Protesta dei ciclisti Milanesi davanti al Comune

Protesta dei ciclisti di Milano, in 200 davanti al comune

Protesta dei Cilcisti

Protesta dei Cilcisti Milanesi

Protesta dei ciclisti amatoriali milanesi davanti al Comune di Milano per avere maggior sicurezza sulle strade del capoluogo lombardo.

Un flash mob a cui hanno partecipato circa 200 persone, una protesta dopo l’ennesimo incidente mortale avvenuto lo scorso venerdì che ha causato la morte di un ciclista investito da un camion nei pressi dell cantiere per la costruzione della metropolitana M4.

Il corteo, partito da Piazza Resistenza dove è stata lasciata al suono di tanti campanelli una “Ghost Bike” (una bici bianca) per ricordare l’incolpevole vittima, si è diretto verso Piazza della Scala. Qui i ciclisti hanno consegnato una busta da recapitare al Sindaco Sala con alcune richieste circa la sicurezza dei ciclisti milanesi.

Seppur in numeri siano in calo, non sono pochi quelli che per questioni di praticità si spostano in bicicletta per Milano, sarebbe bello che una città moderna e Europea come Milano prendesse spunto dalle grandi capitali del nord Europa in cui la bicicletta, anche per motivi ecologici, è il mezzo di trasporto urbano più diffuso.

Se Milano mettesse in atto un simile cambio del paradigma dell’urbanistica molte città seguirebbero, ne siamo certi, il modello virtuoso rappresentato dal capoluogo Lombardo.

Consegnata la busta i ciclisti si sono sdraiati per terra per ricordare tutte le persone vittime di incidenti stradali.

La sequenza spaventosa di incidenti che hanno coinvolto ciclisti professionisti e non in questa prima metà del 2017 (      ) deve necessariamente spingere gli amministratori a rivedere la mobilità cittadina e non solo.

 

Condividilo sui tuoi socialShare on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Share on LinkedInEmail this to someone
Aggiungi ai preferiti : Permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *