Recensione: “Storia e geografia del Giro d’Italia”

Storia e geografia del giro d''ItaliaE’ da poco uscito in libreria “Storia e geografia del Giro d’Italia” scritto con passione da Giacomo Pellizzari ed edito da Utet. Un libro che percorre l’Italia da Nord a Sud, da est ad ovest, con una corsa di 21 simboliche  tappe. Un libro che “corre” un ipotetico Giro d’Italia nel tempo oltre che nello spazio, nelle emozioni oltre che nei racconti di corsa.

Un viaggio tra i silenziosi sentieri dell’Abetone nel giro del 1940, sulle passerelle di barche allestite a Venezia nel 1978, tra i ponti modulari sul mare della Maddalena nel 2007, lungo gli stradoni impolverati su cui intere generazioni hanno atteso per ore il passaggio dei corridori.

Dalle fughe solitarie del ciclismo epico e polveroso a da Coppi sul Pordoi da Eddy Merckx alle Tre cime di Lavaredo a  Marco Pantani sul Mortirolo. La storia di una corsa che ha unito gli italiani a bordo strada e che ancora oggi scalda il cuore di milioni di appassionati.

Non solo momenti fondamentali della storia del ciclismo ma, soprattutto, tappe uniche della storia popolare del nostro paese.

“Sembra paradossale, ma i veri protagonisti del Giro d’Italia non sono i corridori. Si scende in strada a vedere il Giro che passa, ma ciò che interessa davvero non sono i concorrenti, di cui magari ignoriamo anche il nome. Quello che affascina è piuttosto il fatto che lei, la corsa, pass proprio di li”

Un  libro da non perdere per ogni amante del ciclismo.

Giacomo Pellizzari è scrittore, giornalista sportivo e consulente di comunicazione. È stato direttore editoriale di Bike Channel, canale di Sky dedicato al mondo a due ruote.  Nel 2014 è uscito il suo primo libro, Ma chi te lo fa fare? Sogni e avventure di un ciclista sempre in salita (Fabbri Editori). Con Utet ha pubblicato Il carattere del ciclista (2016), in corso di pubblicazione anche in Olanda e Germania.

Condividilo sui tuoi socialShare on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Share on LinkedInEmail this to someone
Aggiungi ai preferiti : Permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *