Intervista a Michela Pavin

Michela Pavin

Ospite di www.ciclonews.biz è Michela Pavin, giovane atleta classe 1994 di Schio in forza alla Top Girl Fassa Bortolo

Ciao Michela grazie per la tua disponibilità, spesso ci si domanda cosa avvicini una ragazza al ciclismo, come è nata la tua passione per le due ruote?

Ciao e grazie a voi per la disponibilità, sinceramente devo dire che ho scelto di iniziare a praticare  il ciclismo grazie a mio papà che mi ha trasmesso questa passione. Lui correva in mountain bike  e vedendolo correre mi sono avvicinata alla bici e fortunatamente  non mi sono più allontanata da questo meraviglioso sport.

Si scrive ciclismo e si legge fatica, quanto ha influenzato questo sport sulla tua adolescenza?

Hai ragione, il ciclismo è uno sport davvero molto, molto duro che richiede tanti sacrifici sia da professionisti che anche già da giovani. Sicuramente la mia adolescenza si è divisa tra la bici e la scuola avendo poco tempo per uscire con gli amici a divertirsi. Però devo confessarti che, proprio  grazie anche a queste piccole rinunce e alla dedizione quotidiana verso un unico obbiettivo, il ciclismo mi ha reso la persona che sono oggi.

 

Quali valori ti ha trasmesso il ciclismo che applichi anche nella vitae perché lo suggeriresti a una ragazza che vuole iniziare?

Lo sport in generale ti aiuta a crescere, ad essere autonoma, a formare il carattere per affrontare le difficoltà e per rialzarsi sempre, in questo il ciclismo direi che è il massimo.

L’emozione più bella legata al mondo del ciclismo?

L’emozione più bella che ho legata al ciclismo non è un ricordo di qualche corsa ma è stata l’ultima uscita in bici con mio papà che poi due anni fa mi ha lasciato a causa di una brutta malattia.

La tua gara più bella che hai corso?

La gara più bella ed emozionante che ho corso fino ad oggi è stato senza alcun dubbio la prova dell’Omnium al Campionato Europeo si pista con la conquista del terzo posto

 Cosa ti piace fare nel tempo libero? 

Nel poco tempo libero che ho mi piace stare con la mia famiglia e il mio fidanzato.

Hai un ciclista o una ciclista che ammiri particolarmente o ti ha ispirato?

Non ho un ciclista o una ciclista che ammiro particolarmente, cerco di imparare e apprendere il meglio da tutto anche in altri sport non amo avere miti, certo osservo come si comportano i campioni ma senza farne dei miti.

Quali sono i tuoi prossimi obiettivi professionali?

Settimana prossima sarò a Livigno per preparare il Giro d’Italia rosa, grande appuntamento per me, dove punterò a fare bene nelle tappe di pianura. Poi il mio grande obbiettivo sarà extra ciclistico in quanto a settembre mi sposo!

 

Condividilo sui tuoi socialShare on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Share on LinkedInEmail this to someone
Aggiungi ai preferiti : Permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *