Danny van Poppel vince al Tour de Pologne

Danny van Poppel vince la tappa odierna al Tour de Pologne

Danny van Poppel vince

Danny van Poppel

Danny van Poppel vince nella quinta frazione del Tour de Pologne 2017 anticipando Mezgec e Sagan. Tappa corta quella di oggi nella corsa Spagnola, solo 130 i km affrontati dal plotone.

Tappa corta e tanta voglia di fuga; fin da subito si staccano cinque elementi inscenando l’azione che caratterizzerà la tappa. Protagonisti del tentativo sono il belga Maxime Monfort (Lotto Soudal), il tedesco Maximilian Schachmann (Quick Step Floors), l’olandese Antwan Tolhoek (Team Lotto NL-Jumbo), lo statunitense Tejay van Garderen (BMC Racing Team) e il nostro Moreno Moser.

Il gruppo osserva la fuga senza lasciare troppo spazio al gruppo di cinque (vantaggio massimo di poco superiore ai 3 minuti) in cui Monfort va alla caccia dei GPM.

La formazione di Sacha Modolo si incarica di accelerare l’andatura, facendo rapidamente diminuire il gap grazie allo sloveno Matej Mohoric mentre sulla corsa si abbatte un forte temporale che abbassa la temperatura ma rende la strada pericolosamente viscida.

Dopo un tentativo di allungo di Van Garderen ma senza successo, tutto fa prevedere una volata a ranghi compatti ma pochi metri prima dell’ingresso nell’ultimo km si registra una caduta, che spezza quel che resta del plotone in due tronconi.

Danny van Poppel parte in testa e prende il centro della carreggiata andando a trionfare, alle sue spalle secondo posto per lo sloveno Luka Mezgec (Orica-Scott), terzo lo slovacco Peter Sagan (Bora Hansgrohe).

Per Danny van Poppel un felice ritorno alla vittoria dopo un lungo periodo di digiuno. Il passaggio al Team Sky, squadra poco avvezza a curare le volate (lo stesso discorso vale per il nostro Elia Viviani) aveva ridotto le possibilità del noto figlio d’arte e questa vittoria arriva come una boccata di ossigeno.

 

Condividilo sui tuoi socialShare on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Share on LinkedInEmail this to someone
Aggiungi ai preferiti : Permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *