Tadej Pogacar tappa e maglia in California

Tadej Pogacar vince al Tour of California

Tadej Pogacar conquista l’arrivo di Mount Baldy al Tour of California e balza in testa alla classifica generale ipotecando la corsa

Tadej Pogacar (fonte pagina facebook)

Tadej Pogacar (fonte pagina facebook)

Tadej Pogacar vince la tappa del Tour of California con arrivo al mitico Mount Baldy, salita di 8.2 km con una pendenza media dell’8.4%. Tappa relativamente corsa, 127 chilometri con partenza da Ontario.

La fuga di giornata ha movimentato la tappa grazie a otto atleti comprendenti anche il nostro Matteo Fabbro. I fuggitivi vengono ripresi a 15 chilometri dall’arrivo. Prima dell’inzio dell’ultima asperità è Maximilian Schachmann che prova ad avvantaggiarsi alle sue spalle lavora la EF Education First del leader .

Ai meno 4,5 km dal termine Tejay van Garderen, salvato mercoledì dalla giuria di corsa, cede di colpo andando alla deriva e perdendo i sogni di gloria. Poco dopo è George Bennett a forzare il ritmo, con lui restano solo Simon Spilak, Richie Porte, Tadej Pogacar e Sergio Higuita. Il gruppetto si riporta a questo punto su Schachmann.

Ci prova Porte senza troppo risultati e a quel punto è Sergio Higuita, talentuoso ciclista colombiano, che contrattacca staccando i rivali. Richie Porte paga un salto di catena e deve desistere mentre Pogacar si lancia in solitaria all’inseguimento del colombiano raggiungendolo in concomitanza dell’ultimo chilometro.

In testa Higuita e Pogacar si controllano troppo e alle loro spalle rinviene Bennett a quel punto Higuita rilancia l’andatura lanciando la volata. Una moto che precede i due costringe il colombiano a modificare la propria traiettoria e a quel punto Tadej Pogacar (UAE Team Emirates) non si lascia pregare e va a conquistare la tappa.

Tadej Pogacar conquista anche la maglia di leader con 16 secondi di margine su Higuita e 20 su Asgreen. Lo sloveno ha virtualmente in mano la vittoria considerando che l’ultima frazione sarà per velocisti.

 

Aggiungi ai preferiti : Permalink.

Commenti chiusi