 1990), Luis León Sánchez (Spa, 1983), Nikita Stalnov (Kaz, 1991), Ruslan Tleubayev (Kaz, 1987), Michael Valgren Andersen (Dan, 1992), Davide Villella (Ita, 1991), Artyom Zakharov (Kaz, 1991), Andrey Zeits (Kaz, 1986)