Jeanne d’Arc Girubuntu simbolo dell’emancipazione femminile

Jeanne d’Arc Girubuntu simbolo del Ruanda

Jeanne d’Arc Girubunt giovane atleta del Ruanda, con il suo esempio contribuisce all’emancipazione femminile

Jeanne d’Arc Girubuntu

Jeanne d’Arc Girubuntu

Jeanne d’Arc Girubuntu, classe 1995, è la prima ciclista professionista del Ruanda. Con oltre il 60% dei seggi parlamentari detenuti da donne, il Ruanda è spesso celebrato come un leader nell’emancipazione politica delle donne nel paese tristemente noto per il genocidio del 1994.

Jeanne d’Arc è cresciuta giocando a calcio e a pallacanestro, per anni la bicicletta è stata lo strumento per andare a prendere l’acqua per la sua famiglia. Un giorno, vedendo passare nel suo villaggio il Tour du Ruanda ha deciso di voler diventare come quei curiosi atleti.

Nel paese africano, però, non vi era alcuna squadra femminile e così Jeanne d’Arc si è allenata da sola. Il suo successo nelle prime corse disputate ha attirato l’attenzione di Team Africa Rising, un’organizzazione no-profit che ha fondato la squadra nazionale ciclistica del Ruanda, tanto da ricevere un invito per entrare a far parte del team.

Da allora ha gareggiato negli Stati Uniti, Egitto, Svizzera, Marocco. È stata la prima donna africana nera a correre in una gara del campionato mondiale.

“Quando ho iniziato ad allenarmi per la prima volta nel 2012 ho sentito tutta la fatica ma non volevo tornare indietro. Allenarmi con i ragazzi mi ha spinto a migliorare e voglio provare ad eccellere nel mio sport”

È questo spirito competitivo che l’ha aiutata a pedalare fuori dal proprio paese di origine.

Uno degli atleti che ha ispirato la giovane Jeanne d’Arc è Adrian Nyonshuti, protagonista del documentario Rising From Ashes, è stato il primo ciclista del Ruanda a essere selezionato per partecipare alle Olimpiadi di Londra 2012.

“Durante i campionati del mondo su strada del 2015 a Richmond, negli Stati Uniti, ero orgogliosa di essere l’unica donna di colore in competizione. Ma il ciclismo è uno sport di squadra. Mi piacerebbe avere altre ragazze al mio fianco, per aiutarmi e incoraggiarmi. Senza di loro, non posso migliorare “.

Richard Mutabazi, direttore dell’Africa Rising Cycling Centre, ha lanciato una campagna di reclutamento in tutte le province del Ruanda, con l’obiettivo di creare una stabile squadra di ciclismo femminile.

“I ragazzi vengono da noi spontaneamente. Dobbiamo cercare le ragazze. Dobbiamo ancora educare le persone a cambiare il loro modo di pensare, specialmente nei club di ciclismo. Vogliamo che le ragazze abbiano le stesse opportunità dei ragazzi.

Le famiglie sono riluttanti quando le contatto. Si chiedono chi sia quest’uomo, chi vuole reclutare la loro figlia “, spiega Mutabazi.” Dobbiamo addestrarli e trattarli in modo diverso in modo che si sentano a loro agio. Devono essere circondati da altre donne”

Aggiungi ai preferiti : Permalink.

Commenti chiusi