Che balle questo Tour de France! 

Che balle lungo la strada per Parigi!

Che balle, dopo il giorno di riposo il Tour de France riparte ed incappa nella protesta degli agricoltori francesi, dura la reazione della gendaremeria

Che balle! ecco la protesta

Che balle! ecco la protesta

Che balle questo Tour! No, non parliamo del percorso a tratti (come d’abitudine) privo di sussulti per lunghi tratti ma ci riferiamo alla protesta che ha coinvolto oggi la Grande Boucle.

Oggi era in programma la sedicesima tappa dell’edizione numero 105 della corsa francese con arrivo previsto a Bagneres de Luchonstage dopo 218 chilometri ma già dopo pochi c’è stato un clamoroso accadimento.

Non erano, infatti, passati molti chilometri dal via quando il plotone è stato costretto a uno stop inaspettato per via della protesta di alcuni agricoltori, che hanno posizionato lungo la strada alcune balle di fieno.

In tutto i manifestanti erano una ventina ma la gendarmeria non ha usato il guanto di velluto: agenti hanno infatti usato lacrimogeni e gas al peperoncino per disperderli (che ha generato problemi di respirazione a molti atleti). Le immagini raccolte dai reporter non sono assolutamente simpatiche.

Si è assistiti a momenti davvero tesi e poco conciliabili con lo spirito di fratellanza tipico dei grandi avvenimenti sportivi. Gli agenti hanno sparato gli spray urticanti contro i manifestanti inermi sull’asfalto, alcuni sono stati trascinati per i piedi. Le forze dell’ordine hanno dovuto anche allontanare un gregge di pecore e montoni usato per occupare la strada.

Che balle al Tour: anche i ciclisti coinvolti

Come detto l’azione forte della gendarmeria ha coinvolto anche i ciclisti che per via dell’impiego di lacrimogeni hanno avuto problemi respiratori. In molti si sono rivolti al medico di corsa tra cui la maglia gialla Geraint Thomas, il campione del mondo Peter Sagan oltre a Colbrelli, Fraile, Sutherland e Phinney. Anche il capitano del team Sky Chris Froome ha fatto ricorso ai sanitari per farsi spruzzare delle gocce di collirio.

I corridori, dopo alcuni minuti di assoluta confusione e caos, si sono allineati dietro le auto dell’organizzazione e hanno ripreso la corsa.

Che balle al Tour: le cause

La protesta (abbastanza clamorosa) è avvenuta in prossimità del Dipartimento dell’Aude, a ovest di Carcassonne nella regione della Piege.

I contadini hanno mostrato alcuni cartelli recante la scritta “Per la vita della Piege” in segno di protesta contro i ventilati tagli del Governo Francese all’economia agricola della zona

Aggiungi ai preferiti : Permalink.

Commenti chiusi