Percorsi più sicuri alla Gran Fondo Tre Valli Varesine

Il logo della Binda

Il logo della Binda

Sempre maggior attenzione alla sicurezza, è questo il leitmotiv degli organizzatori della 2ª Gran Fondo Tre Valli Varesine, che è entrata nel circuito UCI World Series e che dunque sarà valida per la qualificazione al 2018 UCI Gran Fondo World Championships.

La Società Ciclistica Alfredo Binda,  ha apportato delle modifiche ai due tracciati della Gran Fondo in programma il 1° ottobre, studiandole insieme alle Forze dell’Ordine varesine, così da eliminare i passaggi più critici in termini di viabilità.

Il percorso lungo sarà di 135 chilometri e 2147 metri di dislivello. I partecipanti dovranno superare cinque salite, tutte impegnative, con pendenze medie che andranno dal 5% al 7,5%.

Il percorso corto vedrà i mediofondisti cimentarsi lungo una distanza di 102 chilometri e 1247 metri di dislivello, nei quali troveranno tre salite di media lunghezza dalle pendenze comprese tra il 5% e il 6,5%

 

Team LottoNL-Jumbo nuova maglia per il Tour de France

LottoNL-Jumbo cambia maglia

LottoNL-Jumbo cambia maglia

Il Team LottoNL-Jumbo anche quest’anno disputerà la Grande Boucle, al via il 1° luglio dalla Germania, con una divisa diversa da quella classica che avendo come colore principale il giallo potrebbe dare adito a confusione con la maglia di leader del Tour de France.

Ecco dunque che il team ha deciso di presentare la nuova maglia che ricalcherà quella classica ma che vedrà il nero ed il giallo che si scambieranno di posizione con quest’ultimo che quindi sarà relegato solo alle spalle e alle maniche. Restano invece tutti di colore nero i pantaloncini ufficiali di gara.

Il ciclismo piange Andrea Bartali

Andrea Bartali

Andrea Bartali

Ad una settimana dal via ufficiale del Tour de France il ciclismo piange la morte di Andrea Bartali, primogenito dell’indimenticato Ginetaccio. Andrea in questi ultimi anni, aveva preso a cuore la storia del padre, con l’obiettivo di dare ulteriore luce alla storia di Gino soprattutto nelle sue pieghe extrasportive.
Andrea si è impegnato molto nel rendere onore alle storie del padre in particolare legate alle vicende della seconda guerra mondiale e al supporto che il padre diede agli Ebrei italiani vittime delle discriminazioni razziali, Gino, grazie al lavoro di Andrea venne nominato “Giusto tra le Nazioni“.

 

Quick-Step Floors: Lefevere ha trovato lo sponsor?

Julian Alaphilippe

Julian Alaphilippe

Patrick Lefevere aveva dato come termine ultimo per la ricerca di un nuovo sponsor il 30 giugno, giorno precedente all’inizio del Tour de France 2017, e sembra essere riuscito nel suo intento, Parrebbe che alcuni corridori abbiano ricevuto rassicurazioni riguardo il loro futuro, a partire tra cui Fernando Gaviria e Max Richeze, ma anche, ancor più importante probabilmente, Julian Alaphilippe. 

Il francese starebbe per firmare il rinnovo del contratto in scadenza con il team che lo ha lanciato nell’olimpio dei pro, inizialmente le condizioni economiche non floride del team avevano fatto pensare che Alaphilippe prendesse altre direzioni ma questa nuova situazione economica consentirebbe di proseguire il rapporto.

 

MTB: domenica si corre la La Via del Sale

La via del Sale

La via del Sale

La Via del Sale 2017 prenderà il via domenica 25 giugno a Limone Piemonte con i suoi tre percorsi di 60-45-30 km, il meteo si annuncia perfetto con tanto sole e caldo.

L’organizzazione ha reso più soft il percorso della Marathon che si riconferma di 60 km., con un dislivello d 2.230 mt. COMPLETAMENTE PEDALABILI e meno duro dell’anno scorso.

La gara fa parte del circuito Marathon Bike Cup il cui gadget è un mega borsone tecnico X-Bionic e quest’anno organizzerà anche il Trofeo Divisione Alpina Cuneense.

Sistema di cronometraggio My Sdam.

Accanto alla “Via del Sale di mtb” nascerà “la Via del Sale a piedi”; il gruppo Die Hard di Dennis Tosco per la corsa e la scuola Italiana di Outdoor di Alberto Rovera per il Nordic Walking partiranno in coda al gruppone della 45 km.

Mondiali di Ciclismo: Bergen 2017

I campionati mondiali di ciclismo 2017 si prospettano fra i più interessanti degli ultimi anni almeno secondo i tecnici, l’edizione di quest’anno si disputerà a Bergen, in Norvegia.

Lance Armstrong Oslo 1993

Lance Armstrong Oslo 1993

Ventiquattro anni dopo l’edizione di Oslo 1993 i mondiali tornano nel Regno di Norvegia e i più attenti di voi ricorderanno che quella del ’93 fu un’edizione a suo modo storica. Fu una gara strana quella dei mondiali di Oslo, a trionfare fu un giovane america, tale Lance Armstrong

Ma torniamo all’edizione 2017, il percorso finale delle prove in linea sarà di 19 chilometri e 100 metri, sulla carta abbastanza facile. La prima parte del giro sarà pianeggiante: primo falsopiano ascendente dopo 6 chilometri, ma saranno solamente 700 metri al 4/5% circa. A seguire un tratto di piano prima della vera e propria salita di Salomon Hill anche se questa asperità presenterà comunque pendenze piuttosto agevoli (media del 6,4%, la parte più impegnativa all’8% nella prima fase) su un totale di 1500 metri. A seguire discesa (con 7-8 curve, due delle quali potrebbero rivelarsi piuttosto impegnative) e pianura fin sul traguardo. Bisognerà fare attenzione alle condizioni climatiche (Bergen come vedremo è molto piovosa) e in generale  alle temperature che potrebbero essere attorno ai 5-10°C.

Il percorso di Bergen

Il percorso di Bergen

Discorso diverso e diverso per ogni categoria nelle prove a cronometro. L’organizzazione ha predisposto due circuiti, entrambi mossi, per dare la possibilità a tutte le categorie di esprimersi su percorsi adatti. Molto interessante la prova elite maschile: solo 31 chilometri ma una salita di 3 chilometri e 400 metri in concomitanza del traguardo con una pendenza media superiore al 9% che potrebbe stuzzicare le fantasie di molti, anche all’interno della nazionale italiana.

BERGEN:

Bryggen

Bryggen

Bergen è una città di 270.000 abitanti nella contea di Hordaland e si affaccia sul mare, considerando l’area metropolitana è la seconda città della Norvegia. Il centro cittadino e i quartieri settentrionali della città si affacciano sul Byfjord, mentre l’intera città è circondata dalle montagne: per questo motivo la città è nota anche come “la città delle sette montagne”.

Circa il 10 per cento della popolazione di Bergen è composta da studenti, che danno alla città una ventata di allegria e vitalità. Da non perdere il quartiere Bryggen è la semplicità e la bellezza, la simmetria e la pulizia. E’ un quartiere della città di Bergen, sulla sponda orientale del fiordo su cui sorge la città. Il suo nome, in norvegese significa pontile o molo.

Bergen è soprannominata la città della pioggia o la Seattle europea. La media annuale delle precipitazioni, infatti, supera i 2000 millimetri annuali, La causa delle frequenti precipitazioni è la presenza di venti occidentali, largamente prevalenti sul Mar di Norvegia che si caricano di umidità e, impattando sui rilievi montuosi alle spalle delle città, producono intense piogge.

 

Arrivare e muoversi

In aereo:
  • L’aeroporto Flesland di Bergen dista circa 17 chilometri dal centro della città.
  • L’autobus per l’aeroporto ha molte partenze giornaliere dal centro della città, e copre la distanza in circa 40 minuti.
In auto:
  • Bergen è il centro della rete stradale regionale.
  • Molti pullman portano a Bergen da diverse località in Norvegia.
In treno:
  • Il viaggio in treno tra Bergen e Oslo è considerato uno dei più belli al mondo.
  • Il treno per Oslo ha diverse partenze giornaliere, e il viaggio attraverso le montagne dura circa 7-8 ore.
In nave:
  • I traghetti per Bergen da Hirtshals in Danimarca sono operati dalla Fjord Line.
  • Moderne e veloci navi toccano la costa ed entrano nei fiordi.
  • Bergen è il capolinea di Hurtigruten, il battello postale norvegese, con una partenza al giorno nel suo viaggio di 11 giorni verso nord.

 

 

 

Letizia Paternoster campionessa d’Italia Junior

La gioia delle ragazze sul podio

La gioia delle ragazze sul podio

La trentina Letizia Paternoster (che abbiamo intervistato tempo fa) in forza alla Sc Vecchia Fontana è la nuova campionessa d’Italia a cronometro della categoria Donne Junior. La giovate atleta trentina ha percorco i  19 km tra Volpiano a Caluso con il tempo di 26’25” con una media superiore ai 43 km/h infliggendo oltre un minuto di distacco alle avversarie.

Medaglia d’argento e di bronzo rispettivamente per le due bolzanine portacolori del Gs Mendelspeck Alessia Vigilia, che era la campionessa uscente, ed Elena Pirrone.

 

Campionati Italiani: crono a Elisa Longo Borghini

Elisa Longo Borghini

Elisa Longo Borghini

Nei campionati Italiani si è disputata oggi la prova a conometro femminile e, per la terza volta in quattro anni, la seconda consecutiva, Elisa Longo Borghini ha conquistato il titolo italiano. La prova si disputata sulla distanza di 19 km tutta in provincia di Torino tra Volpiano e Caluso.Alle Sa spalle di Elisa si è piazzata la friulana Elena Cecchini, al primo podio in carriera in questa specialità, mentre terza è arriva Silvia Valsecchi, a medaglia per l’undicesima volta in carriera.

Cronometro: tricolore per Gianni Moscon

Gianni Moscon

Gianni Moscon

Ai Campionati Italiani a cronometro arriva la prima maglia tricolore da professionista per Gianni Moscon che ha preceduto tutti lungo i 38.3 chilometri tra Ciriè e Caluso facendo segnare un tempo di 44’33”. Il giovane corridore trentino conferma la sua costante ascesa ai vertici del ciclismo tricolore precedendo il piemontese Fabio Felline, staccato di 22″, mentre il campione uscente Manuel Quinziato ha completo il podio con un ritardo di ben 1’36”.

Campionati Tedeschi: settimo titolo per Martin a cronometro

Tony Martin

Tony Martin

Era il favorito di tutti ed inevitabilmente Tony Martin ha rispettato il pronostico conquistando la prova a cronometro dei Campionati nazionali tedeschi. Il corridore del Team Katusha-Alpecin ha terminato con il tempo di 54’16”; alle sue spalle, a soli 15″, il giovane Jasha Sütterlin (Movistar Team), che continua il suo percorso di crescita. Terzo posto a 1’17” Nils Politt (Team Katusha-Alpecin),