Cycling Stars Criterium con Ballan e Turrin

Cycling Stars Criterium: Ballan e Turrin presenti

Cycling Stars Criterium kermesse che si terrà dopo il Giro d’Italia con padrini Alessandro Ballan e Alex Turrin

CYCLING STARS CRITERIUM

CYCLING STARS CRITERIUM

Appuntamento a Belluno lunedì 3 giugno con la 3a edizione del Cycling Stars Criterium la “kermesse” che andrà in scena il giorno dopo la conclusione del Giro d’Italia. Una festa del ciclismo che vedrà al via molti dei protagonisti della Corsa Rosa tra i quali hanno già confermato la loro presenza il campione italiano Elia Viviani (Deceuninck-Quick Step), vincitore del criterium lo scorso anno, e “Lo Squalo” Vincenzo Nibali (Bahrain-Merida), vincitore dell’edizione 2017.

L’evento è stato presentato ufficialmente oggi a Belluno nel corso della conferenza stampa che si è svolta presso la sede comunale di “Palazzo Rosso”. A introdurre gli ospiti ci ha pensato il moderatore Giovanni Viel da sempre “voce” dello sport bellunese. A fare gli onori di casa il Sindaco di Belluno Jacopo Massaro, assieme all’Assessore allo Sport Marco Bogo. A descrivere l’evento ci ha pensato invece Enrico Bonsembiante affiancato da due testimonial d’eccezione come Alessandro Ballan, campione del Mondo di Varese 2008, ultimo italiano vincitore del Giro delle Fiandre e nuova voce del ciclismo di Rai Sport, e Alex Turrin ultimo corridore bellunese ad avere partecipato al Giro d’Italia, nel 2018, e a entrambe le precedenti edizioni del criterium.

Sulla base delle esperienze positive avute con le prime due edizioni posso dire che sarà una grande festa per gli appassionati di sport e ciclismo e più in generale per tutta la città. Il Cycling Stars Criterium noto anche come “circuito delle piazze” diventa uno splendido momento di sport e condivisione tra la città, il pubblico e gli atleti che arrivano qui dopo il Giro d’Italia. Belluno è una città che ama lo sport e il ciclismo, per esempio ricordo la folla gremita in Piazza dei Martiri nel 2011 per la tappa della cronoscalata del Nevegal vinta da Contador. Il Comune di Belluno, con il quale stiamo collaborando per allestire l’evento, ha subito dimostrato grande entusiamo e interesse e sono sicuro che la città si rivelerà una location perfetta per questo tipo di manifestazione. Eventi come questo fanno bene al ciclismo, all’estero per esempio sono maestri in questo basta pensare alla numerose kermesse che vanno in scena dopo il Tour de France tra Francia, Belgio, Olanda e Germania che si trasformano in delle vere e proprie feste di piazza coinvolgendo migliaia di spettatori” spiega Enrico Bonsembiante che è il motore del comitato organizzatore del Cycling Stars Criterium.

“La qualità della vita per cui Belluno è conosciuta e apprezzata si basa in particolare su valori quali l’ambiente, la cultura e lo sport. Il nostro territorio ha vissuto esperienze importanti legate al ciclismo e al Giro d’Italia e questo è sicuramente un evento che si aggancia perfettamente a questa tradizione. Inoltre lo sport e in particolare la bicicletta hanno un ruolo rilevante anche nella promozione turistica della città. Per Belluno ospitare subito dopo il Giro tanti campioni italiani e internazionali sarà una passerella mediatica importante. Auspico che il Cycling Stars Criterium possa essere una festa capace di abbracciare tutta la città, dagli appasionati alle famiglie coinvolgendo anche le attività commerciali ed economiche per le quali può rappresentare un’occasione importante” dice il Sindaco di Belluno Jacopo Massaro.

“Il Cycling Stars Criterium è un evento di assoluto valore che rientra in un progetto più ampio che tra maggio e luglio vedrà la città di Belluno e il nostro territorio vivere numerose manifestazioni legate al ciclismo: gare, granfondo, pedalate per tutta la famiglia e altro ancora. Per noi la bicicletta significa innazitutto mobilità sostenibile, rispetto dell’ambiente e stile di vita salutare. Andare in bicicletta diventa inoltre uno dei modi migliori per muoversi e scoprire il territorio. Il Cycling Stars Criterium oltre all’evento in sé, si farà portatore anche di tutti questi aspetti” sottolinea l’Asessore allo Sport Marco Bogo.

Il Cycling Stars Criterium prevede un circuito di 1 km, da ripetere più volte, disegnato per le vie del centro città che si snoderà tra Piazza dei Martiri, Piazza Castello, Piazza Duomo e Piazza Mercato un percorso che, tra curve e pavè, contribuirà a rendere la corsa davvero frizzante e spettacolare. Alle 19.00 si sfideranno gli ex-pro, poi alle 21.00 ci sarà la gara dei professionisti.

“Sono felice di essere il testimonial di questa bella manifestazione. Il Cycling Stars Criterium si propone come una festa di fine Giro. Una festa per il pubblico ma anche per i corridori. Tre settimane di Giro sono molto intense e stressanti per gli atleti, sia a livello fisico che mentale. Invece qui a Belluno verrano per divertirsi e stare in mezzo alla gente e ai tifosi tra foto, autografi e dando ancora una volta spettacolo pedalando. Questo è un evento giovane, siamo solo alla terza edizione, ma sono sicuro che ha il potenziale per crescere molto perché è una formula che piace sia al pubblico che ai corridori stessi”dice Alessandro Ballan.

“Da corridore ho avuto modo di partecipare a entrambe le prime due edizioni. E’ stata un’esperienza molto bella, questo evento permette ai tifosi di avvicinarsi ai corridori senza le difficoltà e la frenesia che ci sono in occasione delle gare. Inoltre sono molto contento che ad ospitare l’evento sia proprio la mia città, Belluno” dice l’ex pro Alex Turrin.

Alla conferenza erano pesenti anche Annamaria Bristot in rappresentanza del Consorzio Belluno Centro Storico e Renzo Minella che si occuperà della promozione del territorio della provincia di Belluno al Giro d’Italia per conto del DMO Dolomiti (Destination Management Organization). “Un Giro d’Italia che vedrà la Provincia assoluta protagonista. Giovedì 30 maggio la 18a tappa con il gruppo a transitare per Cortina d’Ampezzo, Longarone e l’Alpago. Venerdì 31 mggio poi, con la 19a tappa, dopo la partenza da Treviso il gruppo rientrerà nel bellunese attarverso il Passo San Boldo per proseguire poi lungo la sinistra Piave verso il feltrino e Lamon. Gran finale sabato 1 giugno con la 20a tappa, il tappone Feltre-Crocedaune. Domenica 2 giugno la pedalata rosa, aperta a tutti, da Belluno a Fetre. E infine tutti a Belluno lunedì 3 giugno per la festa del Cycling Stars Criterium che promuoveremo in tutta Italia durante le tre settimane della Corsa Rosa” dice Minella.

FONTE COMUNICATO STAMPA

Filippo Pozzato rinuncia al Giro 101

Filippo Pozzato rinuncia al Giro d’Italia: il padre sta male

Filippo Pozzato rinuncia al Giro d’Italia, il corridore della Willier-Triestina Selle Italia si trovava a Gerusalemme quando è dovuto rientrare in Italia

Filippo Pozzato rinuncia al Giro d'Italia 101

Filippo Pozzato rinuncia al Giro d’Italia 101

Filippo Pozzato rinuncia al Giro d’Italia 101 per stare vicino al padre che si trova in pessime condizioni di salute. Il corridore della Wilier-Triestina Selle Italia hanno contattato Pozzato informandolo del delle condizioni di salute del papà che da diversi giorni è ricoverato a Milano presso l’Ospedale San Raffaele. Pozzato si è subito diretto a Tel Aviv per imbarcarsi sul primo volo per l’Italia.

Al momento non vi sono informazioni circa lo stato di salute del padre di Pozzato ma considerando quanto il 36enne della Wilier ci teneva a prendere parte al Giro 101 è facile immaginare la gravità della situazione del padre del corridore

La squadra, che questa mattina ha annunciato il terzo sponsor ufficiale, gli asiatici di Bryton Inc, ha già scelto il sostituto del 36enne, leggasi Alex Turrin, ciclista di 25 anni (classe 1992), originario di Belluno, (nono al recente Giro dell’Appennino) che debutterà al Giro e che è alla sua seconda stagione da professionista.

Turrin, che era già stato inserito nell’elenco della pre-lista della Wilier-Triestina Selle Italia, dovrà sottoporsi  ai rituali controlli clinici per certificare l’idoneità alla partecipazione alla Corsa Rosa.

Un cambio di formazione praticamente all’ultimo minuto, con Pozzato che sarà così costretto a saltare la sua ottava ed ultima partecipazione al Giro d’Italia.