Colle delle Finestre, Chris Froome e il Giro d’Italia 2018

Colle delle Finestre, che fuga quella fuga

Colle delle Finestre e Chris Froome, un giorno storico in cui il kenyano bianco ha preso e ribaltato come un calzino la classifica (e la storia) del Giro 2018.

Colle delle Finestre, Chris Froome

Colle delle Finestre, Chris Froome

Colle delle Finestre, Chris Froome e la sua fuga d’altri tempi, diciamolo, lo ricorderemo per molti anni. In un ciclismo contemporaneo accusato di essere noioso anche da protagonisti attuali, ecco che il kenyano bianco decide di prendere carta e calamaio e scrivere una pagina di storia del ciclismo.

Il leader del Team Sky ha deciso di provare la stoccata lungo lo sterrato della salita piemontese “ammazzando” tutti i rivali e cavalcando in solitaria per qualcosa come 80 km fino all’arrivo solitario di Jafferau.

Diciamolo, quel Giro d’Italia che doveva essere il trampolino per il “doublete” (poi mancato) del kenyano sembrava compromesso, troppe vicissitudini lungo le strade italiane (e israeliane) per riuscire ad indossare la rosa finale e invece….

Invece già nella tappa del Monte Zoncolan il britannico scalda la gamba e la folla con una zampata di classe purissima ma la classifica, nonostante il numero vede Froome nettamente attardato.

Alla partenza da Venaria Reale, infatti, Froome è solamente questo in generale con un ritardo vicino ai tre minuti e mezzo dal leader della Simon Yates, difficile pensare a una rimonta a meno che… non si provi un’impresa:

“in quei casi devi rischiare il tutto per tutto, chiudere in quarta posizione o in undicesima cambia relativamente poco. Avevo nella testa un solo obiettivo ed ero pronto a dare tutto me stesso per ottenerlo, sfiorando l’impossibile” ha raccontato Froome alla Gazzetta dello Sport.

Neanche a dirlo, quel pomeriggio il capitano della formazione britannica ha vestito la sua prima maglia rosa ma non è stato, lo sottolinea lo stesso Froome, un trionfo individuale ma, in puro spirito Team Sky, è stata una vittoria di squadra:

“Sul Colle delle Finestre c’era un nostro uomo ogni 5 chilometri per consentirmi di salire senza la borraccia, se avevo sete c’era una addetto che mi passava l’acqua. In una simile impresa, su una salita come quella ogni grammo pesa tonnellate. Ogni borraccia aveva la quantità di liquido per arrivare allo step successivo”.

Ne abbiamo parlato spesso ma queste parole rimarcano, se ve ne fosse bisogno, come al Team Sky ogni dettaglio sia, in realtà, trattato come un aspetto fondamentale, inutile solerzia? No, filosofia dei Marginal Gains!

Aggiungi ai preferiti : Permalink.

Commenti chiusi