Americana cos’è questa prova del ciclismo?

Americana o Madison (fonte pixabay-kasper74)

Americana o Madison (fonte pixabay-kasper74)

Americana cos’è questa prova del ciclismo?

Americana cos’è questa prova del ciclismo nota anche con il nome di Madison per via del luogo in cui si correva (Madison Square Garden)

Americana, detta anche Madison per via che originariamente veniva disputata presso il Madison Square Garden di New York, è una delle specialità del ciclismo su pista. Nella Madison si affrontano una serie di squadre (di due ciclisti) che si sfidano in una serie di prove dandosi il cambio. Questa prova è molto iconica del ciclismo su pista in quanto è quella che di solito pone la conclusione delle “sei giorni”.

La classifica viene determinata dal numero di giri completati da ogni coppia e dai punti ottenuti negli sprint intermedi posti durante la corsa.

L’Americana fa parte del programma dai Campionati del Mondo su pista dal 1995 e ha fatto parte delle discipline Olimpiche dalle Olimpiadi di Sydney 2000 a quelle di Pechino 2008. L’Americana verrà reintrodotta ai Giochi Olimpici di Tokyo 2020 (posticipati causa Covid).

Americana: la distanza

La distanza che gli atleti sono chiamati a percorrere può variare dai 25 ai 26 chilometri in base alla lunghezza della pista. In genere i corridori della categoria Elite devono percorrere 25 chilometri:

  • 100 giri sulle piste da 250 metri,
  • 75  giri sulle piste da 333,33 metri
  • 65  giri sulle piste da 400,

Ai Mondiali il numero di giri aumenta a 50 chilometri e, quindi, il numero dei giri raddoppia (Per gli juniores la distanza da coprire è in genere di 20 chilometri e 30 ai Mondiali).

Americana: i punti

La classifica si basa sul numero di giri completati dalla coppia e per ogni volata intermedia vengono assegnati i seguenti punti:

  • 5 punti al primo classificato,
  • 3 punti al secondo classificato
  • 2 punti al terzo classificato
  • 1 punto al quarto classificato

Se vi fosse un caso di parità sommando i punti al numero di giri, il vincitore viene sancito dal risultato dello sprint finale.

Americana: il cambio

Questa prova è diventata iconica per la possibilità degli atleti di farsi il cambio che avviene “in corsa”, l’atleta che arriva da dietro deve afferrare la mano del compagno e spingerlo in avanti in modo da farne aumentare la velocità di partenza.  E’ chiaramente indispensabile che i ciclisti abbiano pienamente il controllo sulla corsa seguendo ogni singolo istante con particolare attenzione per valutare al meglio le strategie di corsa.

La corsa Americana o Madison può essere neutralizzata solo nel caso di caduta di entrambe gli atleti di un team.

 

Madison/Americana: la storia

La Madison è nata  per aggirare le leggi approvate a New York negli Stati Uniti, volte a limitare l’esaurimento dei ciclisti che partecipano alle gare di sei giorni. La passione degli spettatori americani per le sei giorni aveva portato gli atleti a superare i propri limiti in quanto i promoter delle competizioni erano disposti a pagare cifre esorbitanti per ingaggiare i migliori atleti. Spesso i ciclisti uscivano letteralmente a pezzi dalle sei giorni.
Per ovviare a questi problemi. nel 1898, venne indetto un limite: i ciclisti non potevano correre più di 12 (DODICI!) ore al giorno.

Il promoter del Madison Square Garden contrario al limite imposte decise di dare un partner ad ogni ciclista così da ottenere corse 24 ore su 24; del resto 12 ore a ciclista per due ciclisti uguale 24 ore di corse! L’idea divenne subito vincente in quanto l’introduzione di due atleti aumentava la resistenza del singolo e innalzava la velocità e lo spettacolo.

Americana: Le regole principali

Le regole ufficiali dell’Americana o Madison sono enunciate come segue da British Cycling (estratto):

  • Le squadre devono essere di due o tre corridori
  • Ci deve essere sempre un corridore per ogni squadra in gara.
  • I corridori possono darsi il cambio  in qualsiasi momento della gara.
  • Il tocco può essere una spinta o una mano.
  • La vincitrice  sarà la squadra che ha ottenuto il maggior numero di giri
  • Se due o più squadre si trovano con lo stesso giro, il risultato sarà determinato dalla squadra che ha vinto il maggior numero di punti sprint
  • In caso di parità di giri e punti, la squadra vincitrice sarà la migliore nello sprint finale.
  • Deve essere emesso un suono (di una campana) per indicare un giro mancante prima di uno sprint.
  • All’inizio dell’ultimo giro verrà suonata una campana.