Miss sul podio, il ciclismo seguirà la Formula 1?

Miss sul podio, il ciclismo farà la Formula 1?

Miss sul podio? La Formula 1 toglie le “ombrelline” e le due ruote cosa fanno? La vuelta le ha eliminate dallo scorso anno, cosa faranno Giro e Tour?

Miss sul Podio?

Miss sul Podio?

Miss sul podio? Qualche settimana fa Formula 1 ha preso la decisione di porre fine alla pratica di lunga data dell’uso delle “ragazze ombrellino” nelle gare. A partire dalla stagione 2018, le donne vestite in modo suggestivo non faranno più bella mostra sulla pit lane.

Secondo il Responsabile delle operazioni commerciali della Formula 1, il cambiamento sarebbe stato fatto “in modo da essere più in sintonia con la nostra visione di questo grande sport”. Questa decisione ha messo sotto i riflettori il ciclismo che all’interno del protocollo di premiazione dei vincitori delle gare prevede da sempre la presenza di una o due belle ragazze che baciano il fortunato di turno. Cosa deciderà l’UCI su questa pratica?

Nel 2017 la Vuelta a Espana, una dei tre grandi giri, ha deciso di eliminare ragazze del podio sostituendole con uomini e donne elegantemente vestite che hanno portato una spaccatura tra chi si è detto favorevole all’eliminazione di una pratica ritenuta obsoleta e chi, invece, ha reclamato la storicità delle presenza delle Miss sul podio.

La popolarità dello sport femminile, incluso il ciclismo, è cresciuta negli ultimi anni, ma in tutto il mondo è ancora evidentemente come l’industria della pratica sportiva sia spesso alimentata dal “testosterone” che porta ad assegnare alle donne ruoli borderline se non addirittura sessisti.

Che si tratti di ring-ring nel pugilato, UFC o delle cheerleaders sui campi americani, sembra sempre più fuori tempo la mercificazione della donna come “elemento di richiamo” per gli uomini.  Il direttore di corsa della Vuelta Espana, Javier Guillen ,  ha preso la coraggiosa decisione di alternare uomini e donne.

La decisione della Vuelta è arrivata dopo che sia il Tour Down Under che la Volta a Catalunya hanno deciso di abbandonare la tradizione all’inizio del 2017, decisione che è stata fortemente supportata dal ciclista spagnolo Mikel Landa: “Le ragazze del podio che presentano i premi sono una vecchia tradizione, è come trattare le donne come oggetti e sottovalutarli. Questo è un costume profondamente radicato e nessuno osa metterlo in discussione. Le donne che salgono sul podio sono lì perché sono belle e hanno delle belle figure, e non è l’immagine che vorresti proiettare al mondo ”

La Vuelta ha anche scartato la tradizione dei vincitori baciati sulla guancia con l’intendo di allontanare la visione che  una persona merita un posto di lavoro per una valutazione basata unicamente sul suo aspetto.

La Formula Uno ha apportato alcuni cambiamenti prima della decisione di vietare completamente la pratica per la stagione 2018. Il Gran Premio d’Australia ha presentato outfit meno estremi per le “grid girls”. Ma questo non è stato sufficiente per sradicare il problema secondo la professoressa di sociologia dell’Università di Swinburne, Karen Farquharson:”Questa pratica invia il messaggio che èle donne devono avere una posizione decorativa e collaterale senza potere e senza input. Non va bene, dobbiamo allontanarci da una società sessista “.

Il ciclismo ha l’opportunità di essere l’esempio più importante di una inversione di tendenza, la Vuelta ci è riuscita. Probabilmente Giro e Tour non seguiranno l’esempio in questo 2018 ma stiamo a vedere

 

Condividilo sui tuoi socialShare on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Share on LinkedInEmail this to someone
Aggiungi ai preferiti : Permalink.

Commenti chiusi