Bono e Palini investiti in allenamento

Bono e Palini

Ciclisti in gara

Bono e Palini vittime di un incidente strada

Bono e Palini corridori bresciani in forza rispettivamente a Uae Abu Dhabi e Androni Sidermec si stavano allenando, in compagnia di alcuni amatori e dilettanti, sulla sponda bergamasca del lago d’Iseo quando sono stati coinvolti in una discussione: è sfociata poi in un incidente stradale che poteva lasciare tragiche conseguenze.

Mentre il gruppetto stava pedalando verso Solto Collina è stato sorpassato da un automobilista che non si è risparmiato in proteste probabilmente per il fatto che il gruppo non procedesse in fila indiana (il condizionale è d’obbligo). Alle proteste verbali il conducente del mezzo ha fatto seguire un comportamento da condannare senza indugi.

 

Dopo essersi fermato e apostrofato i corridori ha inserito la retromarcia investendoli e successivamente si è dileguato a velocità sostenuta lasciando i corridori con i mezzi sfasciati, abrasioni e tanta paura. Per Andrea Palini vi è stata che una lesione al polso. I corridori hanno avuto la prontezza di riflessi di memorizzare il numero di targa e sicuramente il conducente del mezzo avrà qualche gatta da pelare.
Sul posto sono prontamente intervenute le forze dell’ordine e un’ambulanza per prestare le prime sommarie cure ai più sfortunati dei corridori. Nessun commento sull’accaduto da parte dei due “pro” che hanno preferito rimanere, giustamente, in silenzio nonostante il pericolo corso.

Questo accadimento riporta in primo piano il pericolo della sicurezza stradale e l’ormai triste abitudine di voler considerare i ciclisti dei rivali degli automobilisti se non degli “usurpatori” di spazio d’asfalto. Indipendentemente dal caso specifico sul quale non entriamo nel merito se non per esporre i meri fatti di cronaca, è tristemente presente e imperante la maleducazione (in entrambe le categorie) degli utenti della strada. In Italia la presenza di percorsi protetti è assolutamente utopica se non per rarissime eccezioni

Condividilo sui tuoi socialShare on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Share on LinkedInEmail this to someone
Aggiungi ai preferiti : Permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *