Moschetti il Cannibale vince anche lo ZLM Tour

Moschetti il Cannibale, non si ferma più

Moschetti il Cannibale continua a dominare, per lo sprinter lombardo arriva la vittoria anche allo ZLM Tour, prima vittoria azzurra in i Coppa delle Nazioni 

Moschetti il Cannibale

Moschetti il Cannibale

Moschetti il Cannibale, non si ferma più, il sapore della vittoria, si sa, rende ancor più affamati ma Matteo ci ha preso davvero gusto. Il forte velocista lombardo ha  conquistato la prima vittoria azzurra in una prova di Coppa delle Nazioni in questo 2017. Allo  ZLM Tour lo sprinter lombardo ha anticipato il belga Sasha Weemaes e il tedesco Max Kanter, già 2° classificato al Giro delle Fiandre U23 settimana scorsa.

Il team di Marino Amadori ha davvero messo in campo una prova gagliarda tanto che non solo Moschetti il cannibale ha ben figurato ma è arrivato l’ottavo posto per Moreno Marchetti, il nono per Giovanni Lonardi e l’undicesimo per Alberto Dainese.

Per Moschetti, che dall’anno prossimo correrà tra le fila della Trek-Segafredo, si tratta della vittoria numero sette in stagione, la prima con addosso la divisa azzurra dell’Italia. Al momento, nelle corse UCI, solo un certo Alejandro Valverde ha saputo fare meglio.

“Il meteo oggi è stato buono in particolare l’assenza di vento. La corsa è stata abbastanza nervosa visto la fuga dei tre che fino agli ultimi chilometri hanno mantenuto un buon vantaggio. Ma il grande lavoro di Affini e Konychev è stato fondamentale per tirare a tutta. Sul finale tutta la Nazionale era davanti ed io sono riuscito ad imboccare l’ultima curva nel giusto modo e la volata finale è stata vincente. Sono molto soddisfatto di questo successo in Maglia Azzurra perché indossarla è sempre un onore” – ha dichiarato Matteo Moschetti.

“Sono molto contento di come abbiamo affrontato la corsa. Grande il lavoro di Affini e Konychev e perfetta la volata di Moschetti” – ha  commentato un soddisfatto Amadori.

Alberto Dainese vince il Memorial Vincenzo Mantovani

Alberto Dainese vince il Memorial Mantovani di Castel d’Ario

Alberto Dainese vince il Memorial Mantovani portando a cinque vittorie di fila il bottino della sua Zalf Euromobil Désirée Fior

Alberto Dainese

Alberto Dainese

Alberto Dainese vince il Memorial Vincenzo Mantovani di Castel d’Ario portando a quota cinque le vittorie di fila della Zalf Euromobil Désirée Fior. Dopo i trionfi di Daniele Cavasin (2014), Nicolò Rocchi (2015 e 2017) e da Michael Bresciani (2016), è toccato quest’anno al giovane sprinter originario di Abano Terme in provincia di Padova

La gara è stata  veloce e molto e si è conclusa con una volata a ranghi compatti comandata alla perfezione dal treno bianco-rosso-verde: ai 200 metri Dainese ha aperto il gas,  messo la freccia e preceduto nettamente sulla linea del traguardo Moreno Marchetti ed Enrico Zanoncello.

“Nei giorni scorsi ho sofferta per una influenza che mi ha frenato negli allenamenti e tolto energia ma oggi ho avvertito fin sa subito delle ottime sensazioni – ha dichiarato all’arrivo Alberto Dainese – devo ringraziare il mio team che mi ha supportato in maniera incredibile guidandomi perfettamente nel finale della gara. Condivido con i miei compagni la soddisfazione per questa bellissima vittoria”.

Per la Zalf Euromobil Désirée Fior, quella del Memorial Vincenzo Mantovani di Castel d’Ario è il sesto squillo stagionale, la seconda per Dainese che si era già imposto nella Firenze-Empoli.