New York City ciclabile e l’Italia sta a guardare

New York City ciclabile? Sì, la grande mela è una città a misura di bicicletta

New York City ciclabile

La rete ciclabile di NYC

New York City ciclabile? Secondo uno studio del Department of Transport di New York prendendo in considerazione un arco temporale di venti anni si è notato come il forte aumento nel numero degli spostamenti in bici ha coinciso con una diminuzione degli incidenti.

New York City ciclabile: i numeri

Periodo 1996-2000: gli spostamenti in bici a New York circa 51 milioni all’anno, con 44,2 morti fra i ciclisti ogni 100 milioni di spostamenti in bici.

Periodo 2011-2015 il numero di spostamenti in bici  134 milioni, mentre il secondo dato è calato di ben il 71%, scendendo a 12,8 ciclisti morti ogni 100 milioni di spostamenti in bici.

Quindi più ci si sposta in bici meno incidenti (e morti) ci sono. Questo è il frutto delle politiche di bike sharing che la grande mela ha messo in atto nonché dagli investimenti strutturali messi in atto (basti pensare che negli ultimi 10 anni a New York sono stati aggiunti 500 km di corsie ciclabili, e 120 km di piste ciclabili protette)

New York City ciclabile: la qualificazione della città

In passato l’immagine di alcune zone della grande mela non era delle migliori, zone abbandonate, ghettizzate. La politica di creazione di piste ciclabili che vanno a toccare zone meno nobili ha contribuito a invertire la rotta rendendo più appetibili e vivibili quelle zone in cui il degrado era dominante. Il fitto reticolo di piste ciclabili ha portato i newyorkesi a “scoprire” angoli della città dimenticati.

New York City ciclabile: un esempio da copiare?

E in tutto questo l’Italia che fa? Poco evidentemente. Accantonata la proposta di legge a tutela dei ciclisti, tante aree delle nostre città (immaginate le periferie di Milano, Torino, Roma) non godono dei collegamenti ciclabili con il centro della città. Certo non tutto è da buttare ma politiche a favore dell’uso di mezzi alternativi all’auto possono aumentare la qualità della vita e la sicurezza delle strade.

 

It's only fair to share...Share on Google+Share on FacebookTweet about this on Twitter
Aggiungi ai preferiti : Permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *