GIRO 100: IL MORTIROLO SARÀ LA SALITA SCARPONI

Il Giro d’Italia non può dimenticare un grande campione, un grande amico e un grande uomo che avrebbe corso quest’anno la sua dodicesima Corsa Rosa. Ha pensato così di omaggiarlo dedicandogli in questa edizione una delle salite simbolo della corsa: il Mortirolo.

Questa salita, nota in tutto il mondo e rispettata da ogni ciclista, nel 2010 è stata per Michele Scarponi il trampolino di lancio della sua ultima vittoria al Giro d’Italia, all’Aprica, davanti a Ivan Basso e Vincenzo Nibali.

In occasione della Tappa 16 Rovetta-Bormio, di Martedì 23 Maggio, il corridore che transiterà per primo al Gran Premio della Montagna del Mortirolo otterrà un punteggio doppio rispetto a quello previsto nel regolamento e sarà premiato, sul podio finale di Milano, durante il cerimoniale di chiusura del Giro.

5000€ al migliore discesista. Corretto?

Arriva una novità  decisamente poco attesa e forse anche evitabile: al Giro d’Italia è stato inserito un premio per il miglior discesista che verrà assegnato tramite una classifica a punti, proprio come la maglia di miglior scalatore o di miglior velocista.

Il funzionamento? Saranno conteggiati i tempi di tutti i concorrenti su 10 discese di questo Giro d’Italia, tra cui lo Stelvio, il Tonale e il Pordoi . L’atleta col miglior tempo prende 8 punti oltre che un premio di 500 €, il secondo 5 punti, terzo, quarto e quinto da 3 a 1 punto.

Pare una scelta un po estrema, magari spettacolarizzante, ma forse poco rispettosa dell’incolumità degli atleti che già sfiorano il limite ad ogni curva spesso su terreni bagnati. Come si comporteranno i corridori?

Katusha – Alpecin per il Giro

La Katusha – Alpecin ha deciso il suo organico per il Giro d’Italia 2017. L’obiettivo dichiarato è di permettere a Ilnur Zakarin di conquistare un piazzamento importante, magari nei primi cinque della generale,  sfiorato lo scorso anno. Al fianco del russo ci sarà  Robert Kiserlovski e il giovane connazionale Matvey Mamykin, che punterà a ben figurare nella classifica dei giovani. Al loro fianco l’esperienza di Alberto Losada, Maxim Belkov e Angel Vicioso, con Viacheslav Kuznetsov e José Gonçalves in completamento dell’organico.

 

Cannondale – Drapac per il Giro

Sarà una Cannondale – Drapac con spiccata votazione all’attacco quella che si presenta  al Giro d’Italia 2017. La formazione statunitense si presenta al via  senza un capitano designato con l’obiettivo  di animare numerose frazioni, soprattutto quando la strada si fa difficile. Presenti i nostri  Davide Formolo e Davide Villella,  il primo per un buon piazzamento nella generale, il secondo per una vittoria di tappa. In salita la squadra potrà far affidamento su  Pierre Rolland (quarto nel 2014), e su altri due atleti interessanti a come Joe Dombrowski e Hugh Carthy.

Completano la squadra Mike Woods, Tom-Jelte Slagter, Kirstijan Koren e Alex Howes.

Morto Linas Rumsas

Sembra senza fine il momento terribile del ciclismo: dopo le morti di Michele Scarponi e Chad Young, arriva oggi la terribile notizia dell’improvvisa scomparsa di Linas Rumsas figlio di Raimondas Rumsas

Il giovanissimo (solo 21 anni) corridore in forza alla Altopack Eppela è stato ritrovato stamani senza vita dai propri familiari, probabilmente vittima di un malore. Non si hanno ulteriori dettagli di questa tragedia che ha straziato il cuore di amici e parenti.

Il giovane ciclista aveva iniziato bene la stagione con un terzo posto a Poggio alla Cavalla e il quinto piazzamento a Terranuova Bracciolini e si stava preparando per i prossimi appuntamenti.