Bjorg Lambrecht, la memoria continua

Bjorg Lambrecht: una targa per ricordarlo

Bjorg Lambrecht  è stato omaggiato con una Targa commemorativa a ricordo della vittoria della tappa del Tour des Fjord 

Bjorg Lambrecht (FONTE PAGINA TWITTER)

Bjorg Lambrecht (FONTE PAGINA TWITTER)

Bjorg Lambrecht è stato omaggiato, in Norvegia,  con una targa commemora a ricordo della  vittoria della terza  tappa del Tour des Fjords a Egersund sua prima e purtroppo unica vittoria in carriera. Per commemorare la memoria di Bjior, deceduto a causa di un incidente durante il Tour de Pologne nel mese di agosto di quest’anno, è stata svelata una targa a forma di stella proprio nella città di Egersund.

Alla cerimonia hanno preso parte i corridori norvegesi Alexander Kristoff e Sven Erik Bystrøm, edel Team Emirates degli Emirati Arabi Uniti, e Susanne Andersen del Team Sunweb che hanno svelato la placca, che recita: In memoria di Bjorg Lambrecht, 2 aprile 1997 – agosto 5, 2019, vincitore della tappa del Tour des Fjords a Egersund il 24 maggio 2018.

Quel giorno di maggio il povero Lambrecht ha preceduto lo svizzero Michael Albasini della Mitchelton-Scott e il norvegese Edvald Boasson Hagen della Dimension Data (che poi ha conquistato la classifica generale della corsa).

Lambrecht era alla sua seconda stagione da pilota professionista quando nella terza tappa del Tour de Pologne 2019 tra Chorzów e Zabrze è caduto malamente e, nonostante l’immediato intervento dei sanitari che lo hanno soccorso e trasportato all’ospedale nella vicina Rybnik, è tragicamente deceduto a causa della gravità delle ferite riportate.

Lambrecht era una stella nascente del ciclismo mondiale, aveva concluso secondo il Tour de l’Avenir 2017 alle spalle di Egan Bernal, alla Flèche Wallonne di quest’anno era arrivato quarto e a giugno aveva conquistato il titolo di miglior giovane del Critérium du Dauphiné.

Il padre di Bjorn Lambrecht, Kurt, ha detto a proposito della targa:

“Con questa stella, Bjorg brillerà eternamente su Egersund”.

Aggiungi ai preferiti : Permalink.

I commenti sono chiusi