Alberto Contador trionfa sull’Angliru

El Pistolero Alberto Contador vince la tappa regina della Vuelta!

Signori tutti in piedi per Alberto Contador!

Alberto Contador

L’ultimo colpo del Pistolero

Alberto Contador ha corso una Vuelta eccezionale. Avrebbe potuto venire a fare passerella, a fare i selfie con i tifosi, a prendersi solo applausi anche senza sudare. Invece El Pistolero ha interpretato la sua ultima gara a tappe (in terra di casa) come l’apoteosi della sua carriera. Non poteva vincere la Vuelta, lo sapevano tutti e lo sapeva anche lui ma poteva fare i numeri e numeri sono stati, negli scorsi giorni ed oggi!

Alberto Contador chiude la sua carriera con un glorioso successo in cima ad una delle vette simbolo del ciclismo mondiale, l’Alto de Angliru, il capitano della Trek-Segafredo è arrivato tutto solo al traguardo dopo aver attaccato sulla discesa dell’Alto del Cordal a 15 km dalla conclusione.  Sull’erta conclusiva il madrileno ha raggiunto e superato i fuggitivi superstiti, e ha chiuso esultando col suo classico gesto del Pistolero con 17″ su Wout Poels e Chris Froome.

Alle spalle dello spagnolo i big si sono dati battaglia con il nostro Vincenzo Nibali che ha messo davanti Franco Pellizzotti per alzare il ritmo che il team Sky aveva impostato ma sul più bello lo squalo dello stretto ha dovuto cedere allo strapotere del Kenyano bianco che ha allungato insieme al compagno di team.

All’arrivo, come detto, Contador ha preceduto di 17″ Poels e Froome; a 35″ è arrivato Zakarin, a 50″ Nibali col prezioso Franco Pellizotti e con Steven Kruijswijk (LottoNL-Jumbo); a 1’11” è arrivato Wilco Kelderman (Sunweb), che perde il podio a beneficio di Zakarin.

Domani ci sarà la passerella finale mentre la classifica generale recita così: Froome vincerà la Vuelta con 2’15” su Nibali, 2’51” su Zakarin, 3’11” su Contador, 3’15” su Kelderman, 6’45” su Poels

Condividilo sui tuoi socialShare on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Share on LinkedInEmail this to someone
Aggiungi ai preferiti : Permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *