Chantal Blaak d’oro vittoria olandese

Chantal Blaak vince l’oro, si attendeva un’olandese ma non lei

Chantal Blaak

Chantal Blaak

Chantal Blaak vince la medaglia d’oro ai Mondiali di Ciclismo di Bergen nella prova su strada donne. Se tutti prevedevano una vittoria olandese nessuno avrebbe pronosticato la vittoria di Chantal che ha sfruttato il gioco si squadra del team oranje allungando ai meno otto dall’arrivo dal gruppetto di testa che comprendeva sette atlete tra cui le compagne di squadra Anna Van der Breggen e Annemiek Van Vleuten.

Al penultimo giro era stata la Blaak ad andare all’attacco assieme alla britannica Hannah Barnes e alla francese Audrey Cordon e sull’ultima scalata della Salmon Hill sulle tre si sono riportate le olandesi, la polacca Kasia Niewiadoma e l’australiana Katrin Garfoot. Stretta marcatura sulle due punte della squadra dei Paesi Bassi da parte delle altre atlete cosi Chantal è riuscita a scappare. La risposta delle rivali è stata tardiva tanto che poco dopo hanno desistito e il gruppo si è ricompattato. La fuggitiva è riuscita a portare a termine la fuga solitaria con 28 secondi di vantaggio su Katrin Garfoot e sulla campionessa uscente Amalie Dideriksen (Danimarca).

Giornata negativa per le nostre atlete che si devono accontentare del decimo posto di Elena Cecchini (vittima di una caduta assieme ad Elisa Balsamo). In pessime condizioni di salute Elisa Longo Borghini non è mai riuscita ad entrare nei momenti caldi della corsa. Peccato per una Tatiana Guderzo in buono spolvero ma che non è riuscita a seguire Niewiadoma e Van der Breggen sull’ultima ascesa a Salmon Hill.

 

 

Rastelli e Gazzoli tipi da medaglia

Rastelli e Gazzoli conquistano argento e bronzo a Bergen. Oro a Johansen.

Rastelli e Gazzoli

Il podio coi nostri Rastelli e Gazzoli

Rastelli e Gazzoli ci regalano un doppia medaglia ai Campionati del Mondo di Ciclismo di Bergen 2017. L’Italia continua a ben figurare in questa rassegna iridata e lo fa, oggi, grazie ai nostri Juniores Luca Rastelli e Michele Gazzoli che conquistano rispettivamente l’argento e il bronzo nella prova in linea mentre l’oro va al danese Julius Johansen.

Siamo nella penultima giornata di gara della rassegna iridata che si apre con i  135.5 km dedicati alla prova Juniores con cinque giri nel circuito della ormai già mitica Salmon Hill.

Giulio Masotto è protagonista della fuga di giornata assieme a Kiryl (Bielorussia), Medrazi (Marocco), Hvideberg (Norvegia), Donovan(Gran Bretagna), Van der Tuuk (Olanda), Brussenskiy (Kazakistan) e Staples (Canada), ai quali si accodano, al terzultimo giro, il kazako Marukhin e l’altro azzurro Rastelli.

Ripresi i fuggitivi, ecco che ai meno quindici dall’arrivo Johansen, proprio dopo la Salmon Hill lasciati tutti e con le sue doti di passista, inscena una vera e proprio cronometro individuale che gli permette di prendere un vantaggio tale da non essere più ripreso e  tagliare il traguardo in solitaria.
La corsa è un passaggio di consegne della maglia iridata tutta Make in Denmark visto che a Doha, lo scorso anno, vinse Oelgaard.

Alle spalle del danese lo show è tutto tricolore, dal gruppo parte Filippo Zana, che va a ricongiungersi con i contrattaccanti. Tre azzurri all’inseguimento della testa della corsa, che staccano uno ad uno gli altri avversari e vanno a caccia delle medaglie ed è Luca Rastelli, che tutto solo taglia il traguardo in seconda posizione. Alle sue spalle i nostri ragazzi (Colnaghi e Zana) vengono ripresi dal gruppo e a quel punto è Michele Gazzoli che conquista la volata di gruppo.

Curiosa l’esultanza sul traguardo proprio di Gazzoli, convinto che Rastelli avesse conquistato l’oro: così però ha rischiato di perdere il bronzo, salvato sul filo di lana solo per pochi centimetri.

L’Italia mette tre uomini tra i primi sette a dimostrazione che il nostro movimento, grazie anche alla componente rosa, è decisamente vitale e in futuro potrà dire la sua anche a livello Senior.

 

 

Milano-Torino 2017: presentazione

Milano-Torino 2017: un MI-TO dal 1876

Milano-Torino Milano-Torino 20172017 è la più antica classica del calendario internazionale giunta alla 98esima edizione. La prima volta venne corsa nel 1976 da otto temerari su biciclette pesantissime su “strade” al limite della praticabilità che collegavano le due capitali economiche d’Italia. L’edizione di quest’anno è in programma per mercoledì 4 ottobre e saranno tanti i campioni che proveranno a scrivere il loro nome nell’albo d’oro accanto a nomi di spicco del ciclismo mondiale come Fiorenzo Magni, Giuseppe Saronni, Francesco Moser e Alberto Contador. Lo scorso anno ad imporsi fu il piemontese Diego Rosa, è prevista la diretta su Raisport.

 Milano-Torino 2017: Il Percorso

Resta pressoché invariato il percorso della MI-TO, 186 km con partenza da San Giuliano Milanese, nella città metropolitana di Milano ed arrivo al Colle di Superga. Il tracciato prevede nella prima parte un tratto pianeggiante fino a Casale Monferrato dopo di che inizia la parte impegnativa della corsa. Da San Mauro Torinese il gruppo seguirà il corso del Po per poi salire verso la Basilica di Superga. L’ascesa misura 4,9 chilometri con una pendenza media del 9% circa con punte anche al 14%. Dopo la prima ascesa il gruppo tornerà verso la città per poi riprendere la salita verso il colle dove è posto l’arrivo.

 Milano-Torino 2017: Starting List

Al via 14 WorldTour (Ag2R La Mondiale, Astana, Bahrain-Merida, Bmc, Cannondale-Drapac, Movistar, Orica-Scott, Quick Step Floors, Katusha-Alpecin, LottoNL-Jumbo, Sky, Sunweb, Trek-Segafredo, UAE Team Emirates), affiancate dalle 5 Professional Androni-Sidermec, Bardiani-Csf, Nippo-Vini Fantini, Wilier-Selle Italia e Cofidis).

 

Joni Kanerva investito da una ammiraglia

Joni Kanerva investito durante i Mondiali di Bergen

Joni Kanerva

Joni Kanerva

Joni Kanerva è stato vittima di un bruttissimo incidente durante le prove in corso a Bergen per i Campionati Mondiali di Ciclismo. Il corridore under 23, mentre si trovava nelle retrovie durante la prova in linea della sua categoria, è stato pesantemente urtato da una ammiraglia che lo ha fatto cadere a terra. Durissimo l’impatto con l’asfalto per il povero Joni.
Il video mostra chiaramente come una ammiraglia abbia compiuto una mossa assolutamente folle, andando a tagliare la traiettoria del ciclista che stava sopraggiungendo. Il giovane finlandese è stato trasportato in ospedale e sembra essersela cavata con soltanto una clavicola rotta e qualche contusione.

Jaime Castrillo nuovo acquisto della Movistar

Jaime Castrillo firma con la Movistar

Jaime Castrillo

Jaime Castrillo neo acquisto della Movistar

Jaime Castrillo è il nuovo colpo di mercato della Movistar che ha già messo sotto contratto Mikel Landa (Team Sky), Jaime Rosón (Caja Rural-Seguros RGA) e Eduardo Sepúlveda (Fortuneo-Oscaro). Castrillo ventunenne aragonese ha vinto quest’anno il titolo spagnolo a cronometro per la categoria Under 23 con la maglia della Lizarte, mettendosi in mostra inoltre per via della sua costanza di rendimento sia nelle cronometro che in corse impegnative.

Fisico da passista (186 cm di altezza per un peso di 65kg) proviene dallo stesso team in cui hanno militato Richard Carapaz (2016), Marc Soler e Antonio Pedrero (2015) e Dayer Quintana (2014).