David Tanner torna con la Veranda’s Willems-Crelan

David Tanner tornerà ad essere un ciclista professionista

David Tanner aveva corso con la IAM lo scorso anno

David Tanner

David Tanner

David Tanner aveva chiuso la scorsa stagione, complice un brutto infortunio, senza riuscire a trovare un contratto valido per quest’anno.

Dopo l’ultima stagione alla IAM Cycling, Tanner si è trovato in cerca di una nuova squadra ed è stato vicino ad un accordo quando è stato colpito da un’auto in un incidente di corsa lo scorso settembre. L’australiano ha trascorso tre settimane in terapia intensiva recuperando da diverse fratture e dovendo accettare l’idea di chiudere la carriera.

A dare una nuova possibilità al trentaduenne australiano è stato un ex compagno di squadra Nick Nuyens. Il belga è ora team manager della Veranda’s Willems-Crelan, formazione Professional di cui è leader Wout Van Aert. Tanner entra così a far parte del team fino al termine del 2017.

A tal proposito David Tanner ha dichiarato: “avevo ormai messo da parte l’idea di correre ancora da professionista ma mi sono allenato con serietà lo stesso. Durante uno stage in Australia il mio agente stato contattato da Nuyens. Quando mi ha dato la notizia pensavo di essere in un sogno invece era tutto vero. Sono onorato di questa proposta e spero di poter aiutare il team”.

Tanner farà il suo debutto con la squadra al Gran Premio Cerami il 19 luglio, seguito due giorni dopo al Tour de Wallonie per poi partecipare all’ Eneco Tour.

“È strano vedere le corse in tv, sperare in una chiamata che non arrivava. Ho sofferto quasi tanto quanto per le ferite del mio incidente. Non avevo mai trascorso un tempo cosi lungo senza prendere parte ad una gara. Certo mi sono tenuto in allenamento ma correre da solo non è la stessa cosa, anche uscire con amici è piacevole ma le corse ti danno l’adrenalina. La prima gara sarà uno shock positivo e sono certo di riprendere i meccanismi della cara in fretta”.

 

Condividilo sui tuoi socialShare on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Share on LinkedInEmail this to someone
Aggiungi ai preferiti : Permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *