World Tour 2019 alle porte la nuova stagione del ciclismo

World Tour 2019 ecco tutti i team

World Tour 2019 ecco l’elenco di tutte le formazioni che si daranno battaglia per 365 giorni lungo le strade di tutto il mondo

World Tour 2019

World Tour 2019

World Tour 2019 rombano i motori delle ammiraglie, si lucidano le biciclette e si scaldano le gambe per il sempre più imminente avvio della stagione ciclistica ormai alle porte.

Il ciclomercato ha imperversato in questi mesi che hanno visto l’uscita di scena di un team storico come la BMC (orfana di Andy Rihs) il cui posto è stato preso dalla CCC. Il nuovo team ha letteralmente rivoluzionato l’organico inserendo il velocista italiano Jakub Mareczko e attingendo a piene mani dai team professional.

Tra le novità più “golose” della prossima stagione ci sarà la presenza dell’astro nascente del ciclismo mondiale  Remco Evenepeol  che ha firmato per la Deceuninck-Quick Step che però deve salutare Fernando Gaviria accasatosi alla UAE-Team Emirates. Mercato all’insegna della continuità per i “top team” Movistar, Sunweb e Team Sky così come per AG2R La Mondiale, Groupama-FDJ,

Richie Porte si è accasato alla Trek-Segafredo che si è dunque assicurata un leader vero per le corse a tappe. Tony Martin e Enrico Battaglin si sono “scambiati” il posto passando dalla Katusha-Alpecin alla Jumbo.

 

Ecco l’elenco completo dei teat World Tour 2019

 

AG2R La Mondiale

Gediminas Bagdonas, Romain Bardet, François Bidard, Geoffrey Bouchard, Mikael Cherel, Clément Chevrier, Benoit Cosnefroy, Nico Denz, Silvan Dillier, Axel Domont, Samuel Dumoulin, Hubert Dupont, Julien Duval, Mathias Frank, Tony Gallopin, Ben Gastauer, Alexandre Geniez, Damien Godon, Alexis Gougeard, Jaakko Hänninen(21) Quentin Jauregui, Pierre-Roger Latour, Olivier Naesen, Aurélien Paret-Peintre. Nans Peters, Stijn Vandenbergh, Clement Venturini, Alexis Vuillermoz, Larry Warbasse

Astana Pro Team

Zhandos Bizhigtov, Davide Ballerini, Pello Bilbao, Manuele Boaro, Hernando Bohórquez, Dario Cataldo, Rodrigo Contreras, Magnus Cort Nielsen, Laurens De Vreese, Daniil Fominykh, Omar Fraile, Jakob Fugslang, Yevgeniy Gidich, Jonas Gregaard, Dmitriy Gruzdev, Jan Hirt, Hugo Houle, Ion Izagirre, Gorka Izagirre, Bakhtiyar Kozhatayev, Merhawi Kudus, Miguel Angel Lopez, Alexey Lutsenko, Yuri Natarov, Luis Leon Sanchez,  Nikita Stalnov, Davide Villella, Artyom Zakharov, Andrei Zeits

Bahrain Merida Pro Cycling Team

Valerio Agnoli, Yukiya Arashiro, Phil Bauhaus, Grega Bole, Damiano Caruso, Rohan Dennis, Sonny Colbrelli, Ivan Garcia Cortina, Chun Kai Feng, Andrea Garosio, Heinrich Haussler, Kristijan Koren, Matej Mohoric, Antonio Nibali, Vincenzo Nibali, Domen Novak, Mark Padun, Hermann Pernsteiner, Luka Pibernik, Domenico Pozzovivo, Marcel Sieberg, Dylan Teuns, Jan Tratnik, Meiyin Wang, Stephen Williams

BORA – hansgrohe

Pascal Ackerman, Erik Baška, Cesare Benedetti, Sam Bennett, Maciej Bodnar, Emanuel Buchmann, Marcus Burghardt, Jempy Drucker, Davide Formolo, Oscar Gatto, Felix Grossschartner, Peter Kennaugh, Leopold König, Patrick Konrad, Rafal Majka, Jay McCarthy, Gregor Muhlberger,  Daniel Oss, Christoph Pfingsten, Pawel Poljanski, Lukas Postlberger, Peter Sagan, Juraj Sagan, Andreas Schillinger, Maximilian Schachmann, Michael Schwarzmann, Rudiger Selig

CCC Team

Amaro Antunes, William Barta, Pawel Bernas, Patrick Bevin, Josef Černý, Victor de la Parte, Alessandro De Marchi, Stefan Denifl, Simon Geschke, Kamil Gradek, Jakub Mareczko, Lukasz Owsian Serge Pauwels, Joey Rosskopf, Szymon Sajnok, Michael Schär, Laurens Ten Dam, Greg Van Avermaet, Gijs van Hoecke, Nathan van Hooydonck, Guillaume Van Keirsbulck, Francisco Ventoso, Lukasz Wisniowski

Deceuninck – Quick Step

Julian Alaphilippe, Kasper Asgreen, Tim Declercq, Dries Devenyns, Remco Evenepoel, Philippe Gilbert, Álvaro Hodeg, Mikkel Honoré, Fabio Jakobsen, Bob Jungels, Iljo Keisse, James Knox, Yves Lampaert, Davide Martinelli, Enric Mas, Michael Morkov, Maxi Richeze, Fabio Sabatini, Florian Senechal, Pieter Serry, Zenek Stybar, Petr Vakoc, Elia Viviani

Groupama – FDJ

Bruno Armirail, William Bonnet, Mickael Delage Arnaud Démare, Antoine Duchesne, Kilian Frankiny, David Gaudu, Jacopo Guarnieri, Daniel Hoelgaard, Ignatas Konovalovas, Stefan Kung, Mathieu Ladagnous, Olivier Le Gac, Tobias Ludvigsson, Valentin Madouas, Rudy Molard, Steve Morabito, Thibaut Pinot,  Georg Preidler, Sébastien Reichenbach, Anthony Roux,  Marc Sarreau, Miles Scotson, Romain Seigle, Ramon Sinkeldam, Benjamin Thomas, Benoit Vaugrenard, Léo Vincent

Lotto Soudal

Adam Blythe, Sander Armee,  Tiesj Benoot, Victor Campenaerts, Jasper De Buyst, Thomas De Gendt, Stan Dewulf, Caleb Ewan, Frederik Frison, Carl Frederik Hagen, Adam Hansen, Rasmus Byriel Iversen, Jens Keukeleire, Roger Kluge, Bjorg Lambrecht, Tomasz Marczysnki, Nikolas Maes, Rémy Mertz, Maxime Monfort, Lawrence Naesen, Tosh van der Sande, Jelle Vanendert, Harm Vanhoucke, Brian Van Goethem, Jelle Wallays, Tim Wellens, Enzo Wouters

Mitchelton-Scott

Edoardo Affini, Michael Albasini, Jack Bauer, Sam Bewley, Brent Bookwalter, Esteban Chaves, Luke Durbridge, Alexander Edmondson, Jack Haig, Lucas Hamilton, Michael Hepburn, Damien Howson, Daryl Impey, Chris Juul-Jensen, Cameron Meyer, Luka Mezgec, Mikel Nieve, Nick Schultz, Callum Scotson, Dion Smith, Robert Stannard, Matteo Trentin, Adam Yates, Simon Yates

Movistar Team

Andrey Amador, Winner Anacona, Jorge Arcas, Carlos Barbero, Daniele Bennati, Carlos Betancur, Jaime Castrillo, Richard Carapaz, Hector Carretero, Imanol Erviti, Ruben Fernandez, Mikel Landa, Lluis Guillermo Mas, Nelson Oliveira, Antonio Pedrero, Eduard Prades, Nairo Quintana, Jurgen Roelandts, José Joaquin Rojas, Jaime Roson, Eduardo Sepulveda, Marc Soler, Jasha Sütterlin, Rafael Valls, Alejandro Valverde, Carlos Verona

Team Dimension Data

Lars Bak, Edvald Boasson Hagen, Mark Cavendish, Steve Cummings, Scott Davies, Stefan de Bod, Nicholas Dlamini, Bernhard Eisel, Enrico Gasparotto, Amanuel Gebreigzabhier, Ryan Gibbons, Reinardt Janse van Rensburg, Jacques Janse van Rensburg,  Ben King,  Roman Kreuziger, Gino Mäder, Louis Meintjes, Giacomo Nizzolo, Ben O’Connor, Mark Renshaw, Tom – Jelte Slagter, Rasmus Fosser Tiller, Jay Thomson, Michael Valgren, Jaco Venter, Julien Vermote, Danilo Wyss

Team EF Education First-Drapac p/b Cannondale

Sean Bennett, Alberto Bettiol, Matti Breschel, Nathan Brown, Jonathan Caicedo, Julián Cardona, Hugh Carthy, Simon Clarke, Lawson Craddock, Mitchell Docker, Joe Dombrowski, Moreno Hofland, Alex Howes, Tanel Kangert,  Sebastian Langeveld, Kim Magnusson, Daniel Martinez, Daniel McLay, Sacha Modolo, Daniel Moreno, Lachlan Morton, Logan Owen, Taylor Phinney, Rigoberto Uran, Sep Vanmarcke, Julius van den Berg, Tejay Van Garderen, Luis Villalobos, James Whelan, Michael Woods

Team Jumbo

George Bennett, Koen Bouwman, Laurens De Plus, Floris De Tier, Pascal Eenkhoorn, Robert Gesink, Dylan Groenewegen, Jonas Vingegaard, Lennard Hofstede, Amund Grondahl Jansen, Steven Kruijswijk, Sepp Kuss, Tom Leezer, Bert Jan Lindeman, Paul Martens, Tony Martin, Daan Olivier, Neilson Powless, Primoz Roglic, Timo Roosen, Mike Teunissen Antwan Tolhoek, Taco van der Hoorn, Jos van Emden, Danny Van Poppel,  Jonas Vingegaard, Maarten Wynants

Team Katusha – Alpecin

Enrico Battaglin, Jenthe Biermans, Ian Boswell, Steff Cras, Jens Debusschere, Alex Dowsett, Matteo Fabbro, José Gonçalves, Ruben Guerreiro, Marco Haller, Nathan Haas, Reto Hollestein, Marcel Kittel, Pavel Kochetkov, Viacheslav Kuznetsov, Dani Navarro, Nils Politt,  Mads Würtz Schmidt, Willie Smit, Simon Spilak, Dmitry Strakhov, Harry Tanfield, Rick Zabel, Ilnur Zakarin

Team Sky

Leonardo Basso, Egan Bernal, Jonathan Castroviejo, David De La Cruz, Owain Doull, Eddie Dunbar, Kenny Elissonde, Chris Froome, Filippo Ganna, Tao Geoghegan Hart, Kristoffer Halvorsen, Sebastian Henao, Christian Kness, Michal Kwiatkowski, Christopher Lawless, Gianni Moscon, Jhonatan Narvaez, Wout Poels, Salvatore Puccio, Diego Rosa, Luke Rowe, Pavel Sivakov, Ian Stannard, Ben Swift, Geraint Thomas, Dylan Van Baarle

Team Sunweb

Nikias Arndt, Jan Bakelants, Cees Bol, Roy Curvers, Tom Dumoulin, Johannes Fröhlinger, Chad Haga, Chris Hamilton, Jai Hindlei, Marc Hirschi, Lennard Kämna, Max Kanter,  Wilco Keldermann, Asbjørn Kragh Andersen, Søren Kragh Andersen, Michael Matthews, Joris Nieuwenhuis, Sam Oomen, Casper Pedersen, Robert Power, Nicolas Roche, Michael Storer, Martijn Tusveld, Louis Vervaeke, Max Walscheid

Trek – Segafredo

Fumiyuki Beppu, Julien Bernard, Gianluca Brambilla, Giulio Ciccone, Will Clarke, Nicola Conci, John Degenkolb, Koen De Kort, Niklas Eg, Fabio Felline, Alex Frame, Michael Gogl, Tsgabu Grmay, Markel Irizar, Alex Kirsch, Bauke Mollema, Matteo Moschetti, Ryan Mullen, Jarlinson Pantano, Mads Pedersen, Richie Porte, Kiel Reijnen, Toms Skujins, Peter Stetina, Jasper Stuyven, Edward Theuns.

UAE-Team Emirates

Fabio Aru, Tom Bohli, Sven Erik Bystrom, Simone Consonni, Valerio Conti, Rui Costa, Kristijan Durasek, Roberto Ferrari, Fernando Gaviria, Sergio Henao, Alexander Kristoff, Vegard Stake Laengen, Marco Marcato, Daniel Martin, Yousif Mirza, Manuele Mori, Jasper Philipsen, Juan Sebastián Molano, Christian Muñoz, Ivo Oliveira, Rui Oliveira, Simone Petilli, Tadej Pogacar, Jan Polanc, Edward Ravasi, Aleksandr Riabushenko, Rory Sutherland, Oliviero Troia, Diego Ulissi

Elenchi pubblicati su: SpazioCiclismo (cyclingpro.net)

 

Il caso Pantani film in uscita nel 2019

Il caso Pantani pellicola sugli ultimi giorni del Pirata

Il caso Pantani, film prodotto da Mr. Arkadin Film e distribuito da Little Studio Films di Los Angeles, racconterà gli ultimi anni della vita di Marco

Il caso Pantani

Il caso Pantani

Il caso Pantani, film sull’indimenticato e indimenticabile ciclista romagnolo, è atteso nelle sale per il 2019 e raccoglierà le memorie degli ultimi anni della vita del Pirata.

Sono passati quattordici anni da quel maledetto 14 febbraio, tanti atleti, tanti campioni e anche tanti ciclisti sono saliti agli onori della ribalta ma, possiamo dirlo, nessuno è entrato nel cuore degli italiani come Marco Pantani.

In questi ultimi anni si sono scritti libri e si è parlato molto della vicenda della morte di Marco, vicenda che lascia molti, moltissimi, punti oscuri che ora verranno narrati anche nel film “Il caso Pantani”.

La storia di Marco è stata un percorso da “montagne russe” tra incidenti, cadute, trionfi e polveroni legati alla nota vicenda di Madonna di Campiglio. La storia di Pantani è quella di un campione fragile a cui in tanti (troppi) hanno voltato le spalle quando era più corretto tendere una mano per salvare mentre le “mani” l’hanno schiacciato e travolto in un gioco al massacro micidiale.

Il regista Domenico Ciolfi ha spiegato che

“il film non sarà una sola indagine, un inchiesta sul mistero legato  a Pantani ma vuole essere un’indagine sulle emozioni e la personalità di Marco  per restituire verità, dignità e giustizia a un uomo al quale è stata tolta due volte la vita”.

Il Caso Pantani ripercorre gli ultimi cinque anni di vita del “Pirata” anni in cui il suono dei trionfi si sono spenti e i titoli dei giornali non incensavano più ma infangavano l’immagine di Marco.

Il film si basa su un accurato lavoro di ricerca attraverso testimonianze di colleghi, avversari, amici e parenti del Pirata nonché gli atti processuali e le decine di racconti ascoltati durante i sopralluoghi in Trentino (dove la discesa agli inferi ebbe inizio) e la Romagna.

Johan Bruyneel squalificato a vita!

Johan Bruyneel non potrà più lavorare nel ciclismo?

Johan Bruyneel ex DS della US Postal di Lance Armstrong ha ricevuto una squalifica a vita dall’attività ciclistica

Johan Bruyneel e Armstrong

Johan Bruyneel e Armstrong

Johan Bruyneel, ex direttore della squadra US Postal, ha dichiarato che gli è stato imposto un divieto di svolgimento di attività legate al ciclismo da parte del Tribunale Arbitrale per lo Sport per via del suo coinvolgimento nelle vicende legato all’uso di sostanze vietate da parte di Lance Armstrong.

Mercoledì scorso Bruyneel ha pubblicato una lettera aperta, dichiarando di aver ricevuto un’e-mail dal CAS in cui si dichiarava che il precedente divieto di 10 anni era stato esteso a vita.

“Voglio sottolineare che riconosco e riconosco pienamente che molti errori sono stati fatti in passato. Ci sono molte cose che vorrei avere potuto fare diversamente, e ci sono alcune azioni che ora mi dispiace profondamente aver compiuto. Il periodo in cui ho vissuto, sia come ciclista che come direttore di squadra, era molto diverso dall’attuale”

Bruyneel, 54 anni, è stato il manager durante tutte e sette le vittorie al Tour di Armstrong dal 1999 al 2005, e ha seguito il texano dal 2009 e 2010 nella sua “seconda carriera”. Nel 2012 l’USADA ha accusato Bruyneel durante le indagini su Armstrong e Michele Ferrari, per una serie di violazioni relative al possesso e il traffico di sostanze dopanti.

Nel 2014 Johan Bruyneel è stato condannato per queste accuse dall’American Arbitration Association (AAA) con una squalifica di 10 anni, ora estesa a vita.

All’inizio del 2018 Bruyneel è stato condannato a pagare $ 1,2 milioni al governo degli Stati Uniti per il suo ruolo nel programma di doping dell’US Postal di Armstrong.

 

” mantengo fermamente la mia posizione che l’USADA non ha – e non ha mai avuto alcuna autorità legale su di me e meno ancora alcun potere di emanarmi una simile squalifica. A 54 anni, un divieto di 10 anni o un divieto di vita è praticamente la stessa cosa. Non voglio entrare nei dettagli ma eravamo tutti figli di quel periodo storico. Certo non sempre abbiamo fatto scelte corrette ma in quel momento la cultura era quella. Ora voglio voltare pagina, chiudere questo capitolo della mia vita, godermi la mia buona salute e i miei due bellissimi figli”.

Camilla Alessio argento nella crono juniores

Camilla Alessio argento ai Mondiali di Innsbruck

Camilla Alessio argento nella crono juniores per l’atleta padovana alle spalle dell’olandese Rozemarijn Ammerlaan

Camilla Alessio

Camilla Alessio sul podio

Camilla Alessio conquista un’incredibile medaglia d’argento nella prova il tempo Juniores dei Mondiali di Ciclismo di Innsbruck 2018. La padovana ha chiuso i 19,8 km  in 27’09″75, alle spalle dell’olandese Rozemarijn Ammerlaan, vincitrice in 27’02”95.

Arriva quindi una prestigiosa medaglia d’argento nella prima gara per gli azzurri al mondiale Austriaco. Camilla corre per il Team Lady Zuliani ed è rimasta in testa alla corsa per tantissimo (lo scorso anno fu Alessia Vigilia a sedere sulla poltrona del capoclassifica a lungo).

Ad onor del vero va detto che la presenza della Alessio era tutt’altro che scontata in quanto vi erano alcuni dubbi sul presentarla alla partenza (il successo di Vittoria Guazzini allo scorso Campionato Europeo aveva aperto all’Italia un posto in più al via).

Considerando che la prova era aperta alla categoria Juniores i quasi 20 km di percorso erano sicuramente elevati per le abitudini delle atlete e Camilla ha fatto la parte del leone inchinandosi per soli 7 secondi alla forte olandese Ammerlaan che ha chiuso in 27’02” a quasi 44 km/h di media.

La prova è contrassegnata da un meteo altalenante infatti la nostra Camilla ha corso su un tracciato con fondo bagnato ma è riuscita ugualmente a conquistare la seconda piazza davanti alla inglese Elynor Backstedt.

 

Tra le altre italiane in gara, sesto posto a 25″ per Vittoria Guazzini mentre Giorgia Bariani ha chiuso ventunesima a 1’22”.

Filippo Ganna verso la firma con il Team Sky

Filippo Ganna verso il cambio di squadra

Filippo Ganna verso la firma con il team britannico lascia la UAE Emirates con l’obiettivo di crescere nelle prove in pista in vista di Tokyo 2020

Filippo Ganna verso il Team Sky

Filippo Ganna verso il Team Sky

Filippo Ganna verso la  firma del contratto con il Team Sky. La notizia non è ancora stata ufficializzata dalle parti ma le voci ormai sono troppe per essere solo voci tant’è che è apparso qualche giorno fa un articolo su La Gazzetta dello Sport che ne dava per certa la soluzione positiva.

Il due volte Campione del Mondo dell’inseguimento individuale vestirà dunque i colori della corazzata inglese in cui militano Chris Froome e Geraint Thomas fresco vincitore del Tour de France.

Se appare ormai chiaro che il forte e talentuoso 22enne abbia firmato per la Sky, è importante capire quali sono le opportunità che si aprono per l’atleta italiano. Secondo indiscrezioni è stato predisposto un piano di crescita e di “formazione”. Filippo Ganna si è più volte confrontato con il suo manager Giovanni Lombardi e insieme hanno studiato gli obiettivi dei prossimi anni: cercare di conquistare l’oro col quartetto alle Olimpiadi di Tokyo 2020 e il Mondiale a cronometro.

Ganna sembra voler seguire la parabola già vista con Elia Viviani che  tra il 2015 e il 2017 ha indossato la maglia della Sky andando poi a conquistare  l’oro nell’omnium alle Olimpiadi di Rio 2016. Il passaggio al Team Sky consentirebbe a Ganna di poter utilizzare biciclette Pinarello che sono utilizzate anche dal quartetto nazionale.

Il Team Sky probabilmente il team più importante (e discusso) del World Tour con grandissimo potenziale economico e di fascino. Secondo alcune voci Brailsford ha adocchiato Filippo già da under 23 per la squadra ‘development’ ma Ganna aveva già siglato un accordo con la Lampre diventata poi UAE.

Pare siano stati in tanti i team ad avanzare una proposta al giovane campione tra cui la Quick Step Floors, la BMC (che cambierà denominazione in CCC)  ma i britannici hanno anticipato i tempi e già da qualche mese, pare, siglato un preaccordo.

 

Bottecchia e Androni Giocattoli Sidermec insieme

Bottecchia e Androni Giocattoli continua la collaborazione

Bottecchia e Androni Giocattoli continua la collaborazione anche per il 2019 arrivando a tre stagioni consecutive di collaborazione

Bottecchia e Androni Giocattoli

Bottecchia e Androni Giocattoli

Bottecchia e Androni Giocattoli continuano lungo la strada della collaborazione anche per la stagione 2019 portando così a 3 gli anni di partnership tra le due realtà. L’annuncio è di qualche giorno fa a seguito della vittoria di Ivan Sosa all’Adriatica Ionica Race.

Il trionfo del giovane scalatore colombiano sul Giau in sella alla Emme 4 Squadra frutto del lavoro de laboratorio Red Lab è l’immagine della positività del rapporto fra il team e uno dei marchi storici del ciclismo

Felice Marco Bellini, responsabile marketing e sponsor di Androni Giocattoli Sidermec: “Sarà il terzo anno con Bottecchia, un rapporto che si basa sulla reciproca soddisfazione grazie allo splendido lavoro svolto staff di Bottecchia Reparto Corse, coronato con un grande Giro d’Italia”.

Altrettanta soddisfazione nelle parole dell’AD di Bottecchia, Diego Turato: “La stagione ci sta regalando risultati esaltanti e grande visibilità, avremmo meritato una vittoria di tappa al Giro d’Italia 2018 che sarebbe stata la classica ciliegina sulla torta. Siamo molto contenti di questa partnership”

La Emme 4 Squadra in dotazione al Team sarà il punto cardine del rapporto secondo le parole di Turato: “continueremo con ulteriori sviluppi sul telaio

Il Ceo di Bottecchia punta l’attenzione sugli aspetti tecnici legati alla bici, la Emme 4 Squadra, che dall’inizio 2018 è in dotazione al team con “l’obiettivo di fornire il miglior prodotto possibile ai corridori e andare avanti con un progetto che guarda ad un telaio sempre più performante. Un grande piacere sono i continue feedback positivi che ci stanno giungendo dagli stessi atleti che usano i nostri mezzi quotidianamente in gara e allenamento.

Non poteva mancare il pensiero del team manager dei campioni d’Italia Gianni Savio: «E’ bello che l’ufficializzazione della partnership sia arrivata in coincidenza di un successo di prestigio come quello di Ivan Sosa. Ivan, che ha trionfato usando una Emme 4 Squadra, mi ricorda molto Nelson Rodríguez Serna detto Cacaíto  che proprio su di una Bottecchia nel 1994 vinse una delle tappe regine del Tour de France precedendo Ugrumov e Pantani”.

Armstrong antidoping costoso e infruttuoso

Armstrong antidoping costa troppo e non da risultati

Armstrong antidoping poco utile, il texano noto per aver creato uno dei sistemi di doping più organizzato al mondo sottolinea l’inefficacia delle norme contro le sostanze vietata

Armstrong antidoping

Armstrong antidoping

Armstrong antidoping poco utile! L’ex professionista ormai caduto in disgrazia, che ha ammesso di essere stato al centro di uno dei programmi di doping più intricato nella storia dello sport mondiale ha dichiarato in una intervista a velonews che il sistema antidoping non funziona.

“So che sembrerà terribile sentire da me queste parole, ma seriamente, a volte penso che dobbiamo smettere di credere cosi duramente nell’antidoping“. Questa è stata la risposta data dal texano alla domanda sulle continue controversie che il mondo del ciclismo attraversa in materia di doping.

“Primo, non funziona. In secondo luogo, non riceviamo alcun credito per queste audaci iniziative, rispetto ad altri sport. Terzo, costa un sacco di soldi per pochissimi risultati ” ha rincarato la dose il corridore di Austin.

Lance Armstrong che aveva vinto sette Tours de France prima di vederseli annullare a causa delle notissime vicende che lo hanno visto come principale protagonista dello scandalo US Postal Service non le manda a dire e, come di consueto prende posizioni assolutamente forti:  “Ora sento che alcune persone stanno parlando della cessazione dei TUE. Ma la maggior parte degli altri sport può utilizzare tantissime sostanze che nel ciclismo sono illegali. Insomma prendete Tony Romo (ex quarterback dei Dallas Cowboys) lui ha potuto assumere del cortisone prima di una gara, nel ciclismo nessuno può farlo”.

Quella di Lance Armstrong è da sempre una figura controversa, fin dalle corse adolescenziali, passando per la storia miracolosa della rinascita dal cancro alle polveri dell’annullamento dei sette Tour de France vinti. Lance è passato da essere un simbolo positivo (o presuto tale) ad essere l’icona del male dello sport: “Questo genere di cose accade in tutti i tipi di percorsi della vita – che siano io, i russi o una statua confederata. I simboli vengono attaccati per far sembrare buoni i regolatori, ma il vero problema non sta davvero sparendo ”

 

 

Israel Cycling Academy al Giro lista dei partenti

Israel Cycling Academy al Giro come squadre “di casa”

Israel Cycling Academy al Giro d’Italia sarà una delle gradite novità, il team manager Kjell Carlström ha deciso di puntare su Kristian Sbaragli per le volate

Israel Cycling Academy al Giro d'Italia

Israel Cycling Academy al Giro d’Italia

Israel Cycling Academy al Giro d’Italia sarà una delle più attese per via di essere il team “di casa” alla partenza da Gerusalemme. 

Fin dall’annuncio della partecipazione erano  stati confermati al via i nomi  quelli del canadese Guillaume Boivin, del belga Ben Hermans, del lettone Krists Neilands e dello spagnolo Rubén Plaza.

Ai corridori sopra citati si sono aggiunti gli ultimi quattro elementi: l’australiano Zakkari Dempster, che fungerà da prezioso gregario in pianura, l’italiano Kristian Sbaragli, che sarà il velocista della selezione, e, a sorpresa, ben due corridori israeliani, vale a dire Guy Niv e Guy Sagiv. Secondo le dichiarazioni delle passate settimane solo un posto era riservato ad atleti del paese mediorientale.

La decisione è stata di senso opposto ed è stata spiegata dal team manager Kjell Carlström: «La Israel Cycling Academy ha dato una scossa all’ambiente ciclistico israeliano. Niv e Sagiv sono cresciuti moltissimo negli ultimi mesi e portarli entrambi al Giro può sicuramente rappresentare un rischio. Potevamo portare una formazione di maggior qualità ma sappiamo che entrambi daranno il massimo per aiutare i compagni».

Lieuwe Westra confessa l’uso di corticoidi

Lieuwe Westra confessa l’uso di corticoidi

Lieuwe Westra confessa di aver fatto uso di corticoidi nel corso della sua carriera per un periodo abbastanza lungo, l’ammissione nella sua autobiografia

Lieuwe Westra

Lieuwe Westr

Lieuwe Westra confessa l’uso di corticoidi durante la sua carriera e lo fa in alcune pagine della sua autobiografia che a breve arriverà nelle librerie mondiali “Het Beest, het wielerleven van Lieuwe Westra” (La Bestia, la vida in bicicletta di Lieuwe Westra). Il corridore olandese non ha precisato a quale momento della sua carriera si faccia riferimento ma ha sottolineato come che l’utilizzo è stato prolungato nel tempo, probabilmente partendo sin dal suo primo anno di professionismo, quando capì che per poter competere a livello alto.

“Ho sofferto di problemi al ginocchio per anni – ha dichiarato – Questo mi ha permesso di prendere del cortisone nei momenti importanti della stagione. Dovevamo essere performanti e alla dirigenza non importava, l’importante è che non venivamo presi. Beata ignoranza”.

Va detto che l’olandese non è mai risultato positivo ad alcun controllo antidoping anche se, per stessa ammissione del campione nazionale a cronometro 2012 e 2013, “per essere buoni corridori bisognava essere al limite di ciò che era permesso”..

Lieuwe Westra avrebbe dunque goduto delle Autorizzazioni per Uso Terapeutico, le cosiddette TUE o AUT che dallo scorso anno sono particolarmente al centro delle polemiche in seguito alle rivelazioni di Fancy Bears sull’utilizzo da parte di Bradley Wiggins e Chris Froome. Nel caso dell’olandese parrebbe che queste siano state utilizzate per  migliorare la performance e non per curare o alleviare dei sintormi.

“Ho iniettato queste sostanza nel mio corpo per poter andare più forte, per ottenere dei premi e ricevere dei complimenti. Durante il mio primo anno da professionista ho capito che non era possibile vincere con il solo allenamento. Se vuoi giocare con i grandi devi trovare i limiti del concesso”.

Ritiratosi lo scorso anno, il 35enne ha corso per due sole squadre da pro, la Vacansoleil dal 2009 al 2013 e la Astana, dal 2014 al 2016.

Garmin Edge 520 plus: GPS bike computer

Garmin Edge 520 plus: il nuovo bike computer

Garmin Edge 520 plus un prodotto innovativo e ricco di funzioni per gli amanti delle due ruote che non vogliono rinunciare alla sicurezza

Garmin Edge 520 plus

Garmin Edge 520 plus

Garmin Edge 520 plus è il nuovo GPS bike computer che va ad integrare le funzioni di navigazione con le più performanti funzionalità di tracciamento dell’attività, oltre che aver precaricata la cartografia Garmin Cycle Map

Garmin Edge 520 Plus è compatibile con lo store Connect IQ™ e integra le innovative app Training Peaks e Best Bike Split che consentono la programmazione giorno per giorno delle attività e la creazione di allenamenti

Se sincronizzato con i sensori radar Varia™, tra cui l’ultimo arrivato RTL510, il GPS bike computer Garmin Edge 520 Plus garantisce ancora più sicurezza in strada in caso di avvicinamento di un veicolo.

Il nuovo prodotto di Garmin è dotato di display a colori da 2.3” pollici, perfettamente leggibile anche sotto la luce diretta del sole. Ha un’interfaccia intuitiva e di immediato utilizzo.

 Il GPS, compatibile anche con il sistema satellitare russo GLONASS, e l’altimetro integrati assicurano una rilevazione assolutamente precisa dei dati di velocità, distanza e altitudine percorse.

 Sul dispositivo è caricato il Trendline™, una innovativa funzione che sfruttando il database di Garmin Connect (miliardi di km, caricati negli anni da milioni di utenti Garmin nel mondo)indicherà gli itinerari più praticati e quindi più sicuri da percorrere. E’ possibile scegliere tra percorso su strada, su sterrato o gravel, con la sicurezza di avere sempre indicazioni affidabili e precise.

Sul nuovo Edge 520 Plus è poi presente la funzione importantissima di Incident Detection: il dispositivo è in grado di riconoscere automaticamente – grazie all’accelerometro integrato – un eventuale incidente o avaria della bici e quindi di inviare ai numeri di emergenza preimpostati un SMS con la vostra esatta posizione. La batteria del nuovo Garmin Edge 520 Plus ha un’autonomia fino a 15 ore.