Perchè i ciclisti non portano le mutande?

Perchè i ciclisti non portano le mutande?

Perchè i ciclisti non portano le mutande? In molti si pongono questa domanda a cui cerchiamo qui di dare una risposta valida per uomini e donne

Perchè i ciclisti non portano le mutande? (fonte pixabay, Alexas_Fotos)

Perchè i ciclisti non portano le mutande? (fonte pixabay, Alexas_Fotos)

Perchè i ciclisti non portano le mutande? In molti, avvicinandosi alla pratica del ciclismo si sono domandati come mai molti amici cicloamatori dichiarano candidamente di non indossare le mutande quando escono a pedalare. Un noto film degli anni 80 si intitolava “sotto il vestito niente“, ecco trasponendo la questione alle nostre amate biciclette potremmo dire “sotto la salopette niente“.

Una delle priorità dei produttori di fondelli (la parte rinforzata del pantaloncini da ciclismo) studiano costantemente novità per garantire la massima protezione ed il massimo confrot, limitando al massimo le zone che possono provocare irritazioni in una zona delicata e chi rimane a contatto con la sella per parecchio tempo.

Uno degli errori più comuni tra i novelli del pedale è quello di acquistare un pantaloncino iper tecnologico, super costoso e ultra trandy ma indossando sotto le mutande. Questo, va ricordato, è un chiaro errore, le mutande non vanno mai messe con i fondelli da ciclista. La presenza di cuciture, che di norma non creano problemi, nell’essere compresse sotto i classici “ciclisti” possono creare sfregamenti ed irritazioni.

Inoltre le mutande “classiche” sono realizzate in ottimi materiali ma che non sono inadatti alla pratica sportiva. In commercio, infatti, esistono appositi indumenti intimi per ciclisti.

In conclusione, quindi, perchè i ciclisti non portano le mutande? I pantaloncini da ciclista andrebbero  esclusivamente indossati senza mutande in quanto studiati appositamente  per evitare che le cuciture delle mutande arrechino dolori e creino arrossamenti.

Perchè i ciclisti non portano le mutande? le donne

Quanto abbiamo affermato in via generale nella prima parte dell’articolo vale assolutamente anche per le donne. Molte donne che non praticano abitualmente il ciclismo potrebbero inorridire ma le atlete di punta e tantissime donne che pedalano abitualmente sanno perfettamente che sul mercato esistono salopette o pantaloncini con fondello che, grazie alla loro conformazione e alla presenza di gel, sono perfettamente adattabili al corpo umano e a zone più delicate.

Perchè le cicliste non portano le mutande? Le donne cicliste, con l’ausilio di appositi pantaloncini ed eliminando le mutandine “classiche”, non corrono il rischio di ritrovarsi con le conseguenze di irritazioni dovute a sfregamento e alla presenza di sudore trattenuto dal capo intimo, e possono evitare di dover continuamente “sistemare” lo slip che si muove.

Chiaramente non a tutti l’idea di pedalare senza indumenti intimi può, di primo acchito, piacere ma una volta provata la sensazione di pedalare con la sola salopette (o con indumenti tecnici appositamente studiati) dopo un paio di uscite vi porterà a privilegiare questa situazione.

Per le ragazze che non amano i pantaloncini attillati tipici dei ciclisti (che negli ultimi anni sono tornati di moda come capo di abbigliamento femminile), vi è la possibilità di optare per i pantaloncini da MTB che sono comunque ben dotati di imbottitura o optare per gli slip con fondello che potranno stare sotto qualunque capo di abbigliamento “classico”.

 

 

Aggiungi ai preferiti : Permalink.

I commenti sono chiusi.