Marco Zamparella vince il Pantani

Marco Zamparella colpo a sorpresa al Pantani

Marco Zamparella

Marco Zamparella vince il Memorial Pantani

Marco Zamparella è  il vincitore a sorpresa del Memorial Pantani valido per la Ciclismo Cup. L’atleta dalla Amore & Vita – Selle SMP ha tagliato per primo il traguardo davanti ad un Diego Ulissi in forma mondiale il che rende ancor più memorabile l’impresa de “Il poeta” (cosi soprannominato per la passione per la poesia).

Dopo una quindicina di chilometri a ranghi compatti, iniziano gli attacchi di vari atleti senza che il gruppo dia il “via libera” alla fuga; bisogna arrivare al cinquantesimo chilometro di corsa perché parta una fuga. Sono due i corridori che riescono ad allungare. Sebastian Schonberger della Tirol Cycling e Marco Zamparella della Amore & Vita – Selle SMP.

I fuggitivi raggiungono anche i cinque minuti di vantaggio sul gruppo degli inseguitori poi la nazionale italiana prende in mano le operazioni per completare il ricongiungimento. Il distacco si abbassa lievemente e sulla salita di  Montevecchio la  coppia della Androni-Sidermec Mattia Cattaneo ed Egan Bernal, affiancata dall’azzurro Diego Ulissi va prima a riprendere e staccare l’austriaco Schonberger, poi va a riportarsi su Zamparella, formando un quartetto in testa alla gara.

 

Ai meno cinque chilometri dal traguardo il gruppo è ancora a oltre un minuto dai primi, è evidente che sarà volata a ranghi ristretti. Parte la volata e a sorpresa ad imporsi è assolutamente l’outsider del gruppetto: vince Marco Zamparella e trionfa, dunque, davanti a Diego Ulissi, che può ritenersi soddisfatto della sua condizione prima della partenza per Bergen, terza e quarta piazza per  Bernal e Cattaneo che consentono alla Androni di mantenere la testa della Ciclismo Cup.

 

Trentin con lode alla Primus Classic

Trentin con lode! Non si ferma più il corridore della Quick Step

Trentin con lode

Matteo Trentin della Quick-Step Floor

Trentin con lode, dopo le quattro tappe conquistate alla Vuelta Espana, Matteo non si accontenta e, per arrivare pronto per il Mondiale di Bergen, il 28enne della Quick-Step Floors ha vinto oggi in Belgio la Primus Classic. La corsa belga, giunta alla settima edizione, è stata caratterizzata dalla fuga iniziale di sei corridori: Martijn Budding, Tom Devriendt, Romain Guillemois, Guillaume Haag, Alex Kirsch e Kenny Molly  che  non hanno mai avuto un vantaggio superiore ai quattro minuti.

A poco circa 60 chilometri dall’arrivo  ha rotto gli indugi la Quick-Step Floors con Matteo Trentin e Fernando Gaviria che si sono portati dietro anche Paul Martens della LottoNL-Jumbo ed il duo del BMC Rcaing Team  Loic Vliegen e Floris Gerts. I fuggitivi sono stati poi raggiunti da altri elementi fino a formare un gruppetto di una quindicina di attaccanti in cui la formazione di Trentin ha controllato fino a sette chilometri dal traguardo quando è stato proprio Trentin ad allungare assieme a  Jempy Drucker.

Ai meno tre dall’arrivo altro attacco del nostro straordinario corridore a cui il compagno di fuga non ha saputo reagire. Matteo Trentin ha quindi tagliato per primo, da solo, il traguardo di Boortmeerbeek: Jempy Drucker ha salvato la seconda posizione a pochi secondi, terzo ha chiuso André Greipel che ha vinto la volata del gruppo

 

Fabio Aru svela i programmi di fine stagione

Fabio Aru svela in quali corse sarà protagonista in quest’ultima parte di stagione

Fabio Aru svela

Fabio Aru al taglio del nastro di CosmoBike

Fabio Aru svela i suoi programmi per la parte finale di questa stagione contraddistinta dall’infortunio che gli ha impedito di prendere parte al Giro d’Italia e a modificare tutta la tabella di marcia annuale. Per presentare i suoi prossimi obiettivi, il sardo ha utilizzato la cassa di risonanza del CosmoBike manifestazione di settore in corso di svolgimento a Verona.

“Sto recuperando dalle fatiche della Vuelta, la corsa spagnola è stata davvero più dura del previsto ma conservo molta voglia di correre e mi sto, dunque, preparando per il finale di stagione. I miei obiettivi sono Giro dell’Emilia, Tre Valli Varesine, Milano-Torino e Giro di Lombardia. Mi approccio a queste gare con l’obiettivo di fare risultato e spero davvero di regalare qualche soddisfazione a tutti i miei fans”.

Il Cavaliere dei Quattro Mori è stato voluto dall’organizzazione dell’evento al momento del taglio del nastro della fiera veronese assieme alle massime autorità locali

 

Tanel Kangert incubo finito

Tanel Kangert torna a correre alla Tartu Rattamaraton

Tanel Kangert

Tanel Kangert

Tanel Kangert, corridore dell’Astana, torna a correre dopo l’infortunio subito durante lo scorso Giro d’Italia nella tappa vinta da Bob Jungels. In particolare l’estone prenderà parte alla ventesima edizione della Tartu Rattamaraton, classica fuoristrada che che si disputerà il 24 settembre nel suo paese natale.

Tanel Kangert in passato ha già vinto la Maratona MTB di Tartu in due occasioni e in questa edizione proverà a testare come il suo fisico si adatterà alla corsa dopo tanti mesi di assenza. “Parteciperò alla Tartu Rattamaraton, sento che la condizione muscolare è ormai quasi ottimale, la gente mi chiede come sto e credo che il modo migliore per dare una risposta in corsa. Certo ammetto di temere un po’ questo ritorno in sella, non so cosa potrò effettivamente dare, ma le sfide mi hanno sempre intrigato e poter risalire in sella nella corsa che si disputa nel mio paese è ancor più affascinante”.

 

Linas Rumsas l’ombra del doping sulla morte

Linas Rumsas scomparso lo scorso 2 maggio in circostanze misteriose, ombra del doping?

Linas Rumsas

Linas Rumsas

Linas Rumsas figlio dell’ex corridore Raimondas Rumsas aveva appena 21 anni quando, a seguito di uno strano malore, è mancato lo scorso 2 maggio in circostanze non del tutto chiare che hanno portato la procura di competenza a indagare. L’inchiesta, coordinata dal sostituto procuratore Salvatore Giannino, hanno portato ad alcune perquisizioni avvenute all’alba di lunedì 4 settembre. Il commissario Silvia Cascino della squadra mobile di Lucca, dopo giorni di pedinamento, ha messo in atto un blitz e circondato l’abitazione della famiglia dello sfortunato corridore, le perquiszioni hanno portato al sequestro di ingenti quantità di sostanze dopanti o utilizzabili solo a seguito di prescrizione medica (che a quanto pare non era esistente).

Tra gli indagati della procura, sembra  figurare anche  Raimondas Rumsas padre e alcuni dirigenti della Altopack Eppela, la formazione per cui correva il giovane Linus. Le perquisizioni hanno coinvolto anche l’altro figlio Raimondas Rumsas jr, che invece non risulta indagato, così come il direttore sportivo del team.

 Sarà importante verificare l’esito degli esami tossicologici sui campioni prelevati dalla salma del povero Linas Rumsas.

Settimana Europea della Mobilità

Settimana Europea della Mobilità 16-22 settembre

Settimana Europea della Mobilità

Settimana Europea della Mobilità

Settimana Europea della Mobilità, in Italia FIAB e altri enti stanno organizzando un ricco calendario di eventi e iniziative volte a festeggiare e promuovere modalità di spostamento sostenibili. Come ogni anno a metà settembre torna la SEM che dal 12 al 22 febbraio promuoverà in tutto il territorio della Unione Europea migliaia di eventi a supporto della mobilità sostenibile.

Per l’edizione 2017 è stato scelto come focal theme “Mobilità pulita, condivisa e intelligente”, cui si accompagna lo slogan “Condividere ti porta lontano” e per il quale è stato realizzato un video promozionale, l’obiettivo per l’Italia è quello di superare il primato di adesioni registrato con l’edizione 2016, quando il numero di città aderenti è stato pari a 147.

Il protagonista principe di questi eventi sarà necessariamente la bicicletta e ci auguriamo che anche in Italia questa manifestazione possa essere un buon veicolo per promuovere l’uso delle due ruote. Il tema scelto dalla Commissione Europea per questa edizione 2017 è quello della condivisione: dall’uso dei mezzi di trasporto al Bike Sharing.

L’elenco degli eventi in programma si può provare sul sito della FIAB (Federazione Italiana Amici della Bicicletta)   http://www.settimanaeuropeafiab.it/eventi.php.

Per ulteriori informazioni e per adesioni alla Settimana Europea della Mobilità è possibile visitare il sito internet http://www.mobilityweek.eu

 

 

Manuel Quinziato questione di stile

Manuel Quinziato rinuncia allo crono a squadre!

Manuel Quinziato

Manuel Quinziato in maglia BMC

Manuel Quinziato è da sempre un esempio di professionalità e stile sulle due ruote e fuori dalle corse. Ne abbiamo parlato qualche tempo fa della sua scelta filosofico-religiosa di avvicinarsi alla cultura buddista, oggi vi raccontiamo di come l’etica di Manuel abbia prevalso sul desiderio di correre l’ultima cronometro della carriera.
Manuel, convocato dalla BMC Racing Team che domani cercherà di conquistare il titolo della cronosquadre al Campionato del Mondo su strada di Bergen, ha deciso di rinunciare a quello che  avrebbe dovuto rappresentare l’ultimo palcoscenico di una lunga e onorata carriera non per un vero problema fisico ma per la volontà di cedere il passo a un collega più competitivo.

“Avrei voluto poter prendere parte a questa ultima gara, la condizione non era ottimale ma ero certo di poter portare il mio contributo alla causa del mio team. Poi ho effettuato il sopralluogo sul percorso e mi sono reso conto per la prima volta di come sia veramente duro, con in primi 20 km tutti sali e scendi. Ho preso dunque la decisione di cedere il mio posto a Tejay van Garderen che era la prima riserva e che potrà dare di più di quanto posso offrire io. Ho alle spalle una lunga carriera, sono professionista da 16 anni e so che il percorso è più adatto a lui che a me. Non voglio fare una scelta egoistica proprio a fine carriera, la BMC è fortissima è può puntare alla medaglia. A questo punto sono a tutti gli effetti un ex corridore” ha affermato Manuel.

Che dire se non non “chapeau” di fronto a questo grandissimo professionista che ha anteposto l’interesse del proprio team ad un’ultima ribalta internazionale, Quinziato e il suo stile sicuramente mancheranno in gruppo!

 

Niklas Eg firma con la Trek Segafredo

Niklas Eg, talentuoso danese, si accasa alla Trek-Segafredo

Niklas Eg

Niklas Eg

Niklas Eg è uno dei talenti emergenti del ciclismo mondiale e uno degli atleti più contesi tra quelli ancora disponibili sul mercato, a dare la zampata vincente è stata la Trek-Segafredo di Luca Guercilena.
Il team americano ha ufficializzato l’accordo con il giovane talento danese proveniente dal Team Virtu. Il corridore scandinavo ha firmato un contratto biennale in forza delle ottime prestazioni fatte registrare alla Coppa della Pace, Giro della Val d’Aosta e, soprattutto, il terzo posto al Tour de l’Avenir.

“Approdare alla Trek-Segafredo per me è un sogno che si realizza – ha dichiarato Niklas Eg – questa per me rappresenta una enorme opportunità sia dal punto di vista professionale che umano. Penso di non poter fare una scelta migliore, il team è ben organizzato e ha un occhio di riguardo per i giovani. So che mi aspetta una stagione di apprendistato ma voglio provare a dare il mio aiuto al team ogni volta che mi chiameranno in causa. Spero un giorno di poter essere in grado di lottare per le grandi corse a tappe”.

Soddisfatto anche Luca Guercileta general manager del team: “Niklas sin da juniores ha sempre ben figurato ed è sempre stato competitivo ad alti livelli nelle prove internazionali. E’ uno scalatore che sa anche difendersi a cronometro ed ha il potenziale per diventare un futuro corridore per grandi giri”.

Kampioenschap Van Vlaanderen vince Gaviria

Kampioenschap Van Vlaanderen 2017, a segno Gaviria

Kampioenschap Van Vlaanderen

Fernando Gaviria

Kampioenschap Van Vlaanderen a festeggiare è, come un anno fa, il colombiano Fernando Gaviria che consegna alla a Quick Step Floors, la vittoria numero cinquanta in questa fantastica stagione.
Appena due giorni dopo il Grand Prix de Wallonie ecco il Campionato delle Fiandre, il cui solo nome dovrebbe evocare scenari suggestivi ma nella realtà dei fatti la corsa è simile ad un criterium tant’è che l’arrivo è in volata.

Ad imporsi dopo quasi quattro ore e mezza di corsa è Fernando Gaviria, il quale conferma che sta ritrovando un nuovo picco di forma dopo lo straordinario Giro d’Italia. Il colombiano anticipa Dylan Groenewegen (LottoNL-Jumbo) e il belga Jasper De Buyst (Lotto Soudal).