Delta Rotterdam: una donna alla guida

Delta Rotterdam una donna guiderà il team maschile

Delta Rotterdam

Delta Rotterdam: Iris Slappendel

Delta Rotterdam Cycling, storica formazione Continental olandese (in passato conosciuta Van Vliet o De Rijke) che nel corso degli anni ha lanciato numerosi talenti, il prossimo anno sarà guidato da Iris Slappendel.

La trentaduenne, ex ciclista e campionessa  nazionale su strada nel 2014, sarà la prima donna del suo paese a mettersi alla guida di una formazione maschile.  Una notizia che ha dell’epocale in un mondo molto maschile come quello dei direttori sportivi. L’Olanda, si sa, è da sempre un paese aperto alle novità e all’emancipazione in tantissimi settori della quotidianità e probabilmente la notizia non desterà grande stupore ma, per certi versi, è assolutamente un passaggio storico che lascerà il segno.

Delta Rotterdam: Iris Slappendel chi è?

Iris Slappendel ha esordito tra le professioniste nel Vrienden van het Platteland dove è cresciuta per poi approdare in team di assoluto livello come la Cervélo TestTeam e la Rabobank femminile. E proprio alla Rabobank nel 2014 ha conquistato il titolo di campionessa nazionale. Dopo un passaggio anche alla Bigla Pro Cycling Team, nel 2016 ha deciso di ritirarsi per dedicarsi allo studio e alla carriera da manager, approfittando delle borse di studio messe a disposizione dall’UCI per avvicinare le donne al ruolo di manager nel ciclismo professionistico.

Delta Rotterdam: una novità?

In realtà, il ruolo di Team Manager di una squadra maschile affidato ad una donna non è una prima assoluta. Nel 2014, infatti, Rachel Heal ha assunto il ruolo di manager non solo della divisione femminile ma anche di quella maschile alla  Unitedhealthcare. Un caso simile c’è stato anche in Italia dove Maria Colomba Santarsiere ha diretto per alcune stagioni  la Meridiana-Kamen.

 

Condividilo sui tuoi socialShare on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Share on LinkedInEmail this to someone
Aggiungi ai preferiti : Permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *