Lapierre Bikes è sponsor delle tre classiche del ciclismo

Lapierre Bikes sponsor delle tre classiche del ciclismo italiano

Lapierre Bikes è sponsor delle tre classiche del ciclismo: Milano-Sanremo (08/08), Milano-Torino (05/08) e GranPiemonte (12/08) 2020

 

Lapierre rafforza l’immagine del marchio sul territorio italiano firmando un contratto come official partner con RCS Sport per il 2020 e il 2021, con l’obiettivo di accrescere l’immagine del marchio e la quota di Lapierre sul mercato italiano delle bici da strada grazie ai suoi iconici modelli Xelius SL e Aircode SL.

Già vincitrice di molte gare ciclistiche professionistiche italiane tra cui la Milano-Sanremo nel 2016 con Arnaud Démare e la Milano-Torino 2018 con Thibaut Pinot, Lapierre e Accell Sud Europa desiderano capitalizzare questi successi per rafforzare la propria presenza sul mercato italiano delle bici da strada, sponsorizzando tre delle più importanti corse tra le classiche del ciclismo professionistico.

Alessandro D’Amore, responsabile vendite e marketing di Lapierre per il mercato italiano:

“In Italia abbiamo una buona immagine nei segmenti eMTB e MTB, grazie all’ottimo lavoro dei nostri rivenditori. La strada è sempre stata parte del DNA di Lapierre con due delle nostre iconiche bici, l’Aircode SL e la Xelius SL. Ora dobbiamo capitalizzare i nostri punti di forza per consolidare la nostra immagine sul segmento strada e sviluppare le nostre vendite”.

Matteo Mursia, direttore commerciale di RCS Sport:

“Siamo molto orgogliosi di poter annunciare la nuova collaborazione con Cycles Lapierre, dimostrazione una volta di più dell’appeal e la caratura internazionale delle nostre Classiche. Dopo un periodo complicato per tutti siamo convinti che riportare le corse sulle strade sia la cosa più importante, un segnale concreto di un nuovo inizio per il ciclismo e non solo. Desideriamo ringraziare Lapierre che ha creduto in RCS Sport e siamo convinti che insieme ci toglieremo grandi soddisfazioni”.

La Milano-Torino si correrà domani 5 agosto

Milano-Torino è una gara ciclistica storica. Nata nel 1876 è oggi la più antica ancora organizzata. Di solito percorsa nel periodo autunnale, e quindi considerata una classica d’autunno, la Milano-Torino insieme al Giro di Lombardia e il Gran Piemonte forma il “Trittico di Autunno”.

Nel 2018 Thibaut Pinot si è distinto tra i ciclisti professionisti finendo al primo posto e vincendo quindi la gara prestigiosa. La 101^ edizione della Milano-Torino presenta un percorso pianeggiante che sorride ai velocisti, 198 km con partenza da Mesero e arrivo a Stupinigi, davanti alla Palazzina di Caccia di Stupinigi dove nel 2018 Sonny Colbrelli si impose vincendo il Gran Piemonte.

RCS Sport ha commentato: “Con la Milano-Torino siamo tornati un po’ all’antico, anticipando, come succedeva una volta, la Milano-Sanremo in questo nuovo calendario della ripartenza. Sarà una corsa adatta ai velocisti, visto il percorso prevalentemente pianeggiante. Partiremo da Mesero alle porte di Milano per arrivare davanti alla Palazzina di Caccia di Stupinigi, una delle famose residenze sabaude più famose. Anche questa volta sarà una ripartenza non solo dal punto di vista sportivo ma anche turistico, dal momento che il ciclismo è strettamente collegato alla promozione del territorio. Dal punto di vista agonistico, la prossimità con la prima Classica Monumento della stagione offre una nuova chiave di lettura per questa corsa che sarà un vero banco di prova per tutti coloro che vorranno provare a vincere la Milano-Sanremo sabato 8 agostoLa nostra Regione è orgogliosa di ospitare la Milano-Torino, una prova atletica eccezionale che, dopo un terribile momento vissuto dal nostro Paese per colpa del virus, torna anche a riavvicinare grazie allo sport le città italiane – afferma l’Assessore Regionale allo Sport Fabrizio Ricca. La gara terminerà davanti alla Palazzina di Caccia di Stupinigi e sarà l’ennesima occasione per mostrare a tutti la bellezza del nostro territorio, che offre anche agli atleti la possibilità di cimentarsi nei loro sport a contatto con natura, storia e arte”.

La Milano-Sanremo si correrà sabato 8 agosto

La Milano San-Remo, soprannominata “La Classicissima”, è una gara ciclistica italiana che fa parte dei cinque pilastri del ciclismo. Contesa tra le città di Milano e Sanremo dal 1901, è la corsa ciclistica professionale di un giorno più lunga di un giorno, con una media di 298 chilometri da percorrere.

La Milano-San Remo, con il suo profilo altimetrico prevalentemente pianeggiante, è considerata una gara da velocista. Arnaud Démare, del team Groupama-FDJ nel 2016 ha ottenuto la vittoria.

Inizialmente prevista per il 21 marzo, la gara è stata rinviata all’8 agosto a causa dell’emergenza sanitaria .causata dal Covid-19

Mauro Vegni, Direttore Area Ciclismo di RCS Sport afferma: “Quella dell’8 agosto è una data dettata dal momento difficile che stiamo vivendo con la conseguente rivoluzione del calendario ciclistico. Ci sarà qualche problema in più rispetto a marzo ma siamo fiduciosi che la risposta del territorio possa essere un segnale forte per la ripartenza, anche attraverso lo sport, del nostro Paese. Avremo al via molti dei grandi campioni del pedale a partire dal vincitore dello scorso anno Alaphilippe, ai nostri Nibali e Viviani, a velocisti del calibro di Sagan, dell’australiano Ewan, del colombiano Gaviria e alle nuove promesse Van der Poel e Van Aert, solo per citarne alcuni. Questa Classica Monumento verrà trasmessa, grazie alla produzione del nostro partner Rai, nei cinque continenti e avrà gli occhi di milioni di spettatori a seguirla. Siamo convinti che anche quest’anno, una delle corse di ciclismo più amate al mondo, avrà il successo e la visibilità che l’hanno resa mitica.”

Percorso inedito della Milano-Sanremo

La Milano-Sanremo cambia il suo percorso. Sabato 8 agosto i protagonisti della Classicissima affronteranno un tracciato inedito che muoverà da Milano, il Km 0 è fissato sulla Nuova Vigevanese nel comune di Trezzano sul Naviglio, per proseguire verso la Lomellina, Alessandria, il Monferrato e le Langhe prima di affrontare la salita di Colle Nava a 70 chilometri dal traguardo di Sanremo. A Imperia si rientra nel percorso classico per affrontare la Cipressa da San Lorenzo al Mare e poco dopo il Poggio di Sanremo. 

Descrizione del percorso

La Milano-Sanremo dopo 110 anni cambia percorso e incontra il mare solamente a Imperia dopo aver attraversato la Pianura Padana e gli Appennini più a occidente del consueto. Dopo la partenza da Milano si attraversa la Lomellina su strade pianeggianti, larghe e rettilinee. Dopo Alessandria la corsa attraversa il Monferrato per poi passare nelle Langhe e affrontare la prima lunga asperità di giornata, la salita di Niella Belbo. Le pendenze sono dolci, ma sono presenti, specie nella parte iniziale tratti ripidi e la salita è lunga quasi 20 km (media 3%). Dopo Ceva inizia la lunga e facile ascesa al Colle di Nava (3.9 km al 3% nel finale). Segue la veloce picchiata su Pieve di Teco seguita dal falsopiano a scendere fino a Imperia. Salita e discesa si svolgono su strade larghe. L’attraversamento di Langhe e Monferrato presenta tratti ristretti. A Imperia si rientra nel percorso classico per affrontare la Cipressa (affrontata per la prima volta nel 1982) da San Lorenzo al Mare e poco dopo il Poggio di Sanremo (affrontato per la prima volta nel 1961).

 

Cipressa e Poggio

La Cipressa (5.6 km al 4.1%) immette la corsa nella discesa molto veloce e impegnativa che riporta sulla ss.1 Aurelia. A 9 km dall’arrivo inizia la salita del Poggio di Sanremo (3.7 km a meno del 4% di media con punte dell’8% nel tratto che precede lo scollinamento). La salita presenta una carreggiata leggermente ristretta e 4 tornanti nei primi 2 km. La discesa è molto impegnativa, ristretta in alcuni passaggi, e con un susseguirsi di tornanti e di curve e controcurve fino all’immissione nella statale Aurelia. L’ultima parte della discesa si svolge nell’abitato di Sanremo. Da segnalare ai 750 m dall’arrivo l’ultima curva che immette sulla retta finale di via Roma.

 

FONTE COMUNICATO STAMPA

Aggiungi ai preferiti : Permalink.

I commenti sono chiusi.