Manuela De Iuliis intervista esclusiva per ciclonews

Manuela De Iuliis intervista con la redazione di ciclonews

Manuela De Iuliis intervista esclusiva con la giovane atleta neo acquisto della Conceria Zabri Fanini

Manuela De Iuliis intervista

Manuela De Iuliis intervista

Manuela De Iuliis intervista esclusiva con la 26enne molisana  al secondo anno fra le Elite che è giunta nel team del presidente Manuel Fanini per confermare quanto di buono fatto vedere nelle categorie giovanili.

In precedenza Manuela De Iuliis era stata protagonista delle Gran Fondo conquistando  il titolo italiano Fci Medio Fondo, la Gran Fondo di Forano (Lazio), la “Garibaldina” a Mentana, la “Faren Sabina Time” e la Gran Fondo “New York Italia”.

Ciao Manuela, anzitutto grazie per aver accettato l’intervista. Ci racconti come mai hai scelto proprio il ciclismo come tuo sport? 

Ciao ragazzi è un piacere fare questa intervista. Mi ha sempre affascinata la bicicletta, fin da quando ero piccolina. La mia storia ed il mio avvicinamento al mondo del ciclismo è un po “particolare”. Ho scoperto il mondo delle corse solo a 20 anni, e senza passare per le categorie giovanili, ho iniziato con le Granfondo. Prima di salire sulla bici da corsa seguivo mio padre in MTB, ma già da piccolina passavo le mie estati in bicicletta! Nel mio paese, Rocchetta a Volturno, in Molise, c’è una piccola squadra di ciclismo e così grazie a loro ho iniziato a pedalare sulla bici da corsa e non me ne sono più separata!

Il ciclismo è uno sport di fatica che richiede dedizione e impegno. Quanto ha influenzato la tua adolescenza ?

Ho iniziato con l’agonismo a 20 anni, quindi il ciclismo non ha influenzato la mia adolescenza, ma lo sport in generale si. Aver inziato tardi è una cosa che ha molti contro, poiché i bambini grazie alle categorie giovanili sono seguiti ed apprendono tutto già da giovanissimi, mentre io mi sono ritrovata ad apprendere tutto in poco tempo ed ho faticato davvero molto per ricavarmi un posto nel mondo delle corse.

Quali valori ti ha trasmesso il ciclismo che applichi anche nella vita e perché lo suggeriresti a una ragazza che vuole iniziare?

Tutti gli sport insegnano tanto, ne ho praticati diversi, ma il ciclismo ha qualcosa di “particolare”, ti insegna a soffrire, a non mollare e anche quando vorresti scendere dalla bici, poi ci torni perchè sai che senza quella fatica non puoi stare. La bicicletta ti fa conoscere i tuoi limiti, ti aiuta a superarli e questa cosa un ciclista riesce ad applicarla anche nella vita quotidiana. Alle ragazze che vogliono iniziare dico di provare, di osare, perché nella vita se non si osa si resta sempre con il dubbio di come sarebbe potuta andare. Ho provato spesso ad avvicinare le ragazze alla bicicletta, ma sempre con scarsi risultati, poiché vedono la bici come uno sport prettamente maschile e troppo faticoso.

C’è una corsa che Elena De Iuliis ricorda con particolare piacere?

La corsa che ricordo con particolare piacere è sicuramente la 6^ tappa del Giro Rosa, con partenza da Isernia, la tappa di casa! Prima partecipazione al Giro Rosa e partenza da casa, non potevo desiderare di meglio! Non solo emozione, ma anche soddisfazione, per essere arrivata a quella tappa, dove c’erano tutte le persone a me care, e per aver portato a termine il Giro a tappe femminile più importante di tutti, nonostante molte persone pensavano non ce la facessi!

C’è un ciclista o una ciclista che ammiri particolarmente o ti ha ispirato?

Da piccola andavo spesso a vedere il passaggio del Giro d’Italia. Per me l’emozione che mi dava il primo corridore era la stessa che mi dava l’ultimo. Pensavo che tutti percorrevano la stessa strada, provavano la stessa fatica e quindi tutti erano i migliori! Poi ovviamente c’è sempre qualche corridore che ammiriamo in modo particolare o uno al quale ci ispiriamo. Tra i miei preferiti c’è sicuramente Marco Pantani, che con i suoi scatti in salita ha fatto sognare generazioni di tifosi. Tra le donne invece, un idolo indiscusso è Alfonsina Strada, detta la Suffraggetta delle cicliste, la prima ed unica donna nella storia ad aver partecipato al Giro d’Italia nel 1891, correndo con altri 90 corridori uomini, percorrendo 3613 km in 12 tappe.

Cosa ti piace fare nel tempo libero? Ascolti qualche genere musicale in particolare?

Oltre a praticare ciclismo, ho ripreso lo studio presso l’università di scienze motorie quest’anno, dopo qualche anno di stop. Nel tempo libero mi piace ascoltare la musica, soprattutto il rock anni ’60, leggere e cucinare dolci. Ho la passione per la montagna, la natura e la fotografia, queste tre cose sono per me come un toccasana per lo spirito e la mente!

Come ti trovi nel team?

Il mio team è la Conceria Zabri Fanini Guerciotti, di Manuel Fanini con sede in Toscana, a Lucca. Il clima all’interno del team è sereno, lo staff ci supporta in tutto e per tutto e con le ragazze mi trovo davvero bene. La mia preparazione atletica, invece, è seguita da Cellini Alessio, al quale dico GRAZIE!

Quali sono i prossimi obiettivi professionali di Manuela De Iuliis?

Dopo aver militato per 4 anni nella categoria EWS, come amatore, questo è per me il terzo anno come Elitè. Sicuramente in due anni ho imparato tanto e spero che in questo 2018 riuscirò ad esprimermi al meglio. Come in tutte le cose, l’esperienza è quasi tutto, ma non mi sono mai arresa, anzi questa è una vera sfida con me stessa e con tutti quelli che qualche anno fa mi dissero di lasciar perdere il mondo del ciclismo. Sicuramente la mia testardaggine mi ha aiutata molto! Ovviamente resto con i piedi per terra, so che un giorno tutto questo finirà e quindi già penso alla mia vita futura fuori dalle corse, restando sempre nel mondo del ciclismo o dello sport in generale! L’obiettivo di questa nuova stagione sarà soprattutto quello di guadagnarmi il posto al giro rosa 2018, mi piacerebbe rivivere tutte quelle emozioni, fatte di fatica, sudore, dolore e soddisfazione!

Condividilo sui tuoi socialShare on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Share on LinkedInEmail this to someone
Aggiungi ai preferiti : Permalink.

Commenti chiusi