Gp Carnago annullato! Atto doloso?

Gp Carnago annullato per gasolio sulla discesa

GP Carnago

Il via della corsa

GP Carnago, una brutta notizia arriva dalle strade varesine per una corsa storica che in passato vedeva competere i professionisti ed ora destinata ai dilettanti organizzata dalla S.C. Carnaghese. Purtroppo il Gp Industria Commercio e Artigianato Carnaghese, in programma questo pomeriggio sulle strade della Provincia di Varese, è stato annullato:  al primo giro del circuito motostaffette e buona parte degli atleti sono finiti per terra in un tratto di discesa, a causa della presenza di una lunga striscia di gasolio per terra, la giuria di corsa ha prevo l’inevitabile decisione di sospendere la gara.

“Mi dispiace che dopo quarantacinque anni questa gara abbia vissuto una situazione del genere” poche parole, rotte dalla commozione, per il presidente della Società Ciclistica Carnaghese Adriano Zanzi. “Una lunga striscia di gasolio sul manto stradale ha compromesso la sicurezza della competizione – continua Zanzi – e non c’è stata la possibilità in breve tempo di potere avere le autorizzazioni per un tracciato alternativo. In accordo con la Polizia Stradale e la Direzione Gara abbiamo così deciso, dopo diverse consultazioni, di annullare la gara”

La giornata a Carnago era iniziata con il cielo pieno di nuvole, poi le premiazioni dei due tricolori Gianluca Milani e Matteo Moschetti da parte di Maurizio Giovanella e il via in perfetto orario poi la serie di cadute, il gruppo tremendamente frazionato con corridori attardati per gli incidenti e la giuria che prende la sofferta decisione di sospendere e poi annullare la storica corsa.

“Purtroppo non è dipeso dalla nostra volontà l’annullamento della gara – afferma Zanzi – abbiamo fatto tutto il possibile come sempre nelle nostre organizzazioni e sono contento che corridori, direttori sportivi e addetti ai lavori abbiano capito la delicata situazione.Il Glran Premio Carnaghese il prossimo anno con l’entusiasmo di sempre”

 

It's only fair to share...Share on Google+Share on FacebookTweet about this on Twitter
Aggiungi ai preferiti : Permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *