Felice Gimondi cade all’Eroica

Felice Gimondi cade durante la corsa: micro frattura alla spalla

Felice Gimondi

Felice Gimondi in versione “Eroica”

Felice Gimondi ha festeggiavo lo scorso venerdi 75 anni e non ha voluto mancare alla mitica Eroica, la granfondo “vintage” che da 21 anni porta avanti sulle creste senesi il mito del ciclismo d’altri tempo. Tra i circa 7000 appassionati che hanno pedalato questa domenica, chiaramente vestito con le insegne della Bianchi, c’era il grande Felice che è stato suo malgrado vittima di una brutta caduta. A circa  6 chilometri dall’arrivo, in un tratto sterrato in leggera discesa, reso scivoloso dalla pioggia, il tre volte vincitore del Giro d’Italia, è caduto a terra. Da vero lottatore si è rialzato e, nonostante una serie di amaccature, era pronto a riprendere la corsa. E’ stata la figlia, che lo accompagnava in questa straordinaria corsa, a costringerlo a fermarsi.

Di ritorno dalla corsa Toscana, Felice ha cominciato a soffrire di dolori alla spalla sinistra e, giunto a casa, ha avuto un leggero mancamento che ha spinto i familiari a chiamare una ambulanza per trasportarlo al Pronto Soccorso degli Ospedali Riuniti di Bergamo. I primi accertamenti hanno escluso problemi cardiaci ma hanno evidenziato una microfrattura alla spalla sinistra con rottura dei legamenti e un lieve trauma facciale con interessamento dell’occhio sinistro.

Gimondi ha passato la notte in ospedale per ragioni precauzionali ed è stato dimesso in mattinata, ora passerà qualche giorno di riposo forzato. E’ stata la figlia del campione, Norma, a informare i fans dello stato di salute del padre “..dovrà portare il tutore. Tra 1 settimana altra tac alla testa e poi l’11 ottobre la visita dall’ortopedico. Sembra sia tutto sotto controllo. Un sentito ringraziamento, al Pronto Soccorso dell’Ospedale Papa Giovanni XXIII di Bergamo per l’attenzione riservata a papà”.

 

Condividilo sui tuoi socialShare on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Share on LinkedInEmail this to someone
Aggiungi ai preferiti : Permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *