Route du Sud: vittoria di Elia Viviani

 

Elia Viviani vince alla Route du Sud

Elia Viviani vince alla Route du Sud

Elia Viviani nella tappa di oggi alla Route du Sud, il velocista italiano ha vinto nettamente in volata sul traguardo di Saramon precedendo Carlos Barbero (Movistar Team) e Lorrenzo Manzin (FDJ). Per Elia si tratta della seconda vittoria di tappa in questo 2017.

La tappa è stata caratterizzata da una fuga partita al km 25 con un gruppetto che è riuscito a guadagnare fino a 6 minuti di vantaggio sul gruppo principale. A 30 km dall’arrivo, all’imbocco dell’ultimo GPM di giornata, il distacco dei battistrada scende a 2′ 30″ e a quel punto Miles Scotson, uno dei più attivi nella fuga,  decide di andarsene da solo, forte delle sue doti da pistard, conquistando il GPM. La prova di Scotson è di tutto rilievo e il gruppo fatica a riprenderlo e ci riesce solo a 5km dall’arrivo grazie all’impegno di ben 5 team.

Raggiunto il fuggitivo, inevitabile è la voltata: è Gianni Moscon a pilotare Elia Viviani che vince imperiosamente la volata.

In classifica generale nessuna mutazione di rilievo con Julien Loubet (Armée de Terre) che resta leader della classifica generale.

 

Tom Dumoulin salterà il Tour de France

Tom Dumoulin vincitore del Giro d’Italia

Dopo la recente vittoria al Giro d’Italia, Tom Dumoulin non seguirà i passi del colombiano Nairo Quintana e non prenderà parte al prossimo Tour de France, la testa del corridore olandese e del suo team, la Sunweb, è già orientata alla Vuelta Espana.

Nonostante questa edizione del Tour sia del tutto speciale per il Team Sunweb in quanto la partenza è a Dusseldorf in Germania, paese in cui ha sede il quartier generale del team, è arrivata la decisione, in accordo con il corridore, di non schierare Dumoulin nella corsa Francese concentrando la squadra sulle vittorie di tappa.

Hendrik Werner ha infatti annunciato la lista dei papabili per un posto alla Grand Boucle dichiarando “quest’anno il focus del team saranno le vittorie di tappa, abbiamo un lungo elenco di corridori che si possono prestare a questo obiettivo dichiarato e siamo sicuri che potremo toglierci non poche soddisfazioni”.

Route du Sud: tappa e maglia a Julien Loubet

 

Julien Loubet vince la tappa alla Route du Sud

Julien Loubet vince la tappa alla Route du Sud

Julien Loubet (Armée de Terre) va in fuga fin dai primi chilometri riuscendo ad arrivare in solitaria sul traguardo di Saint Pons de Thomières con 22″ di vantaggio su Silvan Dillier (BMC Racing) e Mauro Finetto (Delko Marseille Provence KTM).

Il gruppo principale conclude a ben 5’56” dal vincitore, facendo sì che Elissonde, Carapaz e Feillu diventino i maggiori favoriti per il successo nella classifica generale.

Domani tappa piuttosto tranquilla, Sor et Agout-Saramon di 173.8 km, con l’ultimo chilometro in leggera ascesa.

Giro d’Italia under 23 vittoria finale di Sivakov

Pavel Sivakov

Pavel Sivakov

Si è concluso oggi con la Francavilla al Mare-Campo Imperatore il rinato Giro d’Italia under 23, la tappa di oggi è stata caratterizzata da una fuga composta da sedici elementi che ha raggiunto anche i tre minuti di vantaggio ma lentamente, a piccoli gruppi, si sono staccati e sono stati ripresi dal gruppo dopo Assergi, quando la salita finale era già iniziata.

Rodríguez e Luca Covili (già protagonisti della prima fuga) cunquistando una trentina di secondi  di vantaggio sul gruppo dei migliori a quel punto è scattata la maglia rosa Pavel Sivakov (BMC Development Team). Si forma dunque un gruppetto ristretto in testa con Sivakov ripreso da Rodríguez e Colivi oltre che degli australiani della Mitchelton-Scott Lucas Hamilton, Jai Hindley e Robert Stannard, del russo Pavel Cherkasov.

A conquistare la tappa è Jai Hindley, seguito da Lucas Hamilton, terzo, ad una manciata di secondi, arriva Pavel Sivakov che conquista la classifica generale, diventando l’ottavo fra sovietici e russi a trionfare al Giro d’Italia under 23.

Tour de Suisse: vittoria di Pozzovivo

Domenico Pozzovivo vince al Tour de Suisse

Domenico Pozzovivo vince al Tour de Suisse

Domenico Pozzovivo sotto un forte acquazzone torna al successo nella sesta tappa del Tour de Suisse e  regala alla AG2R-La Mondiale la prima vittoria di questa stagione nel World Tour. Lo scalatore lucano è riuscito a staccare tutti nella ascesa all’Albulapass andando a riprendere l’ultimo fuggitivo Michael Woods per poi allungare in discesa e resistendo alla rimonta finale di Rui Costa, Ion Izagirre e Matthias Frank arrivati al traguardo con a soli 4″ di svantaggio.

Damiano Caruso che indossava la maglia di leader della classifica generale ha accusato un ritardo di 15 secondi dal lucano che, grazie agli abbuoni e  ai centesimi di secondo del prologo iniziale di Cham, ha conquistato oltre alla tappa anche la maglia di leader. Alle sue spalle la situazione è tutt’altro che definita con Steven Kruijswijk a 13″, Simon Spilak a 22″ e Matthias Frank a 23″.

 

Gran Fondo Alpi Biellesi, debutto da agonistica

Una foto della prima edizione

2015 – Gran Fondo Alpi Biellesi

Il 2 luglio si correrà la Maratona delle Dolomiti ma lo stesso giorno farà il suo esorti la “Alpi Biellesi” gara all’esordio nel panorama “agonistico “delle Gran Fondo nazionali visto che le precedenti edizioni erano solamente cicloturistiche.

La corsa piemontese prevede la partenza da Biella con due differenti percorsi: uno da 124 e uno da 84 chilometri con dislivelli decisamente importanti (3.200 e 2.400 metri). Il percorso lungo prevede cinque salite ed entrambe i percorsi prevedono l’arrivo al Santuario di Oropa (sede di arrivo anche del recente Giro d’Italia)

Le iscrizioni sono aperte fino al 29 giungo all’importo di euro 40 per poi salire a 45.

Velociste azzurre impegnate in Germania

Elena Bissolati e Miriam Vece

Le velociste azzurre parteciperanno in Germania alla Cottbus Sprintcup del 17-18 giugno e al Gran Prix Von Deutschland del 23-24 giugno.

Per ambedue le manifestazioni sono state convocate dal Coordinatore delle Squadre Nazionali Davide Cassani, su indicazione del Commissario Tecnico Edoardo Salvoldi, Elena Bissolati (Speedy Women Team) e Miriam Vece (Valcar Pbm), mentre Gloria Manzoni (Eurotarget – Still Bike) parteciperà al primo evento e Maila Andreotti (Jam’s Bike Team Buja) al secondo.

Le azzurre saranno dirette dal Collaboratore Tecnico Pierangelo Cristini.

Leggendaria Charly Gaul ecco i dettagli

Leggendaria Charly Gaul

Leggendaria Charly Gaul

Si correrà il 9 luglio la Leggendaria Charly Gaul, evento che però vedrà il suo sviluppo su tre giornate. Il 7 luglio spazio alla cronometro, il giorno successivo sarà il momento della cicloturistica (La Moserissima) e la gara per le biciclette a scatto fisso. La domenica gran finale con la Gran Fondo, che presenterà due tracciati: uno da 141 km e uno da 57 con dislivelli da capogiro (4000 e 2000 metri). Partenza da Piazza Duomo a Trento e ricco pacco gara per tutti i partecipanti, quota di partecipazione fissata in 52 euro per la GF e 70 per la combinata con un incremento per chi si iscrive dopo il 30 giugno.

 

Granfondo: 30a EDIZIONE DELLA GRANFONDO LA FAUSTO COPPI

LA MAGLIA DELL’EDIZIONE 2017

LA MAGLIA DELL’EDIZIONE 2017

Si avvicina una delle Granfondo più dure del panorama Italiano, stiamo parlando de “La Fausto Coppi Le Alpi del Mare”, giunta alla sua trentesima edizione. Già superata abbondantemente la quota di 1.500 iscritti in rappresentanza di 22 nazioni (con le new entry di Brasile e Canada), è tanta l’attesa per l’evento che si terrà il 9 luglio prossimo.

C’era molta curiosità per scoprire come sarebbe stata la maglia ufficiale della competizione e da qualche giorno è disponibile l’immagine sul sito ufficiale della manifestazione. Il pacco gara prevede biscotti Balocco, integratori Enervit, olio massaggi Weleda, formaggio Fattorie Fiandino, pasta Agnesi, frutta secca e guide ai percorsi .

Interessante anche l’idea della “Mangia e Pedala” passeggiata alla scoperta di luoghi enogastronomici.

Giro d’Italia under 23, vince Francesco Romano

Francesco Romano vince al Giro

Francesco Romano vince al Giro

La sesta tappa del Giro d’Italia under 23 ha fatto finalmente registrare il primo successo italiano nella corsa rosa. La corsa è stata caratterizzata dalla fuga di quindici atleti (tra cui ben 12 italiani segno che la nostra “truppa” ci teneva a conquistare la vittoria).

Il gruppo dei fuggitivi è riuscito ad accumulare un margine di oltre 3 minuti e nella penultima ascesa a 25 km dal traguardo, sono evasi Dlamini, Colonna, Romano, Rosa e Zaccanti. Al traguardo Romano e Rosa,  sono arrivati a giocarsi il successo nel km conclusivo; il testa a testa ha visto prevalere il promettente siciliano Francesco Romano  che ha anticipato il “fratello d’arte” Massimo Rosa (altro talento del pedale italico).

In classifica generale nessuna variazione di rilievo da segnalare, il russo Pavel Sivakov (BMC Development Team) conserva la maglia rosa.