Passaporto biologico cos’è? Tutte le informazioni

Passaporto Biologico tutto quello che c’è da sapere

Passaporto biologico è dal 2009 strumento indispensabile per l’identificazione di casi di doping nel mondo dello sport e del ciclismo in particolare

Passaporto Biologico

Passaporto Biologico

Il Passaporto Biologico dell’atleta rappresenta una strategia complementare della lotta al doping in quanto va a supera l’approccio tipico della “ricerca” di sostanze proibite nel corpo degli atleti spingendo sugli effetti indiretti che la sostanza può generale.

Il termine “passaporto ematologico dell’atleta” fu per primo introdotto nel 2003 da alcuni ricercatori italiani effettuando analisi su un campione di oltre 900 calciatori professionisti al fine di distinguere tra variazioni fisiologiche e non-fisiologici dei parametri ematologici.

In questi giorni impazzano le voci sulla positività di Chris Froome e ormai da qualche mese la questione delle TUE è all’ordine del giorno sui tavoli della UCI.

Il Passaporto Biologico dell’atleta comprende 3 distinti moduli :

  • Modulo ematologico
  • Modulo steroideo
  • Modulo endocrinologico

Integrando il passaporto biologico dell’atleta all’interno di un programma antidoping si possono ottenere due obiettivi:

  • Identificazione degli atleti ed esecuzione test mirati
  • perseguire violazioni del codice mondiale

E’ fondamentale stabilire una serie di marker specifici per le sostanze o metodi proibiti al fine di identificare:

  • l’uso di agenti stimolanti l’eritropoiesi
  • il potenziamento del trasporto d’ossigeno
  • trasfusioni ematiche
  • manipolazione ematica

L’attendibilità del passaporto accresce se i controlli in gara, fuori competizione e a sorpresa sono distribuiti lungo il corso dell’anno. Il modello matematico che sta alla base del passaporto biologico viene definito “adaptive model” e finalizzato ad indentificare anomalie nei valori ematologici.

Oltre ai dati biologici, il passaporto raccoglie anche altre informazioni:

  • Sesso, età, sport
  • data e luogo del prelievo
  •  Tipo di controllo
  • condizioni di trasporto del campione
  • soggiorno in altitudine nelle 2 settimane precedenti
  • uso di dispositivi ipossici nelle 2 settimane precedenti
  • donazioni o trasfusioni ematiche nei tre mesi precedenti
  • attività fisica nelle 2 ore precedenti

Il passaporto biologico dell’atleta comprende 3 distinti moduli :

  • Modulo ematologico
  • Modulo steroideo
  • Modulo endocrinologico (Gh ?)

L’UCI è stata la prima federazione sportiva internazionale ad applicare il modulo ematologico del Passaporto nel 2009

In sostanza il  Passaporto Biologico è un documento elettronico individuale in cui sono inseriti i dati biologici di un atleta e dalla cui analisi è possibile determinare se questo ha assunto o meno sostanze dopanti.

 

Condividilo sui tuoi socialShare on Facebook
Facebook
1Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on Google+
Google+
0Share on LinkedIn
Linkedin
Email this to someone
email
Aggiungi ai preferiti : Permalink.

Commenti chiusi