Durango-Durango 2019 Soraya Paladin terza

Durango-Durango 2019, terza la Paladin

Durango-Durango 2019, Soraya Paladin dopo le due vittorie alla  Vuelta a Burgos, sale sul podio. Vittoria di Lucy Kennedy

Soraya Paladin

Soraya Paladin

La ciclista di Cimadolmo, dopo le due vittorie di tappa alla Vuelta a Burgos, sale sul podio anche nella classica in linea basca dove giunge terza alle spalle delle australiane Lucy Kennedy e Amanda Spratt.

La Durango-Durango si è sviluppata su 113 km totali: il tracciato prevedeva cinque giri iniziali di un primo circuito, seguiti da una doppia tornata differente e che comprendeva il duro strappo dell’Alto de Goiuria. E’ proprio qui il punto in cui si è decisa la gara, grazie ad un gruppetto di dieci atlete, tra cui la stessa Soraya Paladin, ad avvantaggiarsi sul plotone principale fino ad un massimo distacco di cinque minuti. Sulla salita si avvantaggia Kennedy ma Soraya resiste in salita insieme ad Amanda Spratt e con la quale va a sprintare per la seconda posizione, confermando uno stato di forma inarrestabile dall’inizio dell’anno.

La squadra resterà nei Paesi Baschi, dove sarà in scena all’Emakumeen Bira a partire da mercoledì 22 maggio.

ORDINE DI ARRIVO DURANGO-DURANGO:

1. Lucy Kennedy
2. Amanda Spratt
3. Soraya PALADIN

 

FONTE COMUNICATO STAMPA

Eleonora Camilla Gasparrini serve il bis

Eleonora Camilla Gasparrini vince nelle Marche

Eleonora Camilla Gasparrini del VO2 Team Pink centra il secondo successo in meno di 24 ore e il terzo stagionale trionfando nelle Marche

Eleonora Camilla Gasparrini (fonte comunicato stampa)

Eleonora Camilla Gasparrini (fonte comunicato stampa)

Eleonora Camilla Gasparrini, Junior torinese del sodalizio piacentino, centra il secondo successo in meno di 24 ore e il terzo stagionale trionfando nelle Marche. Quarto posto (terzo di categoria) per la milanese Aurora Mantovani. Poker di piazzamenti con Esordienti e Allieve a Gazoldo degli Ippoliti

Due successi in meno di 24 ore, dalla cronometro alla gara su strada, dalla Lombardia alle Marche dopo un viaggio di oltre 400 chilometri. E’ la grande prova di forza offerta da Eleonora Camilla Gasparrini, “panterina” torinese del VO2 Team Pink protagonista indiscussa del fine settimana ciclistico della categoria Donne Juniores.

Soltanto ieri (sabato) pomeriggio la ciclista nonese (frazione San Dalmazzo) si era imposta nella cronometro di Romanengo (Cremona) precedendo la compagna di squadra Sofia Collinelli. Premiazioni e via in pulmino alla volta delle Marche, più precisamente a Osimo Stazione dove stamattina (domenica) il talento piemontese ha festeggiato il secondo successo consecutivo (il terzo 2019 contando anche l’acuto di Caivano nel Giro della Campania in Rosa) precedendo sulla linea del traguardo l’under Giada Capobianchi (Capobianchi Cicli Moto Sport) e la nazionale russa Aigul Gareeva. Quarto posto assoluto (e terza junior) per la compagna di squadra milanese Aurora Mantovani a completare la grande festa del team piacentino, mentre la parmense Giulia Aimi (classe 2000) è stata premiata come quarta under.

La domenica del sodalizio presieduto da Gian Luca Andrina si è completata con un poker di piazzamenti, tutti centrati sotto la pioggia a Gazoldo degli Ippoliti (Mantova). Nelle Esordienti, ottava posizione per la casalasca Elena Delogu e decima per la piacentina Arianna Giordani; bis nella top ten anche nelle Allieve, a firma delle bresciane Silvia Bortolotti (quinta) e Greta Bonazzoli (ottava).

Risultati

Donne Junior Osimo Stazione: 1° Eleonora Camilla Gasparrini (VO2 Team Pink) 76 chilometri 200 metri in 1 ora 53 minuti, media 40,460 chilometri orari, 2° Giada Capobianchi (Capobianchi Cicli Moto Sport, Under), 3° Aigul Gareeva (Nazionale russa), 4° Aurora Mantovani (VO2 Team Pink), 5° Giorgia Catarzi (Ciclismo Insieme), 6° Giulia Giuliani (Ciclismo Insieme), 7° Gaia Masetti (Breganze Wilier Team), 8° Prisca Savi (Scv Bike Cadorago), 9° Lara Scarselli (Ciclismo Insieme), 10° Alessia Patuelli (Breganze Wilier Team).

Allieve Gazoldo degli Ippoliti: 1° Sara Fiorin (Cicli Fiorin) 48 chilometri in 1 ora 19 minuti 21 secondi, media 36,295 chilometri orari, 2° Francesca Barale (Pedale Ossolano), 3° Valentina Basilico (Cesano Maderno), 4° Chiara Sacchi (Busto Garolfo), 5° Silvia Bortolotti (VO2 Team Pink), 6° Sara Aubry (Scv Bike Cadorago), 7° Sofia Nicolini (Pedale Ossolano), 8° Greta Bonazzoli (VO2 Team Pink), 9° Beatrice Caudera (Cicli Fiorin), 10° Elisa Roccato (Cadeo Carpaneto)

Donne Esordienti Gazoldo degli Ippoliti: 1° Carola Ratti (Cardanese) 27 chilometri in 45 minuti 12 secondi, media 35,841 chilometri orari, 2° Federica Venturelli (Cicli Fiorin), 3° Rebecca Vezzosi (Gioca in Bici Oglio Po), 4° Asia Zanoni (Team Nuvolento), 5° Giulia Negri (Polisportiva San Marinese), 6° Anita Baima (Cicli Fiorin), 7° Camilla Locatelli (Cesano Maderno), 8° Elena Delogu (VO2 Team Pink), 9° Alessia Rossetti (Ju Green Gorla Minore), 10° Arianna Giordani (VO2 Team Pink).

FONTE COMUNICATO STAMPA

VO2 Team Pink doppietta nella cronometro a Romanengo

VO2 team: vince Eleonora Camilla Gasparrini

VO2 Team Pink nella prova a cronometro di Romanengo vince Eleonora Camilla Gasparrini, seconda Sofia Collinelli

VO2 Team: Eleonora Camilla Gasparrini, seconda Sofia Collinelli (fonte comunicato stampa)

VO2 Team: Eleonora Camilla Gasparrini, seconda Sofia Collinelli (fonte comunicato stampa)

Si apre con una spettacolare doppietta il week end di gare del VO2 Team Pink, protagonista oggi (sabato) nel tradizionale appuntamento con la cronometro di Romanengo (Cremona). Il sodalizio piacentino, infatti, ha catalizzato l’attenzione nella categoria Donne Juniores, dove ha occupato i primi due gradini del podio. A salire su quello più alto, la “panterina” torinese Eleonora Camilla Gasparrini, capace di fermare il cronometro sul tempo di 18 minuti 17 secondi 867; alle sue spalle, la compagna di squadra ravennate Sofia Collinelli, seconda e distanziata di quasi 16 secondi, mentre a completare il podio è stata la piemontese Matilde Vitillo (Racconigi Cycling Team). Nella top ten, un’altra portacolori del team piacentino: si tratta della parmense Giulia Affaticati, nona. Nelle Allieve, invece, decima posizione per la bresciana Silvia Bortolotti.

LA DOMENICA DELLE “PANTERINE” – Domani (domenica) il week end del VO2 Team Pink si concluderà con altri due appuntamenti, affrontati con la rosa al completo (24 atlete). Per le Donne Esordienti e le Donne Allieve è prevista la partecipazione al 19esimo Memorial Alberto Coffani, gara a Gazoldo degli Ippoliti (Mantova). Alle 9 prenderà il via la corsa per Donne Esordienti, con un circuito paesano di 3 chilometri da ripetere 9 volte per un totale di 27 chilometri. Sedici, invece, saranno le tornate per le Allieve (48 chilometri), che partiranno a seguire. Dal canto loro, invece, le Junior saranno di scena nelle Marche a Osimo Stazione (Ancona) nel ventottesimo Trofeo Anspi-ventitreesima Giornata Rosa, con partenza alle 9 e 76 chilometri e 200 metri da percorrere.

Risultati cronometro Romanengo:

Donne Juniores: 1° Eleonora Camilla Gasparrini (VO2 Team Pink) in 18 minuti 17 secondi 867, media 41,31 chilometri orari, 2° Sofia Collinelli (VO2 Team Pink) a 15 secondi 997, 3° Matilde Vitillo (Racconigi Cycling Team) a 23 secondi 213, 4° Letizia Brufani (Ciclismo Insieme) a 24 secondi 506, 5° Camilla Alessio (Ciclismo Insieme) a 40 secondi 40, 6° Matilde Bertolini (Scv Bike Cadorago) a 24 secondi 806, 7° Elisa Tonelli (Breganze Wilier Team) a 25 secondi 922, 8° Giorgia Catarzi (Ciclismo Insieme) a 26 secondi 480, 9° Giulia Affaticati (VO2 Team Pink) a 29 secondi 396, 10° Sonia Rossetti (Scv Bike Cadorago) a 43 secondi 746.

Donne Allieve: 1° Francesca Barale (Pedale Ossolano) in 18 minuti 49 secondi, media 40,17 chilometri orari, 2° Emma Redaelli (Valcar Cylance) a 30 secondi 950, 3° Beatrice Caudera (Cicli Fiorin) a 36 secondi 189, 4° Eleonora Ciabocco (Team Di Federico Pink) a 39 secondi 230, 5° Carlotta Cipressi (Re Artù General System) a 42 secondi 200, 6° Francesca Pellegrini (Valcar Cylance) a 47 secondi 472, 7° Alessia Manenti (Cicli Fiorin) a 51 secondi 241, 8° Elisa Fedeli (Team Di Federico White) a 1 minuto 4 secondi 961, 9° Beatrice Trento (Breganze Wilier Team) a 1 minuto 12 secondi 651, 10° Silvia Bortolotti (VO2 Team Pink) a 1 minuto 16 secondi 548.

FONTE COMUNICATO STAMPA

 

Soraya Paladin inarrestabile alla Vuelta a Burgos

Soraya Paladin conquista il terzo sigillo in Spagna

Soraya Paladin del Team Alé – Cipollini vince la terza frazione consecutiva con arrivo all’Alto de Rosales alla Vuelta a Burgos

Soraya Paladin

Soraya Paladin

E’ un vero e proprio dominio quello del Team Alé – Cipollini in Spagna, che vince la terza frazione consecutiva (su tre disputate) ancora grazie a Soraya, che dopo il successo di ieri a Poza de la Sal si prende anche l’arrivo in salita dell’Alto de Rosales, al termine di una frazione di 81.5 km.

Soraya Paladin è una delle atlete più in forma in assoluto in questi primi cinque mesi dell’anno, in cui ha raccolto grandi piazzamenti in numerose gare fino ad arrivare alle vittorie di ieri ed oggi. Ad Alto de Rosales ha staccato di 2” la norvegese Stine Borgli e la slovena Ursa Pintar. Per la somma dei piazzamenti Stine Borgli la leadership in classifica generale che, nelle due precedenti frazioni era comandata da Karlijn Swinkels, ma Soraya Paladin è seconda con lo stesso tempo della scandinava. Per la trevigiana c’è anche il primo posto nella classifica della combinata. La giuria aveva inizialmente assegnato la leadership assoluta a Soraya che aveva 2” sulla Borgli, ma poi successivamente ha tolto il distacco precedentemente dato.

Il DS Giuseppe Lanzoni commenta: “Grandissima prova di tutta la squadra, che è stata capace di chiudere su una fuga importante di sette atlete molto forti. Jelena Eric era con loro ed è stata perfetta in azione di disturbo. Il Team ha fatto il resto, andando a recuperarle in circa 5 km quando ne mancavano ancora 40 all’arrivo. Poteva essere una azione davvero pericolosa. Poi sulla salita nonostante i numerosi scatti e controscatti siamo stati ancora fantastici a finalizzare con Soraya. Una giornata perfetta, siamo contentissimi!”.

ORDINE DI ARRIVO 3° TAPPA:

1. Soraya PALADIN
2. Stine Borgli
3. Ursa Pintar

FONTE COMUNICATO STAMPA

Soraya Paladin leader alla Vuelta a Burgos

Soraya Paladin prende la maglia alla Vuelta a Burgos

Soraya Paladin conquista la seconda vittoria in due giorni e diventa leader alla Vuelta a Burgos Féminas

Soraya Paladin

Soraya Paladin

Soraya Paladin ottirne la seconda vittoria in due giorni lungo le strade della Vuelta a Burgos Féminas sul traguardo in salita dell’Alto de Rosales. Dopo aver festeggiato  ieri a Poza de la Sal ecco una splendida doppietta che vale anche il primato in classifica generale.

Era corta la tappa odierna della corsa a tappe iberica ma era quella più impegnativa e Soraya ha lasciato alle spalle tutte le avversarie andando a festeggiare sull’arrivo. Alle spalle della Paladin la norvegese Stine Borgli, la slovena Urska Pintar e la spagnola Mavi García.

Soraya Paladin è la nuova leader della classifica  generale primato che sino a ieri  compagna di squadra Karlijn Swinkels

Karlijn Swinkels vince alla Vuelta a Burgos

Karlijn Swinkels che vittoria in Spagna

Karlijn Swinkels olandese del Team Alé-Cipollini  vince con autorevolezza la tappa inaugurale della Vuelta a Burgos 2019

Karlijn Swinkels (Fonte comunicato stampa)

Karlijn Swinkels (Fonte comunicato stampa)

Incredibile prestazione della olandese del Team Alé – Cipollini, che vince con autorevolezza la tappa inaugurale della Vuelta a Burgos, in Spagna. Karlijn è stata autrice di importanti azioni durante la frazione: prima in un gruppo di venti unità che ha rischiato di farsi raggiungere sulla salita a 20 km dall’arrivo. Qui Swinkels è stata brava a mantenere le energie residue per il finale, scollinando al terzo posto sul gpm e poi lanciandosi in due attacchi. Infine la volata finale dove le compagne l’hanno portata nella posizione migliore per il lunghissimo sprint rivelatosi poi vincente battendo la connazionale Marissa Baks e l’italiana Silvia Magri. E’ la prima vittoria in carriera per la portacolori #YellowFluoOrange tra le Elite.

A Karlijn Swinkels, già campionessa mondiale a cronometro Juniores a Doha nel 2016, va anche la leadership provvisoria in classifica generale e in quella a punti.

Le sue dichiarazioni: “E’ un giorno fantastico, ho dato il massimo e ringrazio la squadra per avermi aiutata a vincere. Non è stato facile, sulla salita stavamo per essere riprese, poi ci ho riprovato da sola due volte e infine la volata. Le mie compagne e il Team con il DS Giuseppe Lanzoni hanno creduto in me ed è meraviglioso.”

Domani è in programma la seconda tappa, con partenza e arrivo (in salita) a Poza de la Sal.

FONTE COMUNICATO STAMPA

Silvia Persico vince il Giro della Campania

Silvia Persico vince il quinto Giro della Campania

Silvia Persico del Team Valcar-Cylance vinca le quinta edizione del Giro della Campania in Rosa organizzato dalla Biesse Promotion

Silvia Persico e le altre premiate (fonte comunicato stampa)

Silvia Persico e le altre premiate (fonte comunicato stampa) 

Silvia Persico è la vincitrice della quinta edizione del “Giro della Campania in Rosa”, gara open voluta dalla Biesse Promotion di patron Salvatore Belardo, con il patrocinio della Federazione Ciclistica Italiana, di Regione Campania, del Comitato Regionale Campania del CONI, del Comune di Maddaloni, del Comune di Caivano, dell’Università degli Studi di Salerno e del Gruppo Campania – Unione Stampa Sportiva Italiana.
La forte portacolori del team Valcar-Cylance Cycling, dominatrice della seconda frazione corsa a Maddaloni (CE), ha conservato la maglia di leader assoluta della manifestazione anche al termine della tappa conclusiva, vinta allo sprint dalla bergamasca Martina Fidanza, già prima nella cronometro individuale d’apertura. L’atleta vestita con i colori dell’Eurotarget – Bianchi – Vittoria si è portata a casa la prestigiosa “Coppa Caivano”, competizione tra le più longeve del panorama ciclistico nazionale, giunta all’edizione numero 84. La Fidanza, seconda classificata lo scorso anno su queste stesse strade, ha battuto allo sprint Laura Tomasi (G.S. Top Girls – Fassa Bortolo) e Silvia Persico, al termine degli 84,7 chilometri di gara spalmati sul tradizionale circuito cittadino di Caivano (NA) e vissuti sull’appassionante sfida tra le formazioni Eurotarget – Bianchi – Vittoria e Valcar – Cylance Cycling.

Eleonora Camilla Gasparrini (Vo2 Team Pink), ottava al traguardo, ha primeggiato nella speciale classifica riservata alle junior, precedendo la compagna di squadra Sofia Collinelli e la piemontese Matilde Vitillo (Racconigi Cycling Team). Nella classifica finale riservata alle elite la Persico si è lasciata alle spalle Martina Fidanza e Laura Tomasi, mentre la figlia d’arte Sofia Collinelli, prima nelle altre frazioni, si è imposta nella graduatoria generale delle junior, relegando sui restanti gradini del podio la compagna di squadra Eleonora Camilla Gasparrini, al primo anno della categoria, e Matilde Vitillo. La festa in casa Valcar, diretta in ammiraglia dal tecnico varesotto Matteo Ferrari, è stata completata dalla conquista della maglia dei traguardi volanti da parte di Alessia Vigilia. L’elvetica Sina Frei (Nazionale Svizzera), infine, si è portata a casa la maglia verde riservata alla più forte scalatrice. (Foto F. Ossola)

CLASSIFICA GENERALE FINALE ELITE “GIRO DELLA CAMPANIA IN ROSA”:
1) Persico Silvia (Valcar – Cylance Cycling) – Punti 240
2) Fidanza Martina (Eurotarget – Bianchi – Vittoria) 201
3) Tomasi Laura (GS Top Girls – Fassa Bortolo) 140
4) Guazzini Vittoria (Valcar – Cylance Cycling) 91
5) Indergand Linda (Nazionale Svizzera) 91
6) Vigilia Alessia (Valcar – Cylance Cycling) 91
7) Fidanza Arianna (Eurotarget – Bianchi – Vittoria) 82
8) Zanardi Silvia (BePink) 81
9) Frei Sina (Nazionale Svizzera) 72
10) Gasparini Alice (Eurotarget – Bianchi – Vittoria) 57

FONTE COMUNICATO STAMPA

Marina Romoli chi è l’ex ciclista finita in carrozzina

Marina Romoli ex ciclista vittima di un terribile incidente

Marina Romoli ex ciclista vittima di un terribile incidente in cui ha perso l’uso delle gambe costringendola su una sedia a rotelle per il resto della vita.

Marina Romoli

Marina Romoli

Marina Romoli nasce a Recanati il 9 giugno 1988 molto vicino all’Ermo Colle di Leopardi, quello dell’Infinito, da piccolissima pratica il nuoto poi ecco arrivare la passione per il ciclismo e l’iscrizione al GS Potentia 1945 di Potenza Picena. La prima corsa è nella categoria giovanissimi, maschi e femmine assieme poi da esordiente ecco la prima vittoria “vera” a Bovolone arrivando in solitaria. La ragazza migliora, cresce e diventa vice-campionessa mondiale in linea tra le juniores nel 2006 a Spa, l’anno successiva è terza al Campionato Italiano su pista nella corsa a punti.

Ha talento Marina, lo dimostra nelle categorie giovanili, è un prospetto del ciclismo rosa italiano e tutto porta a immaginare una grande carriera tre le “grandi”.

Purtroppo la vita è solita riservare sorprese nella vita delle persone e quella che Marina trova nel suo percorso non è sicuramente una sorpresa piacevole. Il primo giugno del 2010 mentre si sta allenando a Rogeno nel Lecchese per preparare una prova di Coppa del Mondo, un’utilitaria le taglia la strada: l’impatto è inevitabile.

Marina esce in bicicletta con Matteo Pelucchi e Samuele Conti, dopo aver preso un caffè  a Lecco il gruppetto inizia il vero e proprio allenamento. L’obiettivo è quello di completare alcune ripetute per preparare l’imminente gara di Valladolid. I ciclisti viaggiano a circa 35 km all’ora, la Romoli è davanti, Matteo e Samuele la seguono a breve distanza.

Come detto un’auto taglia la strada di Marina Romina che va a sbattere violentemente contro il veicolo sfondando un vetro laterale. Samuele si affretta a fermare il veicolo mentre Matteo soccorre la ragazza, le stringe la mano cercando di tranquillizzarla. Romina non perde conoscenza ma non  ricorderà nulla dell’accaduto ma il suo viso è ricoperto di sangue, le botte sono tante, un polmone è perforato e la schiena è dolente a causa di un forte trauma alla colonna vertebrale.

La giovane ciclista viene trasportata in elicottero all’Ospedale San Raffaele di Milano, unità clinica: neurorianimazione, il chirurgo maxilofacciale che la visita si spaventa per le sue condizioni, scoppia quasi a piangere. L’intervento di ricostruzione del viso della ciclista è delicatissimo, il volto viene ricostruito punto su punto, saranno 500 in totale. L’occhio destro è compromesso ma l’intervento riconsegna la sua funzionalità in modo intatto.

Accanto alla ragazza c’è sempre la famiglia oltre al fidanzato e a Diana Ziliute direttore sportivo della Safi-Pasta Zara-Manhattan.

Marina Romoli resta in coma per sei giorni, viene operata alla schiena, cammina in bilico tra la vita e la morte. Le fratture di alcune vertebre e la conseguente perdita dell’uso delle gambe costringono Marina sulla sedia a rotelle, viene trasferita a Villa Beretta per la fase di riabilitazione per migliorare la mobilità della parte superiore del corpo. Si impegna Marina, esercizi la mattina, palestra al pomeriggio.

Marina Romoli: la onlus

Riprese le forze la ragazza decide di riprendere in mano la sua nuova vita, accetta la proposta di Maurizio Fabretto, presidente della sua squadra ciclistica, e nel 2011 nasce un’associazione a lei dedicata. Accanto a lei Loredana Longo vittima di un incidente all’età di 17 anni che l’ha costretta in carrozzella.

I soldi racconti in questi anni sono andati a finanziare tra le altre cose attività di ricerca di cui si racconta dettagliatamente sul sito marinaromolionlus.org con un occhio di riguardo alla ricerca universitaria.

Una grande amica dell’associazione è Alessandra De Stefano, che si sta dando parecchio da fare per la onlus che si sta impegnando anche per fornire assistenza alle vittime di incidenti invalidanti durante la pratica sportiva. Altro tema caro all’Onlus è la sicurezza stradale in memoria delle tante vittime della strada attraverso il progetto “Praticate Sport in Sicurezza” girando per le scuole per sensibilizzare gli studenti.

Nel frattempo Marina Romoli si è laureata a pieni voti alla facoltà di Scienze Tecniche e Psicologiche all’Università di Cesena con una tesi intitolata The eyes are the windows to the brain. Nuovi metodi di diagnosi per la rilevazione di deficit cognitivi derivati da traumi cranici attraverso l’osservazione dei movimenti oculari”.

Lo scorso mese di novembre presso il City Life District di Milano si è tenuto il primo Trofeo della Vittoria per raccogliere fondi a favore della Marina Romoli Onlus contro le lesioni spinali, tanti i campioni e VIP presenti tra cui Pippo Pozzato, Ignazio Moser, Justine Mattera e Alessandro Ballan.

Silvia Persico tappa e maglia al Giro di Campania

Silvia Persico tappa e maglia al Giro di Campania

Silvia Persico conquista la seconda tappa al Giro di Campania con arrivo a Maddaloni e veste la maglia di leader della generale

Silvia Persico (fonte comunicato stampa)

Silvia Persico (fonte comunicato stampa)

Successo della lombarda Silvia Persico nella seconda frazione del “Giro della Campania in Rosa”, con partenza ed arrivo fissati nei pressi della storica “Fondazione Villaggio dei Ragazzi – Don Salvatore d’Angelo” di Maddaloni, in provincia di Caserta. L’atleta vestita con la maglia del team Valcar-Cylance Cycling, terza classificata nel prologo inaugurale e diretta in ammiraglia dal varesotto Matteo Ferrari, ha preceduto le quattro compagne di fuga con le quali si era avvantaggiata a circa 25 chilometri dalla conclusione, relegando sul secondo gradino del podio la figlia d’arte Arianna Fidanza (Eurotarget – Bianchi – Vittoria) e sul terzo l’elvetica Sina Frei (Nazionale Svizzera). La festa in casa Valcar è stata completata dal quarto posto di una ritrovata Alessia Vigilia.

Le 137 atlete in gara (68 elite e 69 junior), si sono sfidate sulla distanza di 76,9 chilometri caratterizzati da 3 G.P.M. (Arpaia – 311 m.s.l.m.; Valle di Maddaloni – 315 m.s.l.m.; Sant’Agata de’ Goti – 127 m.s.l.m.), resi ancor più selettivi dalle avverse condizioni meteo. La campionessa del mondo su pista 2018 Sofia Collinelli, ottava al traguardo, ha vinto la speciale graduatoria riservata alla categoria junior, lasciandosi alle spalle la piemontese del Racconigi Cycling Team Matilde Vitillo e la seconda classificata al “Trofeo Da Moreno U.C.I. Nations’ Cup” Gaia Masetti (Team Wilier – Breganze).

Alla luce di questi risultati Silvia Persico è balzata al comando della graduatoria generale riservata alle elite indossando la Maglia Azzurra (BCE GRUPPO SILVESTRE SRL), Sofia Collinelli ha mantenuto la Maglia Bianca (COMITATO PER LE UNIVERSIADI – NAPOLI 2019), per la graduatoria generale riservata alla miglior junior, l’elvetica Linda Indergand (Nazionale Svizzera) ha conservato la Maglia Ciclamino (SELLE SMP), per la classifica dei traguardi volanti, mentre Sina Frei (Nazionale Svizzera), prima in vetta ai 3 GPM di giornata, si è portata a casa la Maglia Verde (FEAN), per la graduatoria dei Gran Premi della Montagna.

Domani, domenica 5 maggio, terza ed ultima tappa della manifestazione voluta dalla Biesse Promotion di patron Salvatore Belardo. Le atlete rimaste in gara si sfideranno nell’ormai classicissima Caivano-Caivano, dove verrà affrontato il tradizionale circuito cittadino da ripetere per 11 volte (84,7 i chilometri totali di gara), con in palio anche l’edizione 2019 della storica “Coppa Caivano”. (Foto F. Ossola)

ORDINE D’ARRIVO OPEN SECONDA TAPPA “GIRO DELLA CAMPANIA IN ROSA”:
1) Persico Silvia (Valcar – Cylance Cycling) Km 76,9 in 2h05’00’’ alla media di 36,912 Km/h
2) Fidanza Arianna (Eurotarget – Bianchi – Vittoria) a 5’’
3) Frei Sina (Nazionale Svizzera) a 6’’
4) Vigilia Alessia (Valcar – Cylance Cycling) a 8’’
5) Tsymbaliuk Kseniia (Zhiraf -Guerciotti) a 13’’
6) Tomasi Laura (GS Top Girls – Fassa Bortolo) a 2’11’’
7) Zanardi Laura (BePink)
8) Collinelli Sofia (Vo2 Team Pink)
9) Indergand Linda (Nazionale Svizzera)
10) Carbonari Anastasia (Born to Win)

ORDINE D’ARRIVO ELITE SECONDA TAPPA “GIRO DELLA CAMPANIA IN ROSA”:
1) Persico Silvia (Valcar – Cylance Cycling)
2) Fidanza Arianna (Eurotarget – Bianchi – Vittoria)
3) Frei Sina (Nazionale Svizzera)
4) Vigilia Alessia (Valcar – Cylance Cycling)
5) Tsymbaliuk Kseniia (Zhiraf -Guerciotti)
6) Tomasi Laura (GS Top Girls – Fassa Bortolo)
7) Zanardi Laura (BePink)
8) Indergand Linda (Nazionale Svizzera)
9) Carbonari Anastasia (Born to Win)
10) Borghesi Letizia (Aromitalia – Basso Bikes – Vaiano)

Giro della Campania 2019: il percorso

Giro della Campania le tappe

Giro della Campania in Rosa 2019 ecco l’analisi del percorso della corsa organizzata dalla Biesse Promotion di  Salvatore Belardo

Giro della Campania in Rosa

Giro della Campania in Rosa

La Biesse Promotion di patron Salvatore Belardo sta lavorando intensamente per predisporre nel miglior modo possibile la quinta edizione del “Giro della Campania in Rosa”, competizione open in programma da venerdì 3 a domenica 5 maggio. Le atlete in gara, in rappresentanza di ben 22 formazioni, si daranno battaglia nella prestigiosa competizione campana, che quest’anno gode del patrocinio della Federazione Ciclistica Italiana, di Regione Campania, del Comitato Regionale Campania del CONI, del Comune di Maddaloni, del Comune di Caivano, dell’Università degli Studi di Salerno e del Gruppo Campania – Unione Stampa Sportiva Italiana.

Tre le frazioni in programma nella nuova edizione della corsa riservata alle atlete delle categorie Junior ed Elite. Si partirà venerdì 3 maggio con uno spettacolare cronoprologo individuale di 3300 metri spalmati all’interno della prestigiosa Università degli Studi di Salerno in quel di Fisciano, si proseguirà sabato 4 maggio con l’inedita Maddaloni-Maddaloni di 76,9 chilometri con 3 G.P.M. (Arpaia – 311 m.s.l.m.; Valle di Maddaloni – 315 m.s.l.m.; Sant’Agata de’ Goti – 127 m.s.l.m.) e si terminerà domenica 5 maggio con l’ormai classicissima Caivano-Caivano, dove le ruote veloci del gruppo si daranno battaglia sul tradizionale circuito cittadino da ripetere per 11 volte (84,7 i chilometri totali di gara). La frazione conclusiva assegnerà anche la storica “Coppa Caivano” e le maglie delle varie classifiche generali. In allegato le planimetrie e le altimetrie delle tre tappe del “Giro della Campania in Rosa 2019”.

La manifestazione sarà preceduta da una interessante conferenza stampa, in programma giovedì 2 maggio (ore 17:00) presso l’aula magna dell’Università degli Studi di Salerno in quel di Fisciano, alla quale parteciperà anche il Magnifico Rettore Aurelio Tommasetti.

LE TAPPE DEL “5° GIRO DELLA CAMPANIA IN ROSA”:
I^ Tappa – Venerdì 3 Maggio 2019: Fisciano-Fisciano (Prologo Individuale di Km 3,3)
II^ Tappa – Sabato 4 Maggio 2019: Maddaloni-Maddaloni (Km 76,9)
III^ Tappa – Domenica 5 Maggio 2019: Caivano-Caivano (Km 84,7)

FONTE COMUNICATO STAMPA