Androni Giocattoli rinnova la sponsorizzazione

Androni Giocattoli rinnova la sponsorizzazione con il team di Savio

 

Androni Giocattoli

Androni Giocattoli

Androni Giocattoli sarà ufficialmente il main sponsor della squadra diretta da Gianni Savio anche per la prossima stagione. Il mancato invito, non privo di polemiche, al Giro d’Italia aveva creato qualche frattura tra il team e l’azienda Novarese. In effetti la mancanza della visibilità offerta dalla corsa rosa aveva in qualche modo minato la volontà dello sponsor di proseguire la sua avventura nel ciclismo.

 

Va ricordato che l’Androni Giocattoli – Sidermec è in possesos della licenza come Professional Continental il che gli consente di partecipare ai Circuiti continentali della UCI ma a buona parte degli eventi World Tour solo mediante una wild-card.

La squadra fu creata per la stagione 1996 in seguito alla fusione tra il gruppo sportivo colombiano Gaseosas Glaciae e la ZG Mobili- Selle Italia nota negli anni 80 anche come Hoonved, Paini e Malvor. La figura centrale del team è stato, sin dalla fondazione, il mitico Gianni Savio già dirigente alla ZG Mobili-Selle Italia.

A fronte della esclusione dal Giro, però, ol team di Gianni Savio però  ha fatto registrare prestazioni di tutto rispetto in questi ultimi mesi tanto da indurre l’azienda con sede a Pombia a tornare sui suoi propositi di abbandono e continuare a legare il proprio marchio al team.

Ecco le parole di Gianni Savio: “Anzitutto devo ringraziare  Mario Androni e Paolo Scolé per la loro fiducia al team che continua dal lontano 2008. Nel corso degli anni abbiamo ottenuto grandi soddisfazioni e vittorie anche al Giro. Ora la filosofia del team è un parzialmente mutata ma abbiamo un gruppo di giovani, alcuni dei quali all’esordio tra i Professionisti ma già in grado di risultare vittoriosi. E’ un piacere sapere di poter programmare il futuro del team avendo al nostro fianco un marchio storico come Androni Giocatoli”

 

Condividilo sui tuoi socialShare on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Share on LinkedInEmail this to someone
Aggiungi ai preferiti : Permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *