Mondiali Paralimpici Italia d’oro con Zanardi

Mondiali Paralimpici grande Italia con Zanardi & C.

Mondiali Paralimpici

Alex Zanardi ai Mondiali

Mondiali Paralimpici a Pietermaritzburg (Sudafrica) e pioggia d’oro sulla compagine Italiana grazie a  Francesca Porcellano e ai tre trionfi di Zanardi (H5), Cecchetto (H3) e Mazzone (H2) nelle provo a crono handbike.

Il CT Mario Valentini aveva tenuto i suoi sulla corda preannunciando percorsi duri e difficili ma la nostra nazionale, non vi è dubbio, è la più competitiva la mondo. Non molliamo mai e siamo stati capaci di fare l’impresa più dura: confermarci ai vertici mondiali.

Grande prova di Alex Zanardi per cui ormai gli aggettivi si sono persi. A quasi 51 anni ha accettato la sfida di  Tim De Vries e lo ha battuto sul filo di lana staccandolo di soli 2”63. L’ex pilota di Formula 1 si è cosi confermato campione iridato dopo la vittoria ottenuta a Nottwill in Svizzera nel 2015.

Più larga la vittoria di Paolo Cecchetto,  campione paralimpico a Rio, che ha chiuso in 39’30”59 precedendo di 25”38 lo svizzero Heinz Frei e di 52”39 il canadese Charles Moreau. Bene anche Vittorio Podestà che ha terminato la prova con un distacco di 1’12”43 in quinta posizione.

Soddisfazione immensa anche per Luca Mazzone che ha chiuso in 29 minuti e 19 secondi davanti a William Groulx.

Campionato del Mondo XCO gli azzurri sono pronti

Campionato del Mondo XCO la squadra Italiana pronta per lottare

Campionato-del Mondo-XCO

Un momento di relax per i nostri ragazzi

Campionato del Mondo XCO MTB in Australia vedrà la compagine Italiana pronta per ben figurare nelle sfide di Cairns. Domenica scorsa in Val di Sole nell’ultima tappa della Coppa del Mondo XCO i corridori italiani hanno dimostrato di essere sulla strada giusta per ben figurare nella rassegna iridata.

Andrea Tiberi (Team NOB Selle Italia): “Le prime uscite qui in Australia sono di adattamento, corpo e mente devono abituarsi al fuso e al ritmo dell’Australia, ci stiamo rilassando per essere pronti alla sfida. Per ora ci dedichiamo a tenere in forma la gamba e altro il morale bevendo un caffè o una birra in compagnia, ma a breve arriveranno i giorni di battaglia”.

IL PROGRAMMA DEI MONDIALI 

Mercoledì 6 settembre
– 15:00 Team Relay
Giovedì 7 settembre
– 13:00 Donne Junior
– 15:00 Junior
Venerdì 8 settembre
– 14:30 Under 23 maschile
Sabato 9 settembre
– 10:00 Donne Under 23
– 12:00 Donne Elite
– 14:30 Elite maschile

Chris Lawless firma con il Team Sky

Chris Lawless altro colpo del Team Sky

Chris Lawless

Chris Lawless

Chris Lawless è uno dei talenti del ciclismo britannico, a soli 21 anni si è laureato campione nazionale Under 23 su strada ed andrà a incrementare la già folta pattuglia di giovani talenti del Team Sky.

Dopo Egan Bernal, Pavel Sivakov e Kristoffer Halvorsen, ecco che arriva un altro elemento capace di vincere  una tappa al Tour de l’Avenir 2017. La squadra britannica, forte di un budget elevato e di una grandissima visibilità per sponsor e atleti sta letteralmente facendo man bassa dei prospetti più interessanti del palcoscenico internazionale.

“Non credo ci siano al momento formazioni migliori del Team Sky – ha affermato Lawless -il mio 2017 è stato sicuramente positivo e l’ultima vittoria al Tour de l’Avenir è la ciliegina sulla torta perché esce un po’ dai miei canoni di corsa. Credo di poter migliorare tantissimo grazie alle capacità dei tecnici del team”

 

Trentin tripletta a Tomares

Trentin vince la sua terza tappa a Tomares

Trentin

Matteo Trentin fra tris

Trentin, Trentin, Trentin. Tripletta per il corridore della Quick Step Floors sul traguardo di Tomares nella Vuelta Espana 2017. Il corridore della Valsugana vince ed impone il suo dominio nella classifica della maglia verde. Insomma non c’è il due senza il Tre-ntin.

La tappa è caratterizzata da un fuga che si forma immediatamente e  che il plotone non prova nemmeno a contrastare,  in avanscoperta ci sono  i francesi Arnaud Courteille (FDJ) e Alexis Gougeard (AG2R La Mondiale), il belga Thomas De Gendt (Lotto Soudal) e gli azzurri Davide Villella (Cannondale-Drapac) e Alessandro De Marchi (BMC Racing Team). I cinque raggiungono un vantaggio massimo di oltre quattro minuti.

Dopo una serie di screzi tra i fuggitivi, con attacchi e contrattacchi il gruppo comincia a farsi sotto con le squadre dei velocisti che impongono un ritmo serrato per completare l’inseguimento. De Marchi ci prova ma le gambe sono un po’ provate dalla fuga e i velocisti, un po’ bistrattati in questa edizione della corsa iberica, non vogliono perdere l’appuntamento con la volata finale.

Il gruppo si compatta e tutto fa pensare alla volata ma ai meno 900 metri è Alexey Lutsenko a provare la sparata ma per il kazako è un fuoco di paglia. Si mette in testa Julian Alaphilippe, e la sua sparata spezza in gruppo. La volata è riservata a pochi eletti, fra i quali si trovano i primi due della generale. Ci prova Schwarzmann, ma alle sue spalle parte Matteo Trentin che con incredibile autorevolezza va ad imporsi per la terza Volta

Tanta soddisfazione per Trentin e per Davide Cassani che si trova tra le mani, assieme ad Elia Viviani, un corridore davvero in palla per giocarsi le sue carte al Campionato Mondiale di Bergen.

In generale nulla cambia e domani si torna a salire.

Erez Zarum l’uomo dell’Everesting

Erez Zarum ha conquistato sette Everesting

Erez Zarum

Erez Zarum sul Gavia

Erez Zarum, a molti questo nome non dirà nulla.  è un ragazzo israeliano, amante delle due ruote e soprattutto delle sfide al limite dell’impossibile tra cui, appunto, le Everesting.

Vi abbiamo parlato qualche giorno fa di questo genere di sfide, una nuova frontiera del ciclismo estremo per certi versi anche un po’ controverso. La sfida non è complicata: bisogna prendere in considerazione una salita e ripeterla fino a che non si raggiungono gli 8848 metri di dislivello.

Ma torniamo a Zarum, dopo aver ottenuto  il record sia sul Gavia che sullo Stelvio,  l’israeliano ha provato con una salita più breve: dagli impianti di risalita del Mottolino fino all’ingresso dell’Alpen Village Hotel di Livigno. Questa sfida, come spiega lo stesso Erez, era particolare in quanto in totale l’ascesa misurava circa un chilometro e mezzo e quindi vi era la necessità di percorrerla circa 100 volte!

Il problema principale di questa prova, brillantemente superata da Zarum, è quello che intervallare brevi tratti di salita con rapide discese ha comportato un continuo raffreddamento muscolare non facile da sopportare. Ad ogni modo il brillante corridore israeliano ha messo nel suo curriculum anche questa Everesting.

Era quali sono i prossimi obiettivi di Zarum?  Realizzare il doppio Everesting del Gavia. 17696 metri di dislivello in 24 ore. Numeri da capogiro, ma i record sono fatti per essere superati.

 

 

Tour of Alberta 2017 presentazione

Tour of Alberta 2017 ecco tutte le informazioni

Tour of Alberta 2017

Tour of Alberta 2017

Tour of Alberta 2017 rappresenta la prima delle corse che caratterizzano il calendario canadese che hanno come manifestazioni di punta le due classiche WorldTour del Quebec e di Montréal. La quinta edizione del Tour of Albert è in programma dal 1 al 4 settembre e percorrerà, come di consueto, la provincia occidentale del Paese Nordamericano. Lo scorso anno a trionfare fu Robin Carpenter che iscrisse il suo nome nell’albo d’oro dopo quelli di Rohan Dennis, Daryl Impey e Bauke Mollema

 

Tour of Alberta 2017: il percorso

Sono quattro le tappe di questa gara che presenta un tracciato non banale; fin dalla prima frazione è previsto un arrivo in salita a Marmot Basin, nota stazione sciistica canadese che già andrà a delineare la classifica generale. Le due frazioni centrali sono dedicate, invece, ai velocisti con arrivi a  Spruce Grove ed Edmonton. L’ultima tappa presenta un percorso vallonato con non poche asperità che potrebbero essere il trampolino di lancio per chi vuole conquistare una vittoria di tappa e, perché no, provare a modificare la classifica finale.

Tour of Alberta 2017: Starting List

L’unico team World Tour presente sarà la Cannondale-Drapac mentre l’unica Professional  sarà la UnitedHhealthcare, a questi due team si affiancano una serie di formazioni Continental pronte a darsi battaglia. Da segnalare la presnza della Amore & Vita – Selle SMP in cui militano gli unici corridori italiani al via del Tour of Alberta 2017 (Marco Zamparella, Pierpaolo Ficara, Marco Bernardinetti, Luca Covili e Francesco Mancini).
Tra i corridori di maggior interessa spiccano: Tom Jelte Slagter(Cannondale-Drapac), Rob Britton ed Evan Huffman (Rally Cycling), Janier Acevedo(Unitedhealthcare), Serghei Tvetcov (Jelly Belly), Oscar Sevilla (Medellin – Inde).