Rafal Majka smentisce il collegamento al caso Altopack

Rafal Majka smentisce un suo coinvolgimento nell’Affaire Altopack!

Rafal Majka smentisce ogni collegamento alla vicenda doping del caso Altopack collegato alla morte di Linas Rumsas

Rafal Majka smentisce

Rafal Majka smentisce

Rafal Majka smentisce ogni addebito legato al caso Altopack, l’ex re delle montagne al Tour de France ha pubblicato su Facebook: “dichiaro di non essere d’accordo con tali calunnie in quanto potrebbe espormi alla perdita di fiducia dei miei amici, fan e influenzare direttamente il mio buon nome.

Insomma, il collegamento al suo nome fatto da alcuni dirigente della squadra toscana finita nell’occhio del ciclone per una vicenda di doping legata alla morte di Linas Rumsas, non è andato giù al campione polacco che ha aggiunto: “È un attacco diretto ai miei successi passati, che ho ottenuto solo con il duro lavoro, i sacrifici e la frequente separazione dalla mia famiglia. Non sono mai stato un membro del team di Altopack che è attualmente legata a questa vicenda di doping”.

L’inchiesta condotta dalla polizia italiana di Lucca è iniziata dopo che Linas Rumsas, figlio dell’ex corridore professionista e collegato a brutte vicende di doping Raimondas Rumsas, è stato trovato morto una mattina nonostante fosse assolutamente in buona salute. La vicenda del giovane atleta ha destato l’attenzione delle forze dell’ordine che hanno fatto scattare negli scorsi giorni un’importante azione di indagine.

Sei persone sono state arrestate tra cui il proprietario del Team Altopack Eppella, Luca Franceschi e il direttore sportivo Elso Frediani, per aver fornito sostanze proibite ai  giovani atleti del team. Uno dei sei arrestati era Andrea Del Nista. che quando ha parlato con Gazzetta dello Sport ha affermato che Majka faceva parte della squadra e ha preso testosterone quando è stato allenato da Frediani.

Majka ha sempre negato di far parte della squadra che, secondo quanto riferito, avrebbe puntato  i futuri corridori e li ha incoraggiati a doparsi per ottenere risultati migliori. L’indagine sulla squadra continua.

Condividilo sui tuoi socialShare on Facebook
Facebook
12Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on Google+
Google+
0Share on LinkedIn
Linkedin
Email this to someone
email
Aggiungi ai preferiti : Permalink.

Commenti chiusi